PER CHI VOTERANNO GLI ITALIANI? - A DUE MESI DALLE EUROPEE, FRATELLI D’ITALIA SI ATTESTA AL 27,2% - IL PD PERDE LO 0,4 E SCENDE AL 19,4% - IL M5S SALE AL 16% - IN CALO FORZA ITALIA (8,4%) E LEGA (8,6%) - CRESCE AZIONE DI CALENDA (4,2%) CHE TALLONA LA LISTA DI BONINO E RENZI (5,2%) - VERDI E SINISTRA AL 4,1%, PACE TERRA DIGNITÀ DI SANTORO ALL’1,8%. STABILE ALL'1,4 DEMOCRAZIA SOVRANA E POPOLARE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di www.repubblica.it

 

MATTEO SALVINI E GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI E GIORGIA MELONI

[…] In questa settimana politica assai movimentata, Fratelli d’Italia è tornato a salire. L'orientamento di voto degli italiani mostra un incremento dello 0,3 per il partito della premier Giorgia Meloni, ora al 27,2%. Questo secondo il nuovo sondaggio Swg per La7 del 15 aprile. Il campo largo si è spaccato e il M5S sale attestandosi al 16% (+0,4). E cresce anche Azione (+0,2) al 4,2%, che però si posiziona sotto la lista di Bonino e Renzi (Stati Uniti d’Europa) al 5,2, esattamente sopra di un punto.

 

ELLY SCHLEIN E GIUSEPPE CONTE ELLY SCHLEIN E GIUSEPPE CONTE

[…] A perdere lo 0,4% è invece il Partito democratico che registra il 19,4%. Non va meglio alla Lega che perde lo 0,2% e scende all’8,6% […] Scendono anche gli altri partiti della maggioranza: Forza Italia - Noi Moderati (-0,4) toccano ora l’8,4% e gli Stati Uniti d'Europa (-0,1) praticamente stabile al 5,2%. Tra i partiti minori guadagnano Verdi e Sinistra (+0,2) al 4,1%, Libertà all’1,9% (+0,4) e Pace Terra Dignità (+0,2) all’1,8%. Stabile all'1,4 Democrazia Sovrana e Popolare.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI