IL CARRELLO DEI TROMBATI - LA “SCELTA CINICA” DI PASSARE DAL BANANA A MONTI NON PORTA BENE A MARIO SECHI - IL SALTO DELLA QUAGLIA UDC PURGA ANCHE LA CARLUCCI - FUORI MAURIZIO PANIZ - SFUTURATI E TROMBATI ANCHE FINI, BOCCHINO, GRANATA E BRIGUGLIO - FUORI ANNALISA MINETTI, MANUELA DI CENTA (PDL), LA TARDONA SEXY CECCACCI RUBINO, IL TABACCIANO FLICK E OSVALDO NAPOLI…

Condividi questo articolo


Tommaso Ciriaco per "la Repubblica"

Fini e Bocchino davanti ai fotografiFini e Bocchino davanti ai fotografi ITALO BOCCHINO GIANFRANCO FINIITALO BOCCHINO GIANFRANCO FINI

Uno di quelli che l'ha presa peggio è stato Mario Sechi, escluso dal Senato per il misero 6% raccolto dai montiani in Sardegna. Arrivato ieri mattina nel quartier generale di Scelta civica, ha raccolto mestamente le sue cose, promettendo di tornare al giornalismo. Forse solo uno sfogo a caldo, come quello dei tanti rimasti scottati dall'esclusione.

ITALO BOCCHINO GIANFRANCO FINIITALO BOCCHINO GIANFRANCO FINI

L'Udc, ad esempio, prova a metabolizzare la sconfitta. Lorenzo Cesa, forse perché eletto, al telefono con Andrea Riccardi non perde il sorriso: «Pronto, qui è l'Avis...». Ridono meno i tre quarantenni centristi rimasti fuori: Roberto Rao, Gianluca Galletti e Mauro Libé. Resta senza scranno anche Gabriella Carlucci, decisiva per far cadere Berlusconi, e il calabrese Michele Trematerra. Appeso invece al rebus delle opzioni Ferdinando Adornato. Sui finiani è come se fosse passato un uragano. A casa Gianfranco Fini, Italo Bocchino, Carmelo Briguglio e Fabio Granata. Senza seggio Flavia Perina, Mario Baldassarri e Giulia Bongiorno.

MARIO SECHIMARIO SECHI

Anche i montiani pagano un prezzo alto a una performance sottotono. Non entra a Montecitorio l'olimpionica e cantante Annalisa Minetti. Fuori anche il portavoce di Scelta civica Lelio Alfonso e il ministro delle Politiche Ue Enzo Moavero. Esclusi due ex berlusconiani come Fabio Gava e Giuliano Cazzola.

Evitato il crollo elettorale, il Pdl riesce a traghettare alle Camera tutti i big uscenti. Resta invece a casa la campionessa olimpica Manuela Di Centa, un berlusconiano di lungo corso come Osvaldo Napoli, l'ex attrice Fiorella Ceccacci, l'ultra democristiano Mario Baccini.

gabriella carlucci foto mezzelani gmtgabriella carlucci foto mezzelani gmt

Senza seggi anche Amedeo Laboccetta, Mario Pepe, Melania Rizzoli, Peppino Calderisi e l'avvocato Maurizio Paniz, che in Aula sostenne la parentela tra Ruby e Mubarak. Il destino di Bruno Archi ed Eugenia Roccella, primi dei non eletti, dipenderà dall'opzione di Alfano. E lo stesso filo lega il Cavaliere a Domenico Scilipoti. Tra i leghisti non passano l'esame del voto Andrea Gibelli e Maurizio Fugatti. Zero eletti tra i "bossiani", esclusi direttamente dalle liste.

MAURIZIO PANIZMAURIZIO PANIZ

Nel Pd clamorosa sconfitta per Franco Marini. Niente seggio anche per Anna Paola Concia, Luciana Pedoto, Paolo Fadda, Anna Maria Carloni (moglie di Bassolino) e per la vicepresidente della Regione Puglia Loredana Capone. Sconfitto anche il renziano Giorgio Gori. Sinistra e libertà non riesce a far eleggere l'allenatore Renzo Ulivieri e Roberto Natale, ex presidente della Fnsi. E niente scranno per il presidente emerito della Consulta Giovanni Maria Flick, candidato con Tabacci.

PARALIMPIADI 2012 - ANNALISA MINETTI CON LA MEDAGLIA DI BRONZOPARALIMPIADI 2012 - ANNALISA MINETTI CON LA MEDAGLIA DI BRONZO

Rivoluzione civile non permette ad Antonio Ingroia di diventare parlamentare. Con lui, fuori anche Antonio Di Pietro, Angelo Bonelli, Paolo Ferrero, Oliviero Diliberto, Ilaria Cucchi, Maurizio Zipponi e Sandro Ruotolo. Non diventa deputato neanche l'ex grillino Giovanni Favia. Tra i partiti sotto l'uno per cento non conquistano il seggio lo storico leader Radicale Marco Pannella, Oscar Giannino, il leader della Destra Francesco Storace insieme a Teodoro Buontempo, l'ex governatore Raffaele Lombardo. Fuori a sorpresa anche l'ex potentissimo ras siciliano Gianfranco Micciché.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

ALTRO CHE CIOCCOLATINI - MATTEO RENZI HA SEMPRE DETTO CHE INCONTRO' MARCO MANCINI ALL'AUTOGRILL DI FIANO ROMANO PERCHÉ LO 007 DOVEVA PORTARGLI I "BABBI" DI CIOCCOLATO. MA GIOVEDÌ SCORSO, A TORINO, HA CAMBIATO VERSIONE: "SONO MOMENTI DELICATI, C'È LA CRISI DEL GOVERNO CONTE, IO DICO ALL'AGENTE DEI SERVIZI: O CONTE CAMBIA O VA A CASA..." - PRIMO: PERCHE' A MANCINI, SOTTOPOSTO DEL CAPO DEL DIS VECCHIONE, STA TANTO A CUORE IL GOVERNO DI CONTE? SECONDO: PERCHÉ RENZI PARLA CON LO SPIONE DELLA EVENTUALE CADUTA DEL GOVERNO? - L’AVVOCATO DELLA PROFESSORESSA, INDAGATA PER AVER RIPRESO L’INCONTRO TRA I DUE, POTREBBE CHIEDERE UN CONFRONTO TRA LA SUA ASSISTITA E MATTEUCCIO - VIDEO DI RENZI A “REPORT” DEL 3 MAGGIO 2021: “MI DOVEVA PORTARE I BABBI CHE SONO UN BELLISSIMO WAFER ROMAGNOLO CHE IL DOTTOR MANCINI MI MANDA TUTTI GLI ANNI E CHE IO MANGIO IN MODO VORACE...”