LA CANDIDATA DEL PPE PER LA PRESIDENZA DEL PARLAMENTO EUROPEO È LA MALTESE ROBERTA METSOLA – L’ANNUNCIO DEI POPOLARI SU TWITTER: “È UNA CANDIDATA ECCEZIONALE PER LAVORARE CON TUTTE LE FAMIGLIE POLITICHE” - BERLUSCONI: “È UNA GRANDE AMICA DELL’ITALIA E SARÀ UN OTTIMO PRESIDENTE” (SEMPRE CHE L’ACCORDO CON I SOCIALISTI SULLA STAFFETTA REGGA)

-

Condividi questo articolo


PE: BERLUSCONI, PPE CANDIDA METSOLA ALLA PRESIDENZA

Roberta Metsola Roberta Metsola

(ANSA) - "Ho partecipato da remoto all'assemblea del gruppo del Partito popolare europeo. Abbiamo indicato l'onorevole Roberta Metsola quale nostro candidato a presidente del Parlamento europeo. Roberta è una grande amica dell'Italia e sarà un ottimo presidente, capace e imparziale". Così il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi su twitter.

 

PPE CANDIDA LA MALTESE METSOLA PER PRESIDENZA EUROCAMERA

MANFRED WEBER SILVIO BERLUSCONI ANTONIO TAJANI MANFRED WEBER SILVIO BERLUSCONI ANTONIO TAJANI

(ANSA) - L'eurodeputata maltese Roberta Metsola è la candidata scelta dal Ppe per correre alla presidenza del Parlamento europeo nel voto che si terrà a metà gennaio. Lo ha annunciato il gruppo dei Popolari al Parlamento europeo su Twitter. "È una candidata eccezionale per guidare questa istituzione e lavorare con tutte le famiglie politiche", si legge nel tweet.

SILVIO BERLUSCONI ANTONIO TAJANI SILVIO BERLUSCONI ANTONIO TAJANI SILVIO BERLUSCONI E MANFRED WEBER SILVIO BERLUSCONI E MANFRED WEBER ANGELA MERKEL SILVIO BERLUSCONI ANGELA MERKEL SILVIO BERLUSCONI

 

Condividi questo articolo

politica

È ARRIVATO IL MOMENTO DI UN ITALIANO ALLA NATO - IL NOSTRO PAESE, CON L'APPOGGIO DI MACRON, PUÒ SPOSTARE L'ASSE DELL'ALLEANZA SUL MEDITERRANEO - ROMA HA UN CREDITO DA RISCUOTERE CON WASHINGTON, DOPO IL FALLIMENTO DELLA CANDIDATURA DI FRATTINI, IMPALLINATO NEL 2004 PERCHÉ TROPPO VICINO A BERLUSCONI (E QUINDI A PUTIN) -  LASCIATE PERDERE L’AUTOCANDIDATURA DI RENZI. IN BALLO RICICCIANO I SOLITI NOMI: GENTILONI, MOGHERINI E ADDIRITTURA FASSINO. MA DRAGHI POTREBBE LANCIARE ANCHE LORENZO GUERINI, CHE DA MINISTRO DELLA DIFESA HA INTRECCIATO BUONI RAPPORTI CON WASHINGTON

LA RICONFERMA DI MATTARELLA AL COLLE? UN PANNICELLO CALDO - MASSIMO FRANCO: "NON RISOLVEREBBE L'INCOGNITA DEL FUTURO DI DRAGHI E DEL SUO GOVERNO. SERVIREBBE SOLO A NASCONDERE LE DIVERGENZE DENTRO E TRA LE FORZE POLITICHE, SENZA SALVARE L'ESECUTIVO. NAPOLITANO, RIELETTO DOPO UNA RICHIESTA PRESSANTE E QUASI UNANIME DEI PARTITI, QUANDO DUE ANNI DOPO SI È DIMESSO, È STATO SALUTATO IN MODO INGENEROSO DA MOLTE DELLE STESSE FORZE POLITICHE CHE LO AVEVANO PREGATO DI ACCETTARE. CONGELARE IL PRESENTE SIGNIFICHEREBBE SOLO RINVIARE I CONTI CON LA NUOVA FASE CHE L'ITALIA SI TROVA DI FRONTE…"