LA BIENNALE NERA – SAPETE CHI E’ UN MAESTRO E UN PUNTO DI RIFERIMENTO, SPERIAMO SOLO GIOVANILE, DEL NEOPRESIDENTE DELLA BIENNALE DI VENEZIA, PIETRANGELO BUTTAFUOCO? IL TERRORISTA NERO FRANCO FREDA, TIMONIERE DI ORDINE NUOVO (STRAGE DI PIAZZA FONTANA, 1969), DICHIARATO COLPEVOLE DI ASSOCIAZIONE SOVVERSIVA PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO ‘ARISTOCRAZIA ARIANA’ – NEL 2003, LO SCRITTORE SICULO-MUSULMANO PUBBLICO’, PRESSO ‘ARISTOCRAZIA ARIANA’, “FOGLI CONSANGUINEI”, DOVE IL PRIMO DEI “CONSANGUINEI” È PROPRIO IL SUO EDITORE FREDA, E NEL QUALE SI SPROLOQUIA DELL’ESISTENZA DELLA “MEMORIA DEL SANGUE”, FORMULA DI ANTICA MEMORIA PER STABILIRE IL PRIMATO DELLA RAZZA…

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

 

pietrangelo buttafuoco foto di bacco (1) pietrangelo buttafuoco foto di bacco (1)

La sigla Ar è l’abbreviazione di Aristocrazia Ariana e così si chiamano le edizioni di Franco Freda, un nome che brilla come una stella nel firmamento del terrorismo nero, e che è stato dichiarato colpevole di associazione sovversiva per la costituzione del gruppo di Ar, appunto.

 

Un gruppo formato da sostenitori di questa casa editrice neofascista, tradizionalista e neonazista, che si ispira a Julius Evola. Freda accusato di aver organizzato la strage di piazza Fontana del 1969, inizialmente è stato assolto per mancanza di prove (cosiddetta "formula dubitativa").

 

Ma la Cassazione nel 2005 ha affermato che la strage fu realizzata dal “gruppo eversivo  Ordine Nuovo…. capitanato da Franco Freda e Giovanni Ventura”, e ha dichiarato che i due non sono più processabili in quanto “irrevocabilmente assolti dalla Corte d’assise d’appello di Bari”.

 

Fogli consanguinei di Pietrangelo Buttafuoco - pubblicato da Aristocrazia Ariana Fogli consanguinei di Pietrangelo Buttafuoco - pubblicato da Aristocrazia Ariana

Adesso Freda, il timoniere del famigerato Ordine Nuovo, pubblica tomi e volumi che discettano sul tema della democrazia e dei mali che questa comporta: nel novembre 2022 la sua libreria di Avellino è stata perquisita in quanto considerata la base di una cellula neonazista.

 

Freda è un maestro e un punto di riferimento, speriamo solo giovanile, del neopresidente della Biennale di Venezia, Pietrangelo Buttafuoco. Presso Aristocrazia Ariana, il cui nome è già tutto un programma, Buttafuoco nel 2003 ha pubblicato “Fogli consanguinei” dove il primo dei “consanguinei” è proprio il suo editore, il terrorista nero.

 

A Freda il quale “s’intende di libertà per essere stato rinchiuso nel cattiverio (sic) delle prigioni democratiche” e che è stato “toccato dalla legge Mancino … come istigatore all’odio razziale” (un’accusa non proprio irrilevante), il saggista Buttafuoco chiede di spiegare cosa è la “democrazia”. Glielo chiede proprio perché è un nemico della stessa.

 

Franco Freda Franco Freda

Freda è un “uomo di grande cultura”, dice Buttafuoco del suo editore, “inarrivabile, solitario  e anche spiritoso”(sai che risate parlando di democrazia con un sovversivo razzista). Ma è anche un intellettuale fumoso e incomprensibile quando sentenzia che “la ricerca dell’originario è una conversione della forma mentale che si volge all’origine e all’alto e non al futuro e al basso come effetto dell’entropia …”.

 

Questo linguaggio ermetico conquista lo stesso lo scrittore siciliano convertitosi all’Islam e gli ricorda quello del grande Jorge Luis Borges. Buttafuoco alla fine afferra quello che conta e cioè che esiste la “memoria del sangue”, formula di antica memoria per stabilire il primato della razza.

 

Franco Freda Franco Freda

Insomma se questo è il maestro cosa sarà l’allievo? E quali sono i principi democratici (?) del nuovo intellettuale di punta che guiderà la Biennale della Italia democratica (?)…

Franco Freda Franco Freda pietrangelo buttafuoco foto di bacco (2) pietrangelo buttafuoco foto di bacco (2) Franco Freda Franco Freda meloni buttafuoco meloni buttafuoco

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)