BRUSH HOUR! LEGGI OGGI LE NOTIZIE DI DOMANI - OGGI E’ SAN VITTORE E I POLITICI FINISCONO IN MANETTE - ESPLODE IL BUBBONE EXPO E LA POLITICA TORNA A TREMARE DI FRONTE AI PM

Sciaboletta Scajola in manette per ordine della procura di Reggio Calabria: avrebbe aiutato l’ex forzista Matacena a sfuggire alla cattura. A Milano esplode il bubbone Expo, con 7 arresti, tra cui l’ex deputato Grillo, Gianstefano Frigerio e il mitico Compagno “G” - Renzie invita la politica “a non mettere becco” nelle inchieste. Ma non sarà facile, con la campagna elettorale…

Condividi questo articolo

Francesco Bonazzi per Dagospia

Claudio ScajolaClaudio Scajola

Oggi il calendario cattolico celebra San Vittore martire e quello delle procure anche. In due distinte inchieste, tra Milano e Reggio Calabria, sono finiti in manette gli ex deputati forzisti Claudio Scajola e Luigi Grillo, manager e costruttori legati a Expo2015, e due vecchie conoscenze di Tangentopoli come Primo Greganti (Pci) e Gianstefano Frigerio (Dc e poi Forza Italia).

Matteo Renzi si sforza di tenere gli arresti eccellenti lontano dalla campagna elettorale e afferma che "la politica non deve mettere il becco nelle inchieste". Non sarà facile, perché Forza Italia già gli ricorda, con Barbara Carfagna, che serve la riforma della giustizia. E poi il nome di Silvio Berlusconi, nelle carte, c'è anche questa volta, anche se non risulta indagato.

matacena amedeomatacena amedeo

All'Expo manca solo un anno e l'Italia ci si gioca la faccia. Ma anche una montagna di miliardi - e poi di terreni edificabili, a capannoni smontati - e allora ecco la procura di Milano che parla di "cupola politica" per spartire i lavori. Al centro di questo primo filone ci sono un manager dell'Expo, Angelo Paris, e un costruttore che ha vinto un grosso appalto, Enrico Maltauro Intorno a loro, tra consulenze e tangenti mascherate, si sarebbero mossi vari mediatori politici. Nelle intercettazioni si parla anche di Maurizio Lupi, Gianni Letta, Cesare Previti e Silvio Berlusconi. Nessuno di loro è indagato, ma gli ultimi due sarebbero coinvolti in alcuni incontri e cene (almeno una ad Arcore) con gli arrestati di oggi. Le polemiche politiche, nei prossimi giorni, sono assicurate.

GREGANTI php jpegGREGANTI php jpeg

L'ex ministro degli Interni invece si è fatto arrestare nel giorno della Festa della Polizia dalla Direzione Antimafia di Reggio. Scajola è accusato di aver provato ad aiutare un altro ex deputato forzista, l'imprenditore Amedeo Matacena, a sottrarsi a una condanna per ‘ndrangheta. Nell'ordinanza di custodia cautelare, il gip scrive che tra i due vi sarebbero anche "cointeressenze economiche". Berlusconi si è detto addolorato, ma ci ha tenuto a far sapere che se ha detto di no alla candidatura di Scajola alle Europee non è perché subodorasse qualcosa, ma perché con lui si perdono voti. Matacena lo volevano mandare a Beirut, come Dell'Utri.

RENZI E CAMUSSORENZI E CAMUSSO

Il resto della giornata politica è poca cosa. Renzi fa nuove promesse e garantisce che nel giro di un anno sparirà la dichiarazione dei redditi come l'abbiamo conosciuta, ovvero un documento complicato e a misura di Caf (sindacati) e commercialisti. Mentre sulle riforme cala il silenzio, con Forza Italia che si prepara a salvare nuovamente il governo sul Senato, ritirando l'appoggio all'ordine del giorno Calderoli.

luigi grillo001 lapluigi grillo001 lap

Buone notizie dai mercati, con lo spread sotto quota 150 punti, ai livelli di tre anni fa. Mentre Mario Draghi ammonisce che un'uscita dalla moneta unica ci riporterebbe agli anni Settanta. Intanto, con l'Expo sembra tanto di tornare a vent'anni fa.

 

 

 

Condividi questo articolo

politica