CHE TEMPO CHE FA? IL COCA-SAVIANO È TOSSICO PER I TELEMORENTI E LO SHARE PRECIPITA

L'amico Fabio Fazio gli dedica due puntate di “Che tempo che fa” ma il mega spot per Saviano è un fallimento: lo share precipita - L’appeal dello sgomorrato s’è sgonfiato a furia di tele-ospitate e un libro sul narcotraffico non arrapa nessuno in piena recessione economica…

Condividi questo articolo


Maurizio Caverzan per "il Giornale"

Stavo per cambiare canale anch'io, l'altra sera, quando, al termine della lettura dell'incipit di ZeroZeroZero, il nuovo libro di Roberto Saviano sul «mondo visto attraverso l'industria della cocaina» pubblicato da Mondadori, ha ripreso la parola lui stesso.

roberto saviano e fabio fazioroberto saviano e fabio fazio

Fabio Fazio aveva deciso di regalargli l'ultimo appuntamento dell'anno di Che tempo che fa del lunedì per una promozione in grande stile. Era un'operazione preparata fin dal giorno prima, ospite sempre lui, con un promettente ci rivediamo domani per approfondire. Fazio glielo doveva. Un lancio editoriale non si nega a nessuno, del giro giusto. Figurarsi a chi appartiene al cerchio magico dei maîtres à penser dei ceti medi riflessivi, ben assortito nel programma di Raitre.

Roberto SavianoRoberto Saviano

Per di più la coppia ex campionessa d'ascolti si era divaricata da un po', e l'uscita della nuova opera savianesca a sette anni di distanza da Gomorra appariva come l'occasione giusta per la ricongiunzione. Così, dopo un preambolo con i Marta sui tubi e Luca e Paolo, ecco Saviano guadagnare il centro della scena e tentare una complicata contestualizzazione del suo lavoro nel momento di vuoto che stiamo attraversando.

«Mi chiedo: in questa assenza dove sta andando il denaro liquido delle organizzazioni criminali? Chi sta approfittando delle case messe all'asta e delle fabbriche che chiudono? Loro». Qualcuno dice che bisogna fare presto. Ciò che invece dice Saviano è che «ogni giorno perso è regalato alle organizzazioni criminali».

COPERTINA DEL LIBRO DI ROBERTO SAVIANO - ZERO ZERO ZEROCOPERTINA DEL LIBRO DI ROBERTO SAVIANO - ZERO ZERO ZERO

Come se non bastassero i licenziamenti, i suicidi o l'impossibilità di pagare il mutuo, c'è un motivo secondario per contrastare la crisi: lo strapotere della criminalità organizzata. Per Saviano sull'intero pianeta giganteggia l'ombra nera del narcotraffico, «l'azienda più grande e potente del mondo, più del petrolio o della tecnologia».

Paradossalmente, l'altra sera l'unico diversivo è stata la lettura di Servillo. Sniffano coca tuo padre o tua madre. Se non loro, tuo fratello o tuo figlio. Oppure il tuo capufficio; se non lui, sua moglie o la sua amante. Il preside della tua scuola, oppure il bidello. L'elettricista che ti sta cambiando la presa, o il parcheggiatore sempre allegro, l'architetto, il vigile che ti sta facendo la multa e suda in pieno inverno... (insomma, nessuno escluso, tranne, che caso, il giro della tv e del cinema).

SAVIANO SULLA COPERTINA DELL ESPRESSO INCHIESTA COCAINASAVIANO SULLA COPERTINA DELL ESPRESSO INCHIESTA COCAINA

«Se pensandoci bene ritieni che nessuna di queste persone possa tirare cocaina, o sei incapace di vedere o stai mentendo. Oppure, semplicemente, la persona che ne fa uso sei tu». Insomma, è il racconto di una magnifica ossessione. Una suggestione anche potente, con una sua propria estetica.

Purtroppo, quando si passa dall'estetica all'etica la tensione scende. E c'è quasi un rifiuto, una fuga. Stavo per cambiare canale anch'io come molti altri se con il 6,7 per cento (2 milioni 54 mila telespettatori) Che tempo che fa del lunedì ha fatto registrare il record negativo dell'annata.

C'è da riflettere. Un po' come lo sono la magistratura e le inchieste giudiziarie per Travaglio che ci trascina a parlare di Pietro Grasso e di Commissione antimafia fuori tempo massimo, la criminalità organizzata e i narcos sono la magnifica ossessione di Saviano. Però, di planetaria abbiamo già la crisi economica: non possiamo reggere anche la lotta al crimine globale. Si sa, per un certo periodo le magnifiche ossessioni funzionano alla grande. E possono anche far arricchire, moralmente e non solo. Ma poi il tempo scade. Ed è un bel paradosso per Che tempo che fa.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

I PENTITI E I CONVERTITI DELL’AUTONOMIA – LA LEGA NEL 2001 ERA CONTRARIA ALLA RIFORMA DEL TITOLO V, CHE PERMISE LA NASCITA DEL CONCETTO DI AUTONOMIA E FU VOLUTA DAL CENTROSINISTRA. LO STESSO CHE OGGI SI STRACCIA LE VESTI SULLO “SPACCA-PAESE” – LA PROTESTA È GUIDATA DA ELLY SCHLEIN, CHE DA VICEPRESIDENTE DELL’EMILIA ROMAGNA CHIESE L’ATTUAZIONE DELL’AUTONOMIA PER LA REGIONE – INFINE C’È ROBERTO NAPOLETANO: DA DIRETTORE DEL “QUOTIDIANO DEL SUD” ERA CONTRARISSIMO, ORA, AL “MATTINO”, È DIVENTATO A FAVORE (MIRACOLO DI CALTA…)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO