CALA IL GELO TRA LA DUCETTA E LA DUCIONA -  L’INGRESSO DEL PARTITO DI ZEMMOUR, “RECONQUETE”, NEL GRUPPO DEI CONSERVATORI EUROPEI METTE UNA DISTANZA TRA GIORGIA MELONI E MARINE LE PEN (GRANDE RIVALE DI ZEMMOUR PER IL VOTO A DESTRA) - LA MOSSA ORGANIZZATA DA FRATELLI D'ITALIA (C’E’ LO ZAMPINO DELL'EURODEPUTATO VINCENZO SOFO, MARITO DI MARION MARÉCHAL, CAPOLISTA DI RECONQUÊTE ALLE PROSSIME EUROPEE) FA SALTARE IL PROGETTO DEL GRUPPO UNICO SOVRANISTA - LE PEN RESTERA’ IN “IDENTITA’ E DEMOCRAZIA” CON LA LEGA MA HA MOSTRATO INSOFFERENZA PER I TEDESCHI DI AFD…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Anais Ginori per www.repubblica.it

 

MELONI LE PEN 2 MELONI LE PEN 2

Le prove di dialogo tra Marine Le Pen e Giorgia Meloni sono già finite. L'ingresso del partito rivale Reconquête nel gruppo Ecr guidato dalla premier italiana segna una nuova rottura tra le due leader che sembravano volersi avvicinare. Meloni aveva sottolineato “l'evoluzione interessante” del Rassemblement National nella sua conferenza stampa di inizio anno e Le Pen aveva accolto con favore un “segnale dialogante” durante un incontro con i giornalisti qualche settimana fa.

 

GIORGIA MELONI E MARINE LE PEN GIORGIA MELONI E MARINE LE PEN

E invece la scelta dei nuovi "fratelli francesi” dei meloniani è un colpo di scena. Aver messo in scena l'arrivo dell'eurodeputato Nicolas Bay, eletto cinque anni fa nelle liste del Rassemblement National […] è considerato dai lepenisti come un errore, peggio uno sgarbo. […] Nel quartier generale del Rassemblement non ci sono dubbi sul fatto che la nuova alleanza con il partito di Eric Zemmour sia una manovra organizzata da Fratelli d'Italia, con Nicola Procaccini in prima linea e dietro le quinte l'eurodeputato Vincenzo Sofo, marito di Marion Maréchal, capolista di Reconquête alle prossime europee.

 

ERIC ZEMMOUR ERIC ZEMMOUR

La reazione dei lepenisti è durissima. Accusano i rivali zemmouriani di essere finiti “in un gruppo che è pro-Nato, anti-Pac, e a favore dell'allargamento ai Balcani e all'Ucraina” come sostiene François. Un attacco diretto all'eurogruppo guidato da Meloni. S'interrompe così bruscamente il corteggiamento a distanza che il presidente del Rn, Jordan Bardella, aveva confermato a inizio gennaio. “Vogliamo lavorare anche con Giorgia Meloni” aveva detto Bardella, capolista alle prossime europee con al 27% delle intenzioni di voto, mentre Reconquête si attesta intorno al 7%.

 

LE PEN MELONI LE PEN MELONI

Vista la violenza dei toni dopo la mossa dell’Ecr, il progetto di un unico gruppo dei sovranisti in Europa è ormai spacciato. Il Rassemblement National è destinato a restare nel gruppo Identità e Democrazia insieme alla Lega, anche se Le Pen ha preso le distanze dagli alleati tedeschi dell'Afd. […]

VINCENZO SOFO VINCENZO SOFO giorgia meloni vincenzo sofo giorgia meloni vincenzo sofo MARION LE PEN MATTEO SALVINI VINCENZO SOFO MARION LE PEN MATTEO SALVINI VINCENZO SOFO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO