COME DAGO-RIVELATO, RENATINO BRUNEETTA HA DECISO DI NON RICANDIDARSI NÉ DI TROVARE RIFUGIO IN UN ALTRO PARTITO, DOPO L’ADDIO A FORZA ITALIA: “RESTO DOVE SONO, NON VADO DA NESSUNA PARTE. RIMARRÒ A ONORARE IL MIO IMPEGNO DA MINISTRO FINO ALLA FINE” – “HO DATO TANTO ALLA POLITICA E TANTO HO RICEVUTO. NESSUN RAMMARICO E NESSUN RIMPIANTO, SEMMAI UN PO’ DI DOLORE. MI OCCUPERÒ DI PIÙ DI VENEZIA E DELLA MIA FAMIGLIA”

-

Condividi questo articolo


 

Carlotta De Leo per www.corriere.it

 

RENATO BRUNETTA MARIO DRAGHI RENATO BRUNETTA MARIO DRAGHI

«In molti mi chiedono quale sarà il mio futuro, lo chiarisco una volta per tutte: resto dove sono, non vado da nessuna parte. Rimarrò fino alla fine a onorare con orgoglio il mio impegno da ministro del governo Draghi, nel perimetro degli affari correnti, come richiesto dal presidente Mattarella».Il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, rompe il silenzio su una sua possibile ricandidatura alle prossime elezioni dopo l’addio a Forza Italia (il 21 luglio) in contrasto con il partito non ha votato la fiducia all’esecutivo Draghi. E lo fa per mettere a tacere tutte le indiscrezioni sul suo futuro politico: non seguirà le orme delle due colleghe - Mara Carfagna e Mariastella Gelmini - transitate nella formazione di Carlo Calenda. Ma si dedicherà « di più di Venezia, la mia città, e della mia famiglia: i grandi amori della mia vita»

RENATO BRUNETTA RENATO BRUNETTA

 

« Devo dire molti grazie - continua Brunetta - Innanzitutto a Mario Draghi, che mi ha voluto nella sua squadra e mi ha permesso di vivere l’esperienza straordinaria del suo governo. Questi 18 mesi sono stati un sogno collettivo, la dimostrazione che l’Italia può fare l’Italia: seria, credibile, bellissima.».

 

RENATO BRUNETTA MARIASTELLA GELMINI RENATO BRUNETTA MARIASTELLA GELMINI

«Ho dato tanto alla politica e tanto ho ricevuto - aggiunge - Nessun rammarico e nessun rimpianto, semmai un po’ di dolore. Ai giovani della Next Generation Eu è giusto lasciare lo spazio e il protagonismo per coltivare, nelle forme nuove che si vanno delineando, i valori delle culture che fondano la ricchezza della civiltà europea: il liberalismo, il popolarismo e il socialismo riformista» scrive ancora il ministro.

 

renato brunetta con la moglie titti renato brunetta con la moglie titti

E chiarisce anche quali sono i suoi progetti per il futuro: «Rimango a disposizione del mio Paese, con le mie idee e con il mio lavoro. Mi occuperò di più di Venezia, la mia città, e della mia famiglia: i grandi amori della mia vita». Infine, Brunetta fa gli «auguri a tutte le forze in campo in questa competizione democratica» e senza «partigianeria» auspica che «la politica possa tornare ad essere la nobile passione dei “liberi e forti”» e che «la campagna elettorale si giochi sul confronto di visioni e di valori, su programmi verificabili e, soprattutto, sostenibili dal punto di vista economico e finanziario». Insomma, conclude, la speranza è che « il 25 settembre possa trionfare un unico vincitore: il bene del nostro Paese.»

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

RENATO BRUNETTA RENATO BRUNETTA

 

LA FOTO DI GRUPPO LEGA FORZA ITALIA A CASA DI BERLUSCONI LA FOTO DI GRUPPO LEGA FORZA ITALIA A CASA DI BERLUSCONI renato brunetta silvio berlusconi paolo romani renato brunetta silvio berlusconi paolo romani

 

 

Condividi questo articolo

politica

FRANCESCHINI BATTE UN COLPO SULLE CONSULENZE AI COLLABORATORI DELLA DADONE – LA DIREZIONE GENERALE SPETTACOLI DEL MINISTERO DELLA CULTURA HA CHIESTO LUMI ALLA FONDAZIONE CHE GESTISCE IL TEATRO CARLO FELICE DI GENOVA. CI SONO IRREGOLARITÀ? I FONDI PUBBLICI CON CUI SONO STATI PAGATI MARCO SANZARI, MANUELA SVAMPA E MATTEO VENTRICELLI (PER UNA SPESA TOTALE DI 200MILA EURO) ARRIVANO DALLE CASSE DEL PREMIO PAGANINI, CHE HA PER PRESIDENTE, A SUA VOLTA, UN UOMO VICINISSIMO ALLA PENTASTELLATA. SONO SOLO COINCIDENZE?

“REPUBBLICA” NON LO AMMETTE MA DÀ RAGIONE ALLA MELONI: “OBIETTIVI CENTRATI MA SPESA LENTA, IL PNRR FATICA AD ARRIVARE A TERRA – DRAGHI LASCIA IN EREDITÀ ALLA MELONI UN CRONOPROGRAMMA IMPECCABILE SUL RECOVERY PLAN: GLI OBIETTIVI E LE RIFORME SONO CENTRATI, MA C’È UN PROBLEMA SULLA SPESA. LE CAUSE DEL RITARDO DIPENDONO DAL CARO MATERIALI, MA ANCHE DAI TEMPI DI ADATTAMENTO ALLE PROCEDURE DEL PIANO. IL TUTTO UNITO ALLA PROVERBIALE E STORICA LENTEZZA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ITALIANE…