COME GUIDI BENE! - QUANTO RIDEVA, FEDERICA GUIDI, ALLE BATTUTACCE DI BERLUSCONI! PAPI GUIDALBERTO, RECORDMAN DI POLTRONE, L’AVEVA PIAZZATA A CAPO DEI GIOVANI DI CONFINDUSTRIA - IL PAPINO HA GESTITO DI FATTO IL MINISTERO DEL (LORO) SVILUPPO ECONOMICO

La Guidi fa parte dell'italica schiera dei "figli di", che padri attenti alle aziende di famiglia preferiscono indirizzare verso carriere confindustriali o politiche, piuttosto che tenerseli in fabbrica. Sono figli fortunati: nel Medioevo sarebbero stati mandati in convento…

Condividi questo articolo


Gianni Barbacetto per Il Fatto Quotidiano

 

BERLUSCONI GUIDI MARCEGAGLIA BERLUSCONI GUIDI MARCEGAGLIA

Avete presente le caramelle che scoppiano di Candy Crush Saga, per un periodo il gioco più scaricato del web? Nel febbraio 2014, quando partì il governo di Matteo Renzi il supergiovane, c' era chi aveva scommesso che al ministero dello Sviluppo economico sarebbe stato nominato Riccardo Zacconi, l' inventore di Candy Crush. Invece arrivò Federica Guidi, classe '69, figlia d' arte.

 

Suo padre, Guidalberto Guidi, è una sorta di accalappia-cariche: oltre a quelle nell' azienda di famiglia, la Ducati Energia di Modena, ha collezionato decine di poltrone (anche 40 contemporaneamente) in consigli d' amministrazione, aziende commissariate, strutture di Confindustria.

guidalberto guidi guidalberto guidi

 

Ora la ministra è inciampata nella storia che riguarda il fidanzato, Gianluca Gemelli, e ha subito lasciato la scena. Ma in fondo, questa è solo l' ennesima storia italiana di conflitto d' interessi. Prima del fidanzato, c' era il padre: ed è per le relazioni di Guidalberto, più che per meriti propri, che Federica era arrivata a sedere nel Consiglio dei ministri.

 

Fa parte dell' italica schiera dei "figli di", che padri attenti alle aziende di famiglia preferiscono indirizzare verso carriere confindustriali o politiche, piuttosto che tenerseli in fabbrica. Sono figli fortunati: nel Medioevo sarebbero stati mandati in convento.

 

guidalberto guidi con stefania prestigiacomo e emma marcegaglia guidalberto guidi con stefania prestigiacomo e emma marcegaglia

Invece ricordiamo una Federica Guidi in raso blu con décolleté che, insieme a una Emma Marcegaglia in squillante giacca rossa, si sfasciava dalle risate per la battutona di Silvio Berlusconi: era il giugno 2009, Federica era presidente dei Giovani imprenditori, Emma nientemeno che di Confindustria e l' allora presidente del Consiglio, in visita al convegno dei giovani industriali di Santa Margherita, aveva detto sornione: "Prendete atto che sono l' unico uomo e che queste due donne non sono minorenni".

 

federica e guidalberto guidi federica e guidalberto guidi

Quanto al conflitto d' interessi, che male c' è? Il simbolo della Ducati è stato, per un periodo, il Free Duck, presentato così: "Innovativo quadriciclo elettrico leggero in grado di far fronte alle problematiche connesse alla mobilità, nel pieno rispetto dell' ambiente". Nel pieno rispetto dell' ambiente e dei profitti della Ducati, partite di Free Duck sono state vendute alle Poste e alla Polizia di Stato, per i loro servizi di consegna e di vigilanza.

 

Commesse in conflitto d' interessi, come altri rapporti dell' azienda di Modena con le Ferrovie dello Stato: così almeno hanno creduto quei poveri ingenui dei Cinquestelle, che hanno presentato una mozione di sfiducia in Senato contro la ministra. Ma l' aula non l' ha neppure messa in calendario.

VALERIA MANGANI GUIDALBERTO GUIDI VALERIA MANGANI GUIDALBERTO GUIDI

 

Prima di tutto ciò, la giovane Federica aveva portato a casa una laurea in Giurisprudenza, aveva lavorato un paio d' anni come analista finanziaria e poi, nel 1996, era entrata nell' azienda di famiglia, amministratore delegato della Ducati Energia. Ma il padre l' aveva poi spinta verso incarichi confindustriali, prima regionali, in Emilia-Romagna, poi nazionali. Intanto era diventa anche membro della Trilateral. Quando approda al governo, è in un ministero pesante, lo Sviluppo economico.

 

Piero Gnudi Piero Gnudi

Un dicastero, dicono a Roma, che va avanti con il pilota automatico, visto che ha già perso un paio di viceministri passati ad altri incarichi, Carlo Calenda e Claudio De Vincenti, e che la fino a ieri ministra non era proprio assidua.

 

La gestione dell' ordinario la faceva l' apparato ministeriale, le decisioni che contano - dicono i malevoli - le prendevano papà Guidalberto e Piero Gnudi, onnipresente commercialista che è stato (anche) presidente del collegio sindacale della Ducati e che Federica aveva subito nominato "consigliere economico a titolo gratuito". Resterà con il successore?

MASSIMO PONZELLINI PIERO GNUDI MASSIMO PONZELLINI PIERO GNUDI

 

Condividi questo articolo

politica

“LETIZIA MORATTI? UNA RICCA SIGNORA, ANNOIATA E IN CERCA DI UNA POLTRONA, COSTRETTA A COMPORTARSI COME UNA QUALSIASI SCIACALLA – LICIA RONZULLI CHE TEME IL PREVISTO TONFO DI FORZA ITALIA ALLE REGIONALI LOMBARDE SIA L'INIZIO DELLA SUA FINE POLITICA E SPARA CANNONATE SU LADY MESTIZIA: “PROVO TRISTEZZA PER LA SIGNORA MORATTI. GALLINA CHE CANTA HA FATTO L'UOVO…” -  “KISS ME LICIA” SMENTISCE LA RICOSTRUZIONE DI “REPUBBLICA” SECONDO CUI BERLUSCONI AVREBBE PREFERITO APPOGGIARE LA CANDIDATA DEL TERZO POLO ALLE REGIONALI...

COME VOLEVASI DIMOSTRARE, IL MOTORE FRANCO-TEDESCO È RIPARTITO, E L’ITALIA STA A GUARDARE. È QUESTO IL VERO GUAIO DI GIORGIA MELONI (ALTRO CHE COSPITO E DONZELLI)  – I MINISTRI DELL’ECONOMIA DI PARIGI E BERLINO, LE MAIRE E HABECK, VOLANO A WASHINGTON PER “DIFENDERE” GLI INTERESSI DELL’UE IN RISPOSTA ALLE NORME SUGLI AIUTI DI STATO AMERICANI. I DUE PARLERANNO A NOME DI BRUXELLES DA UNA POSIZIONE DI FORZA, E LA MELONI, CHE AVEVA CHIESTO INUTILMENTE UN FONDO SOVRANO A URSULA E SCHOLZ, RESTA ALL’ANGOLO A RACCATTARE LE BRICIOLE… - IL DAGOREPORT