COSA FARÀ LA NATO DOPO I MISSILI CADUTI IN POLONIA (PAESE DELL’ALLEANZA ATLANTICA) CHE HANNO UCCISO DUE PERSONE? “LA DOMANDA È SE SI SIA TRATTATO DI UN ATTACCO ARMATO OPPURE DI UN MISSILE ACCIDENTALMENTE ARRIVATO IN POLONIA. SE È UN ATTACCO INTENZIONALE, CI SARÀ UNA RISPOSTA APPROPRIATA” - ROBERT G. BELL, EX CONSIGLIERE DI CLINTON E OBAMA: “DOBBIAMO ACCERTARE I FATTI, MA È UN MOMENTO MOLTO SERIO..."

-

Condividi questo articolo


Viviana Mazza per corriere.it

 

JENS STOLTENBERG JENS STOLTENBERG

«Naturalmente è un momento molto serio», commenta Robert G. Bell, ex consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Bill Clinton e poi inviato da Barack Obama come consigliere per la difesa della Nato, alla notizia di missili — o forse resti di un missile — caduti in Polonia, vicino al confine con l’Ucraina, uccidendo due persone.

 

È difficile immaginare che la Russia abbia lanciato intenzionalmente dei missili contro la Polonia, ma in tal caso un simile attacco attiverebbe l’articolo 5 sulla difesa collettiva della Nato?

«Quel che succede in una situazione come questa è che i polacchi si mettono in contatto con il Segretario generale della Nato a Bruxelles. Dove mi trovo oggi, e chiedono un incontro dei Paesi dell’Alleanza in base all’articolo 4, che dà diritto a tutti gli alleati di convocare una riunione per discutere di una situazione urgente che potrebbe o no rientrare nell’articolo 5.

MISSILI POLONIA MISSILI POLONIA

 

Quando un caccia russo dalla Siria sconfinò in Turchia e fu abbattuto, Ankara convocò un incontro sulla base dell’articolo 4 per discutere quanto era accaduto, ma non aveva intenzione di invocare l’articolo 5. L’articolo 5 implica un attacco contro un alleato della Nato che non sia legato a una guerra civile o interno ma che provenga dall’estero. Qui la domanda è se si sia trattato di un attacco armato oppure di un missile accidentalmente arrivato in Polonia. Non sappiamo ancora i fatti, ma il primo passo sarà la convocazione di un incontro e immagino già domani (oggi per chi legge ndr)».

 

Dopo che una fonte dell’intelligence Usa aveva inizialmente parlato all’«Associated Press» di un missile russo che avrebbe oltrepassato il confine polacco, il Pentagono ha detto che non può ancora confermare.

JENS STOLTENBERG JENS STOLTENBERG

«Il Segretario generale chiederà all’assistente segretario della Nato per l’intelligence di preparare un report mettendo insieme le informazioni dell’Alleanza, dei polacchi, degli americani, di Sigonella... Non è insolito in crisi come queste che le informazioni iniziali siano sbagliate e sarebbe bene che la Nato avesse la pazienza di condurre una discussione completa in base all’articolo 4».

 

Biden ha parlato ieri notte con il presidente polacco Duda, dalla Lituania e da Paesi vicini sono giunte subito parole cariche di solidarietà ma anche di tensione.

«Penso che ci fosse la preoccupazione che la nuova strategia russa, volta a colpire infrastrutture critiche nell’Ucraina occidentale e anche a Leopoli, potesse provocare un incidente. E non è inusuale che le crisi scoppino proprio a partire da incidenti. Potrebbero esserci le scuse dei russi oppure potrebbe rivelarsi un segnale di escalation da parte di Putin.

MISSILI POLONIA MISSILI POLONIA

 

Ciò dipenderà della traiettoria del missile e dalla natura dell’attacco. Personalmente sarei sorpreso se si trattasse di un atto intenzionale, ma non è possibile escluderlo. Putin è chiaramente scontento per la ritirata da Kherson e perché Zelensky ha parlato al G20. Il lancio di cento missili sull’Ucraina serviva a indicare proprio questo: fino a che punto andrà verificato con i meccanismi di cui parlavo e con contatti con gli stessi russi».

 

polonia missili Przewodow polonia missili Przewodow

 

Nella sua carriera con l’amministrazione Usa e alla Nato, si è trovato in situazioni simili a questa?

«L’esperienza con la Turchia è molto rilevante, mostra come una situazione confusa possa essere interpretata in modi diversi. La Turchia ha convocato la riunione, voleva l’attenzione della Nato, ma ha assicurato alle altre nazioni che non intendeva chiedere l’attivazione dell’articolo 5, ma sottolineare i rischi delle operazioni aeree russe».

robert g. bell robert g. bell

 

Anche ora probabilmente nessuno vuole attivare l’articolo 5? L’episodio si potrebbe concludere con misure diplomatiche o economiche?

«Sì, è proprio questo il punto cruciale. Se è un attacco intenzionale non si può lasciar passare senza una risposta appropriata».

jens stoltenberg a davos jens stoltenberg a davos missili lanciati verso la polonia missili lanciati verso la polonia polonia missili Przewodow polonia missili Przewodow polonia missili Przewodow polonia missili Przewodow missili lanciati verso la polonia missili lanciati verso la polonia

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE ANCHE URSULA VON DER LEYEN – LA MELONI È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DALLA REAZIONE DI SALVINI, PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI, E DAL SUO ELETTORATO EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…