LA BRIGATA SVALVOLATA DEL GENERALE VANNACCI – NELL’INNER CIRCLE DEL MILITARE C'E' UN EX MEMBRO DELL’ESERCITO CHE SI DEFINISCE "FASCISTA" - IL BRACCIO DESTRO (ALZATO) DEL GENERALE E' FABIO FILOMENI CHE, DOPO ESSERE STATO CONTESTATO A LIVORNO, FRIGNA SU FACEBOOK: "SONO FASCISTA, QUATTRO SCAPPATI DI CASA NON DOVREBBERO IMPEDIRE A CITTADINI NORMALI DI AVVICINARSI A UN TAVOLINO DOVE SONO ESPOSTI DEI LIBRI" - I SUOI FOLLOWER APPREZZANO E COMMENTANO: "SONO VIGLIACCHI DI MERDA COME I LORO ANTENATI PARTIGIANI"

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Matteo Pucciarelli per www.repubblica.it

 

FABIO FILOMENI FABIO FILOMENI

Al generale Roberto Vannacci costa un'immensa fatica definirsi antifascista, e infatti si rifiuta di farlo perché, a suo dire, “nei 139 articoli della Costituzione non ve ne è uno che citi fascismo o antifascismo né tale ‘requisito’ è richiesto per occupare una qualsiasi posizione istituzionale, a partire dal Presidente della Repubblica in giù”.

 

La strana ritrosia del militare "innamorato della Patria" e che definisce Benito Mussolini "uno statista" ha anche un'altra ragione: Vannacci è ampiamente circondato e sostenuto da nostalgici ed estremisti di destra.

 

Piccolo ma indicativo esempio, le parole del tenente colonnello in congedo Fabio Filomeni, uno dei più stretti collaboratori di Vannacci nonché presidente del comitato 'Il mondo al contrario'. Due giorni fa a Livorno, città con una certa tradizione antifascista, il banchetto dell'associazione è stato oggetto di una contestazione - in una democrazia esistono anche le contestazioni... - e l'ex collega del generale non l'ha presa bene, così sui social si è esercitato con questo testo: "Ebbene sì, forse hanno ragione quelli che ieri ci hanno chiamato fascisti. Sono fascista perché vorrei vivere in uno Stato dove per strada posso fare quello che mi è stato permesso dalle autorità.

 

ROBERTO VANNACCI - FABIO FILOMENI ROBERTO VANNACCI - FABIO FILOMENI

Sono fascista perché pretendo di promuovere le idee di un libro senza che nessuno cerchi di impedirmelo. Sono fascista perché vorrei che la legge tutelasse gli aggrediti e non gli aggressori. Sono fascista perché chi insulta un disabile merita di finire in cella per il tempo necessario a farlo pentire.

 

Sono fascista perché quattro scappati di casa senza arte né parte non dovrebbero impedire a cittadini normali di avvicinarsi a un tavolino dove sono esposti dei libri. Sono fascista, perché se quelli sarebbero i ‘democratici’ sono fiero di non essere come loro!".

 

ROBERTO VANNACCI - FABIO FILOMENI ROBERTO VANNACCI - FABIO FILOMENI

Ora, si potrà anche dire che si tratta di una provocazione, ma a leggere i commenti dei fans parrebbe proprio di no. Marco Sudati: «L’antifascismo è una piaga della nostra Nazione». Mario Rossi: «Toccherà ancora a noi dare una ripulita a questo paese, che ne dite?». Francesco Nicolosi: «Vigliacchi di merda come i loro antenati partigiani. Viva il generale».

 

Maurizio Di Cesare: «Sono fascista». Vincenzo D'Amico: «Io so' fascista tout court!». Fabrizio Di Gleria: «Il troppo permissivismo e la troppa democrazia sta permettendo tutto questo. Ci vuole un po' di sana dittatura», con annesso emoji della manina che negli ambienti sta per il saluto romano. Walter De Pieri: «Infami zecche rosse». Commenti lasciati serenamente lì, senza smentite o appunti.

salvini vannacci salvini vannacci

 

La coppia Vannacci-Filomeni è in buona compagnia. Il segretario dell'associazione che canta le odi del generale sospeso e funge da sua struttura pre-elettorale, Bruno Spatara, ex parà della Folgore, è anche lui un neofascista con un passato in Forza Nuova, Casapound e Azione Identitaria. […]

ROBERTO VANNACCI ROBERTO VANNACCI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CHE SUCCEDE SE IL 10 GIUGNO, APERTE LE URNE, IL DIVARIO TRA M5S E PD RISULTASSE MOLTO FORTE, O ADDIRITTURA ELLY SCHLEIN RIUSCISSE A DOPPIARE LA PERCENTUALE DEI 5STELLE? - I SOGNI DI GLORIA DI CONTE "LEADER DELLA SINISTRA” FINIREBBERO NEL CESTINO DELLE AMBIZIONI SBAGLIATE MA SOPRATTUTTO COMINCEREBBE LA GUERRA CIVILE NEL MOVIMENTO - CONTE HA CONTRO LA NOMENKLATURA CHE È STATA TAGLIATA FUORI DALLA NORMA DEL DOPPIO MANDATO: FICO, FRACCARO, BONAFEDE, BUFFAGNI, TAVERNA, RAGGI, DI BATTISTA, TUTTI MIRACOLATI CHE SI ERANO ABITUATI ALLA CUCCAGNA PARLAMENTARE DEI 15 MILA EURO AL MESE - ALL’OSTILITÀ DEI REDUCI E COMBATTENTI DEL GRILLISMO CON AUTO BLU, AGGIUNGERE LA FRONDA DEI PENTASTELLATI CHE NON HANNO PER NULLA DIGERITO L’AUTORITARISMO DI CONTE QUANDO HA SCELTO I SUOI FEDELISSIMI DA PIAZZARE IN LISTA PER LE EUROPEE, SENZA PASSARE DALLE SELEZIONI ONLINE E FACENDOLI VOTARE DAGLI ATTIVISTI IN UN ELENCO BLOCCATO... 

"NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" - IERI DAGOSPIA HA SANTIFICATO LA SANTA DOMENICA CON UNO SCOOP SU BERGOGLIO COATTO CHE OGGI IMPAZZA SU TUTTI I SITI (A PARTE ''REPUBBLICA'') - PAPALE PAPALE: I VESCOVI DEVONO SEMPRE   "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE"  - LO RIFERISCONO PARECCHI VESCOVI ITALIANI INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMO - BERGOGLIO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO