COMUNQUE VADA, SIAMO FRITTI - L’EX PRESIDENTE NAPOLITANO ATTIVISSIMO IN SENATO PER ORGANIZZARE IL DOPO-RENZI: SECONDO ''IL FATTO'', AVREBBE CHIESTO A MONTI “MARIO, MA TU ANDRESTI A FARE IL MINISTRO DELL'ECONOMIA?” - IL RE EMERITO PENSA A UN GOVERNO GUIDATO DA PIERO GRASSO IN CASO DI VITTORIA DEI “NO”

Condividi questo articolo


Da “Liberoquotidiano.it

 

Napolitano e Mario Monti fba e cb ac d bfa Napolitano e Mario Monti fba e cb ac d bfa

Al referendum la vittoria del "no" è più che una semplice possibilità. Una circostanza che con discreta approssimazione potrebbe spingere Matteo Renzi a dimettersi e, almeno così ha detto, a lasciare la politica. Dunque, soprattutto in Senato, si inizia a ragionare su una possibile exit-strategy.

 

E a Palazzo Madama continua a dannarsi un'eminenza grigia della politica italiana, quel Giorgio Napolitano che in cuor suo, forse, è ancora convinto di essere presidente della Repubblica. E Re Giorgio, secondo quanto scrive Il Fatto Quotidiano, avrebbe in mente un piano. Un piano che proprio come accadde nel 2011 avrebbe come protagonista Mario Monti, ossia l'incarnazione dell'incubo per gli italiani tutti.

GIORGIO NAPOLITANO E MARIO MONTI GIORGIO NAPOLITANO E MARIO MONTI

 

Scrive il Fatto che soltanto qualche giorno fa Napolitano è stato pizzicato in aula al Senato proprio con Monti. Un faccia a faccia dalle implicazioni esplosive. Secondo un noto ex ministro, che si scherma nell'anonimato e che oggi è un fervente anti-renziano, Re Giorgio avrebbe detto a Monti, chiaro e tondo: "Mario, ma tu andresti a fare il ministro dell'Economia?".

 

Certo, manca parte del contesto. Ma l'indizio è angosciante: in caso di vittoria del "no" e conseguente crollo del governo, potremmo davvero ritrovarci Monti? Possibile. Anzi probabile se c'è lo zampino di Napolitano, l'uomo che negli sciagurati ultimi mesi del 2011 gli consegnò il Paese, che fu poi raso al suolo a suon di tasse e austerità.

Monti Napolitano Monti Napolitano

 

Secondo i rumors che circolano a Palazzo Madama, da tempo a Napolitano interesserebbero in modo relativo le sorti di Renzi: si starebbe insomma preparando al futuro, tutto da scrivere se vincesse il "no". Il sondaggio fatto con Monti sarebbe da inquadrare nel contesto di un governo istituzionale probabilmente guidato da Pietro Grasso, oggi presidente del Senato, dunque terza carica dello Stato e prima "figurina" utile per riempire l'eventuale vuoto a Palazzo Chigi.

 

monti napolitano monti napolitano

Sul tavolo, comunque, ci sarebbero altre strade: un Renzi-bis oppure un governo guidato da Pier Carlo Padoan. Come è noto, sarebbe "caldo" anche il nome di Dario Franceschini, che da tempo, dietro alle quinte, lavora alla costruzione di un futuro in alto. Molto in alto, se possibile.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA