IL BALLO DEL MATTONE – POCHI MESI FA IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO DELLA LEGA, CLAUDIO DURIGON, E IL CANDIDATO MELONIANO NEL LAZIO, FRANCESCO ROCCA, HANNO ACQUISTATO DUE APPARTAMENTI IN COMPLESSI RESIDENZIALI DI LUSSO A ROMA NORD, A PREZZI SCONTATI DI CENTINAIA DI MIGLIAIA DI EURO RISPETTO A QUELLI DI MERCATO (170 METRI QUADRI A 470MILA EURO PER DURIGON, 190METRI QUADRI A 570MILA EURO PER ROCCA) – IMMOBILI CHE ERANO DI PROPRIETÀ DELL’ENPAIA, L’ENTE DI PREVIDENZA PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA VIGILATO DAL MINISTERO DEL LAVORO DI CUI IL LEGHISTA È SOTTOSEGRETARIO – LE STRANEZZE NEGLI AFFARI IMMOBILIARI

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Emiliano Fittipaldi per “Domani”

 

claudio durigon foto di bacco (7) claudio durigon foto di bacco (7)

Facendo una visita nella zona prestigiosa della Camilluccia, a Roma, sbirciando sui citofoni di eleganti condomini e incrociando i dati pubblici delle visure camerali, Domani ha scoperto come politici di primo piano sono riusciti qualche mese fa ad ottenere case di lusso a prezzo di saldo. Sconti da favola ottenuti da potenti della Lega e da candidati di Fratelli d’Italia, da ex ministri degli Esteri e da sottosegretari del governo Meloni.

 

Che hanno nomi di peso come quello di Claudio Durigon, plenipotenziario nel Lazio di Matteo Salvini e sottosegretario al Lavoro, e di Francesco Rocca, presidente uscente della Croce Rossa voluto fortemente dalla premier come candidato a presidente della Regione Lazio.

 

francesco rocca foto di bacco francesco rocca foto di bacco

Le storie delle compravendite dei due appartamenti a prezzi scontati di centinaia di migliaia di euro rispetto a quelli di mercato evidenziano […] rapporti particolari che l’Enpaia, l’ente di previdenza per gli impiegati in Agricoltura guidato da Giorgio Piazza, ha con alcuni inquilini. L’Enpaia è un ente di diritto privato che paga le pensioni agli addetti del settore, e che dunque ha mantenuto - come si legge sul sito del ministero del Lavoro che ne detiene la vigilanza - la sua «natura pubblica, tanto che la legge affida» al dicastero per cui lavora Durigon «un sistema organico di controlli». […]

 

L’inchiesta di Domani parte a via Cortina d’Ampezzo, a casa di Durigon. Nel quadrante nord di Roma, anche se in discesa da qualche mese, i prezzi delle case sono in genere proibitivi per i comuni mortali. Circa 4-5mila euro al metro quadro secondo gli esperti specializzati.

 

Il sottosegretario al Lavoro ha potuto invece comprare a un prezzo scontatissimo un appartamento principesco all’interno di un complesso residenziale di proprietà dell’Enpaia. L’atto d’acquisto è del 23 giugno 2022.

 

atto acquisto casa claudio durigon atto acquisto casa claudio durigon

Durigon e la moglie Alessia Botta (il primo per un decimo, la seconda per 9 decimi della proprietà) comprano per appena 469 mila euro un appartamento di otto vani, di 170 metri quadri catastali complessivi, con terrazzo angolare e balcone. Compreso nel prezzo anche un box auto: solo quest’ultimo, a prezzi attuali di mercato, vale oltre 50mila euro.

 

La coppia ha pagato Enpaia versando 9 assegni circolari ottenuti con un mutuo da 450 mila euro acceso presso la Banca del Frusinate. «Il prezzo di vendita» si legge nell’atto del notaio Giovanni Floridi «è stato determinato con le riduzioni di sconto previste nelle linee guida rispetto al valore determinato» dalle stime di una società terza, la Arc Re, che ha fatto la valutazione del patrimonio che Enpaia ha messo sul mercato.

 

Nell’atto di compravendita non viene indicato la percentuale di sconto, ma in alcune delibere Enpaia su altri condomini e nelle note dell’ente si fa riferimento sempre a uno sconto del 30 per cento, destinato però «solo agli inquilini» che hanno sottoscritto contratti di locazione «da oltre 36 mesi».

 

atto acquisto casa claudio durigon atto acquisto casa claudio durigon

Ma quando è entrato Durigon nella casa come affittuario? Nel novembre 2017, quando il politico era vicesegretario della sindacato di destra Ugl e stava flirtando con la Lega di Salvini. Il rogito segnala però un dettaglio importante: il conduttore del contratto di affitto con l’ente previdenziale non era Durigon, ma l’Ugl. Il sindacato è rimasto il conduttore ufficiale dell’appartamento anche quando qualche mese dopo, nel marzo del 2018, Durigon prima è entrato in parlamento e poi è nominato sottosegretario al Lavoro del governo giallo-verde del Conte I. «È già capitato che il Sindacato abbia sostenuto l’onere della locazione a uso abitativo per alcuni dirigenti a livello nazionale non residenti a Roma» spiegano dalla confederazione […]

 

atto acquisto casa francesco rocca atto acquisto casa francesco rocca

L’Ugl (o meglio l’inquilino Durigon) sono riusciti a entrare nell’appartamento giusto in tempo per comprare con lo sconto qualche anno dopo. Solo un anno e mezzo prima il consiglio di amministrazioni di Enpaia aveva emesso delle delibere (citate nel contratto di compravendita) in cui comunicava di volere dismettere nell’immediato futuro parte del patrimonio immobiliare: in una prima delibera del 2015 (che contiene una lista di palazzi da vendere, dove non è presente quello di via Cortina d’Ampezzo) si chiarisce come diritto di prelazione sarà per gli inquilini, e il prezzo di vendita sarà proposto «con l’abbattimento pari al 30 per cento rispetto al valore di mercato libero». […]

 

Nel 2017 Durigon è entrato in casa come vicesegretario della Confederazione, che gli pagava anche l’affitto. Certamente fino a marzo 2018. E poi? Chi ha pagato? «Allorché nel 2018 è stato eletto alla carica parlamentare, l’onere della locazione è correttamente traslato in capo allo stesso Durigon», dice l’Ugl. Tuttavia nel 2022, almeno a leggere il contratto di vendita, è ancora l’Ugl ad apparire come unico e legittimo conduttore della locazione. Se il sottosegretario Durigon pagava davvero lui l’affitto, come mai non è stata fatta una “voltura” del contratto a suo nome? […]

 

claudio durigon foto di bacco (5) claudio durigon foto di bacco (5)

Di certo, le stranezze nell’affare Durigon sono molte. Come il rischio di conflitti di interessi multipli: non solo il leghista è stato infatti invitato spesso alle relazioni annuale della fondazione presieduta da Piazza, ma nel board dell’ente siede per statuto un rappresentante del ministero del Lavoro. Uffici che Durigon conosce benissimo, visto che ha ricoperto il ruolo di sottosegretario due volte: nel 2018 con il Conte 1 e ora con Meloni premier. Infine, se il ministero si occupa direttamente della vigilanza sulla fondazione, la delega è stata di competenza diretta di Durigon sia nel 2018 sia nel governo attuale. […]

 

Per la cronaca, i condomini del complesso della Camilluccia oltre Durigon hanno spesso incontrato anche Franco Frattini, ex ministro degli esteri e presidente del Consiglio di Stato prematuramente scomparso: anche lui ha affittato dall’Enpaia nel 2017 come Durigon, e anche lui nel 2022 ha comprato con lo sconto un attico da 230 metri quadri (con terrazzo perimetrale), un altro più piccolo da 67 metri quadri nello stesso stabile, più un box auto. Alla cifra complessiva di appena 840 mila euro.

 

claudio durigon giovanni donzelli francesco rocca foto di bacco claudio durigon giovanni donzelli francesco rocca foto di bacco

La vicenda di Durigon riporta a un vizio antico: quello di certi politici fortunati che si sono comprati case e attici da sogno a prezzi che la gente normale nemmeno si sogna. Senza dimenticare vecchi casi di affitti ridicoli appannaggio solo di furbi e dei ben introdotti.

 

Scandali su cui chi scrive indaga da anni, e su cui cadono mediaticamente tanti potenti: è scivolata Renata Polverini, ex presidente della Regione Lazio, che ha abitato per anni in una casa popolare dell’Ater con il marito senza averne le credenziali, pagando 300 euro al mese in un dei quartieri più belli di Roma.

 

durigon salvini durigon salvini

La passione per il mattone ha travolto Claudio Scajola, pizzicato a fare un affare stellare vista Colosseo «a sua insaputa». Problemi ne ebbe anche Filippo Patroni Griffi, ex capo del Consiglio di Stato come Frattini e oggi giudice costituzionale, che comprò una casa dall’Inps a 177 mila euro rivendendola poi a 800 mila euro. […]

 

La moda delle case scontate è dura a morire. Così, oltre a quella di Durigon, una nuova compravendita immobiliare potrebbe creare qualche impaccio anche a chi si appresta a diventare, sondaggi alla mano, il nuovo presidente della Regione Lazio. Cioè Francesco Rocca, ex Fronte della Gioventù con un passato turbolento (fu condannato giovanissimo a tre anni per spaccio di eroina) candidato dalla Meloni in persona al posto di esponenti del suo partito, su tutti il reietto Fabio Rampelli.

 

francesco rocca foto di bacco (2) francesco rocca foto di bacco (2)

Anche Rocca ha acquistato infatti appena un mese e mezzo fa, il 14 dicembre 2022, un appartamento dell’Enpaia, a 400 metri da quello di Durigon. In un altro complesso immobiliare di proprietà dell’ente, immerso nella quiete e nel verde.

 

Nel contratto che Rocca firma con la fondazione prima si ricorda come «Enpaia ha riconosciuto un diritto di prelazione sulle unità immobiliari nei conduttori titolari di contratto di locazione», e poi si specifica che lo stesso Rocca ha un affitto «in essere», registrato a maggio del 2019. Anche qui, l’allora presidente della Croce Rossa è entrato appena in tempo per beneficiare della possibilità di acquistare con lo sconto del 30 per cento tre anni dopo.

 

Ma cosa compra Rocca? Un appartamento di quasi 190 metri quadri con vari balconi, più cantina, un box auto e un altro posto scoperto, per poco più di mezzo milione di euro (570mila). Un affare d’oro chiuso grazie a un mutuo con la Banca Cambiano.

 

francesco rocca foto di bacco (5) francesco rocca foto di bacco (5)

Sentito al telefono, il candidato di Meloni spiega di non conoscere nessun dirigente di Enpaia, e di non essere stato raccomandato: «Le proposte di affitto erano online. Il primo sito che controllo in genere è il sito dell’Inpgi. Gli sconti per l’acquisto vengono modulati a secondo dell’anzianità. Io ho avuto il massimo, il 30 per cento, perché ero inquilino da più di 36 mesi. Comunque la delibera di vendita è arrivato molto dopo il mio ingresso come inquilino, lo scriva sennò sembra una strana coincidenza». […]

 

claudio durigon giorgia meloni claudio durigon giorgia meloni MATTEO SALVINI BRINDA ALLA FINE DEL GOVERNO DRAGHI CON UNA COCA COLA INSIEME A DURIGON MATTEO SALVINI BRINDA ALLA FINE DEL GOVERNO DRAGHI CON UNA COCA COLA INSIEME A DURIGON

 

claudio durigon giorgia meloni claudio durigon giorgia meloni francesco rocca foto di bacco (14) francesco rocca foto di bacco (14) francesco rocca foto di bacco (12) francesco rocca foto di bacco (12) francesco rocca foto di bacco (4) francesco rocca foto di bacco (4) francesco rocca foto di bacco (8) francesco rocca foto di bacco (8) francesco rocca foto di bacco (9) francesco rocca foto di bacco (9) claudio durigon foto di bacco (1) claudio durigon foto di bacco (1) giovanni donzelli francesco rocca foto di bacco giovanni donzelli francesco rocca foto di bacco durigon salvini durigon salvini

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...