BOSCHI GT - LA MADONNINA DI AREZZO E’ L’UNICA A USUFRUIRE DI UN’AUTO BLU SUPERIORE A QUELLA CHE SPETTA AI MINISTRI: VIAGGIA IN BMW CON UNA CILINDRATA DA 1600 CC DAI VETRI OSCURATI

Palazzo Chigi ha ordinato per lei alla Bmw un treno di gomme da neve, arrivato il 5 dicembre scorso per 1.708 euro di spesa. Quasi mai quelle gomme vengono montate a Roma, dove principalmente si usa l’auto blu - O forse la Boschi ha deciso di girare l’Italia con la sua auto blu dove nessuno può riconoscerla?...

Condividi questo articolo


Franco Bechis per "Libero Quotidiano"

 

MARIA ELENA BOSCHI IN BMW MARIA ELENA BOSCHI IN BMW

Maria Elena Boschi è il ministro più in crescita dell’esecutivo guidato da Matteo Renzi. Lo si capisce anche da piccole cose: palazzo Chigi le ha concesso un’auto blu ben superiore a quella che spetta al rango di ministro senza portafoglio: una bella Bmw che supera ampiamente la cilindrata di 1.600 cc prevista per tutto il governo da un decreto del 2011.

 

Sulla Bmw a inizio estate la Boschi ha fatto applicare anche la pellicola oscurante dei vetri in modo da non essere riconosciuta quando va in giro. Ora la prova definitiva di un ministro in rapida ascesa… Palazzo Chigi ha ordinato per lei alla Bmw un treno di gomme da neve, arrivato il 5 dicembre scorso per 1.708 euro di spesa. Quasi mai quelle gomme vengono montate a Roma, dove principalmente si usa l’auto blu.

LA MANO DI RENZI SULLA SCHIENA DI MARIA ELENA BOSCHI LA MANO DI RENZI SULLA SCHIENA DI MARIA ELENA BOSCHI

 

Nevicate da quelle parti sono piuttosto rare ed eccezionali: che sia un campanello di allarme per il sindaco Ignazio Marino, destinato a restare seppellito pure sotto una valanga di neve come Gianni Alemanno? O forse la Boschi ha deciso di girare l’Italia con la sua auto blu dove nessuno puà riconoscerla, programmando qualche puntatina sui monti? Lo sapremo nelle prossime settimane. Bianche o meno che siano… 

 

Condividi questo articolo

politica

CAVOLETTI DI BRUXELLES – L’UNIONE EUROPEA NON SI FIDA DELL’ITALIA, NONOSTANTE DRAGHI: I RILIEVI CHE HANNO ACCOMPAGNATO L’APPROVAZIONE DELLA MANOVRA NON SONO CASUALI – I TECNICI DELL’UE SONO ALLARMATI DA DUE NODI CRUCIALI: IL PRIMO RIGUARDA LA RICHIESTA DEI PRESTITI. L’ITALIA È L’UNICO PAESE AD AVER CHIESTO L’INTERO PACCHETTO SIA DI “GRANTS” CHE “LOANS”. E POI C’È L’ALLARME SULLA “MESSA A TERRA” DELLE OPERE. CIOÈ LA COSTRUZIONE CONCRETA DELLE INFRASTRUTTURE…

MATTARELLA BIS? YES! – GLI AMERICANI TIFANO PER UN SECONDO MANDATO DI SERGIONE. IL POLITOLOGO JOSEPH LA PALOMBARA (YALE): “A WASHINGTON NESSUNO DUBITA CHE SAREBBE UNA BUONA NOTIZIA PER IL PAESE” – “LA LEADERSHIP DI DRAGHI NELL'UE È  ESSENZIALE, TANTO PIÙ ORA CHE ANGELA MERKEL È PRONTA A RITIRARSI. PUÒ CONTINUARE A DARE IL SUO CONTRIBUTO PIÙ FACILMENTE DA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO” – “BERLUSCONI? LA SUA ELEZIONE SAREBBE AMPIAMENTE CONSIDERATA, SE NON UN DISASTRO ALL’ITALIANA, QUALCOSA DI SIMILE A UNO SCHERZO”