CONCLAVE CON CALMA - LE PORPORE DI MEZZO MONDO PENSANO CHE IL MARCIO IN VATICANO SIA UN AFFARE TUTTO ROMANO E VOGLIONO PRENDERE TEMPO: NON SARÀ FACILE PER BERTONE IMPORRE UN “TICKET” PAPA-SEGRETARIO DI STATO STUDIATO A TAVOLINO - IN ASSENZA DI UN “CANDIDATO FORTE”, ANCHE I VOTI CONTROLLATI DA SODANO E RUINI POTREBBERO FINIRE SU UN OUTSIDER (BRASILE O STATI UNITI)…

Condividi questo articolo


Andrea Tornielli per "la Stampa"

BERTONE - PAPABERTONE - PAPA

La data d'inizio del conclave potrebbe essere anticipata dai cardinali, anche grazie all'annunciato motu proprio di Benedetto XVI, ma diversi dei porporati in arrivo a Roma per il saluto al Papa che abbandona il pontificato non sembrano avere alcuna fretta.

Vogliono prendersi il tempo necessario per discutere approfonditamente sulle principali necessità della Chiesa, vagliare le varie opzioni. Vogliono soprattutto conoscersi e conoscere meglio la reale situazione in cui versa la Curia romana.

PAPA BENEDETTO XVI E TARCISIO BERTONEPAPA BENEDETTO XVI E TARCISIO BERTONE

Nessuno al momento ipotizza una replica dell'elezione-lampo di otto anni fa, conclusasi con l'ascesa al Soglio di Joseph Ratzinger dopo sole quattro votazioni e meno di un giorno di conclave. Non c'è il candidato forte con un'autorità universalmente riconosciuta come allora. Molti dei «grandi elettori» del 2005, che pure cercheranno di influenzare il voto con la loro esperienza saranno esclusi dalla Sistina per motivi d'età.

CARDINALE ANGELO SODANOCARDINALE ANGELO SODANO

Quando vennero a Roma per il concistoro del febbraio 2012, con la bufera dei vatileaks appena iniziata, alcuni autorevoli cardinali stranieri si erano interrogati sullo stato della Curia romana e sull'immagine che emergeva dalle carte riservate che l'aiutante di camera di Papa Ratzinger aveva fatto filtrare.

L'idea che si erano fatti, negli scambi di opinione e negli incontri all'ombra del Cupolone, era che Vatileaks fosse una vicenda molto italiana oltre che molto curiale. Nonostante il borsino sui «papabili» contenga sempre i nomi di diversi porporati del Bel Paese, in questo momento le candidature italiane non appaiono così forti e sicure.

CAMILLO RUINI SUPERSTARCAMILLO RUINI SUPERSTAR

Gli incidenti che hanno caratterizzato il pontificato di Benedetto non sono certo tutti imputabili agli attacchi dai «nemici esterni della Chiesa», come amano invece sottolineare quei collaboratori del Papa sempre propensi ad attribuire le responsabilità ai media o alle lobby anticattoliche e mai ai loro errori. C'è un malessere evidente e diffuso Oltretevere, c'è mancanza di coordinamento, e più volte il Papa si è trovato esposto e solo in prima linea.

il cardinale ghanese peter kodwo lunedi appiah turkson h partbil cardinale ghanese peter kodwo lunedi appiah turkson h partb

Certo, la realtà Curia romana non corrisponde all'immagine che la rappresenta come dilaniata dalle lotte di potere. Ma appare altrettanto risibile anche la «leggenda rosa» che molti in Vaticano vorrebbero accreditare sui media.

I cardinali vogliono avere il tempo di discutere quanto è accaduto negli ultimi anni. Non sarà facile far loro accettare scorciatoie, candidature precostituite, «ticket» con l'abbinata Papa e Segretario di Stato studiati da chi spera nel perpetuare il proprio potere e la propria influenza.

Eug nio de Ara jo SalesEug nio de Ara jo Sales

Una riforma della Curia, progetto che molti si attendevano da Benedetto XVI, è considerata non più procrastinabile. Non è un caso che in queste ore «grandi elettori» come l'ex Segretario di Stato Angelo Sodano o l'ex presidente della CEI Camillo Ruini entrambi esclusi dal conclave ma ancora in grado di orientare dei voti stiano riconsiderando le ipotesi italiana e guardino con maggiore attenzione a candidature straniere come in Brasile o negli Stati Uniti.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

FLASH! – INDOMABILE URSULA: SPOSATA DAL 1986 CON IL MEDICO HEIKO VON DER LEYEN, FRA IL 1988 E IL 1999 HANNO SFORNATO SETTE FIGLI (TRA CUI DUE GEMELLE), PRIMA PRESIDENTE DONNA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, A 66 ANNI LA COCCA PREFERITA DI ANGELA MERKEL È STATA INCORONATA DA FORBES LA DONNA PIÙ POTENTE DEL MONDO. BENE, A BRUXELLES SI MORMORA CHE IL FASCINO BIONDO E GELIDO DI URSULA AVREBBE INCANTATO IL 53ENNE EURODEPUTATO TEDESCO DAVID MCALLISTER, SUO COMPAGNO DI PARTITO (CDU) E PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE AFFARI ESTERI DEL PARLAMENTO EUROPEO…

FLASH! - CAMBI NELLA GUARDIA DI FINANZA: NINO MAGGIORE, ATTUALE COMANDANTE DEL COMANDO AEREO-NAVALE, SARÀ IL NUOVO COMANDANTE INTERREGIONALE SUD CON SEDE PALERMO.  AL SUO POSTO, ARRIVA FRANCESCO GRECO - PIERO BURLA DELLA GDF, CAPO DELL’UFFICIO CENTRALE PER LA SEGRETEZZA DEL DIS, È IN POLE POSITION PER FARE IL VICE DIRETTORE DEL DIS AL POSTO DI BRUNO VALENSISE. GLI ALTRI COMPETITOR SONO GIBILARO O CUNEO, SPONSORIZZATI DA ANDREA DE GENNARO. MENTRE BURLA È PORTATO DALLA BELLONI…

DAGOREPORT - CHE SUCCEDE SE IL 10 GIUGNO, APERTE LE URNE, IL DIVARIO TRA M5S E PD RISULTASSE MOLTO FORTE, O ADDIRITTURA ELLY SCHLEIN RIUSCISSE A DOPPIARE LA PERCENTUALE DEI 5STELLE? - I SOGNI DI GLORIA DI CONTE "LEADER DELLA SINISTRA” FINIREBBERO NEL CESTINO DELLE AMBIZIONI SBAGLIATE MA SOPRATTUTTO COMINCEREBBE LA GUERRA CIVILE NEL MOVIMENTO - CONTE HA CONTRO LA NOMENKLATURA CHE È STATA TAGLIATA FUORI DALLA NORMA DEL DOPPIO MANDATO: FICO, FRACCARO, BONAFEDE, BUFFAGNI, TAVERNA, RAGGI, DI BATTISTA, TUTTI MIRACOLATI CHE SI ERANO ABITUATI ALLA CUCCAGNA PARLAMENTARE DEI 15 MILA EURO AL MESE - ALL’OSTILITÀ DEI REDUCI E COMBATTENTI DEL GRILLISMO CON AUTO BLU, AGGIUNGERE LA FRONDA DEI PENTASTELLATI CHE NON HANNO PER NULLA DIGERITO L’AUTORITARISMO DI CONTE QUANDO HA SCELTO I SUOI FEDELISSIMI DA PIAZZARE IN LISTA PER LE EUROPEE, SENZA PASSARE DALLE SELEZIONI ONLINE E FACENDOLI VOTARE DAGLI ATTIVISTI IN UN ELENCO BLOCCATO... 

"NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" - IERI DAGOSPIA HA SANTIFICATO LA SANTA DOMENICA CON UNO SCOOP SU BERGOGLIO COATTO CHE OGGI IMPAZZA SU TUTTI I SITI (A PARTE ''REPUBBLICA'') - PAPALE PAPALE: I VESCOVI DEVONO SEMPRE   "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE"  - LO RIFERISCONO PARECCHI VESCOVI ITALIANI INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMO - BERGOGLIO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO