CHE FAZZO DICI? IL SOTTOSEGRETARIO MANTOVANO SFANCULA LA VERSIONE DI FAZZO E MANCINI SUL SEGRETO DI STATO A PROPOSITO DEI LEGAMI TRA I SERVIZI E "REPORT" – “IL DIS OPPOSE IL SEGRETO DI STATO, NEL CORSO DEL PROCEDIMENTO PENALE, SU UNA SERIE DI DOMANDE ATTINENTI AI DELICATI ASPETTI INTERNI DELL’ORGANIZZAZIONE, IN RELAZIONE ALLA SOLA ESIGENZA DI TUTELARNE LA NECESSARIA RISERVATEZZA. SI INVITA AD EVITARE RICOSTRUZIONI CHE POSSANO INDURRE A ERRONEE RAPPRESENTAZIONI SULLE FINALITÀ DELL’OPPOSIZIONE DEL SEGRETO DI STATO” – LE PAROLE AL VELENO DI SIGFRIDO RANUCCI SU LUCA FAZZO E "I NIPOTINI DI PIO POMPA"...

-

Condividi questo articolo


https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/che-fazzo-dici-ranucci-uccella-matteonzo-ndash-lsquo-rsquo-renzi-chiede-391415.htm

 

Lettera di Alfredo Mantovano a “Il Giornale”

 

alfredo mantovano foto di bacco alfredo mantovano foto di bacco

Egregio direttore, in merito all’articolo a firma Luca Fazzo dal titolo «Segreto di Stato sui legami tra i servizi e Report» pubblicato sul Giornale di ieri, si ribadisce

 

(come già comunicato nella nota pubblicata sul sito del governo il 21 novembre 2022) che il direttore generale del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza oppose il segreto di Stato, nel corso del procedimento penale avviato a seguito della citata trasmissione televisiva, su una serie di domande attinenti ai delicati aspetti interni dell’organizzazione e dell’azione degli organismi di informazioni, in relazione alla sola esigenza di tutelarne la necessaria riservatezza.

 

Medesime esigenze che avevano indotto il direttore del Dis, all’inizio della deposizione, a chiedere che l’acquisizione delle informazioni avvenisse esclusivamente da parte dell’autorità giudiziaria e non, invece, alla presenza del difensore della parte offesa nel contesto delle indagini difensive. Nel corso delle indagini si è, invece, puntualmente corrisposto alle specifiche richieste formulate dall’Autorità giudiziaria.

 

LUCA FAZZO LUCA FAZZO

L’opposizione del segreto - confermata dal presidente del Consiglio dei ministri nel giugno 2022 con atto classificato «riservatissimo» inviato alla competente autorità giudiziaria – è stata a suo tempo comunicata, nei termini di legge, all’ambito istituzionale proprio, costituito dal Copasir. Il citato Comitato, nella circostanza, non ha inteso formulare alcuna osservazione al riguardo.

 

Nessuna obiezione sull’opposizione, inoltre, è stata rappresentata dall’autorità giudiziaria procedente, né, peraltro, risulta che le informazioni coperte dal segreto abbiano avuto alcun rilievo nella formulazione della richiesta di archiviazione che, invece, si è basata sull’esame del merito.

 

SIGFRIDO RANUCCI - LA SCELTA SIGFRIDO RANUCCI - LA SCELTA

Ciò premesso, si invita ad evitare ricostruzioni che possano indurre a erronee rappresentazioni sulle finalità dell’opposizione del segreto di Stato.

 

meloni mantovano meloni mantovano

fazzo_luca fazzo_luca sigfrido ranucci e la puntata di report sul vino 1 sigfrido ranucci e la puntata di report sul vino 1 RENZI MANCINI BY OSHO RENZI MANCINI BY OSHO

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI