IL BULLO DELLE NEVI - LA DISCESA CON BRIVIDO E SENZA CASCO DI RENZI SULLE PISTE DI COURMAYEUR: URTA PER SBAGLIO UNO SCIATORE MA NON SI FERMA A SOCCORRERLO - L’EX SCIATORE ROCCA: “HA SBAGLIATO, DOVEVA FERMARSI. QUANDO HO VISTO LE IMMAGINI, HO PENSATO: MA QUANTO È NEGATO SUGLI SCI?”

Il premier riesce a restare in equilibrio ma non si cura della caduta dell’altro sciatore, l’ex sciatore Rocca lo punge: “Quando si urta qualcuno bisogna sempre fermarsi, anche solo per chiedere: “Come va?” - E sciare senza casco, poi? Se persino Maria De Filippi si è convinta a indossarne uno. In Svizzera non è obbligatorio ma ce l’hanno tutti. Da noi, no…

Condividi questo articolo


RENZI SCI COURMAYEUR RENZI SCI COURMAYEUR

1 - MATTEO RENZI, DISCESA CON BRIVIDO

Da “Chi”

 

Courmayeur. Matteo Renzi si concede qualche giorno di relax sulla neve ma, durante una discesa, incrocia gli sci con quelli di un altro sciatore, che cade…il premier riesce a restare in equilibrio, ma sembra non curarsi proprio della caduta dell’altro sciatore. Che, in ogni caso, si è dotato prudentemente di un casco.

 

RENZI SCI COURMAYEUR RENZI SCI COURMAYEUR

2 - PAROLA DI ROCCA: DOVEVA FERMARSI!

La prima cosa che ho pensato quando ho visto le immagini è stata: “Ma quanto è negato?”. A parte gli scherzi, questo mi sembra un incidente dovuto a un “concorso di colpa”, uno dei più frequenti sulle piste. Se è vero che Renzi non si è fermato dopo aver fatto cadere un altro sciatore, ha commesso un errore grave. Quando si urta qualcuno bisogna sempre fermarsi, anche solo per chiedere: “Come va?”.

RENZI SCI COURMAYEUR RENZI SCI COURMAYEUR

 

E sciare senza casco, poi? Se persino Maria De Filippi si è convinta a indossarne uno…In Svizzera, dove non è obbligatorio, ce l’hanno tutti. Da noi, no. E con gli sci di oggi, i carver, così facili da usare anche per chi non ha nessuna esperienza e non sa frenare, aumentano i pericoli sulle piste e quindi il casco è davvero fondamentale. Come, del resto, la prudenza. 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)