COSA RISCHIA SALVINI SUL CASO GREGORETTI? IN BALLO CI SONO PENE CHE VANNO DAI SEI MESI AI 15 ANNI, A SECONDA DELL'INTERPRETAZIONE CHE IL GIUDICE DAREBBE IN CASO DI CONDANNA NELL'EVENTUALE PROCESSO, OLTRE CHE LA DECADENZA DA PARLAMENTARE IN BASE ALLA LEGGE SEVERINO...

-

Condividi questo articolo

Da www.ilmessaggero.it

 

matteo salvini in senato matteo salvini in senato

Il Senato ha dato l'autorizzazione al processo contro Salvini per il caso Gregoretti. Ma cosa rischia ora l'ex ministro dell'Interno? In ballo ci sono pene che vanno dai sei mesi ai 15 anni, a seconda dell'interpretazione che il Giudice darebbe in caso di condanna nell'eventuale processo, oltre che la decadenza da parlamentare in base alla legge Severino.

 

La nave della Guardia Costiera Gregoretti fu bloccata da Salvini a Catania, il 26 luglio scorso, e poi dal 28 al 31 luglio nel porto di Augusta, dove si era recata su indicazione del Comando generale della Capitaneria di Porto. Già allora ci fu una diversa valutazione tra Procura di Catania, che il 30 luglio fece effettuare una ispezione sanitaria sulla nave, e quella di Siracusa, che il 31 sollecitò lo sbarco dei naufraghi. Anche a sbarco avvenuto, la magistratura ha considerato in modo diverso i fatti. La procura di Catania ha aperto subito una indagine per sequestro di persona, chiedendo però a settembre l'archiviazione «per manifesta infondatezza della notizia di reato».

 

conte salvini conte salvini

Il Tribunale della città etnea, dopo ulteriori indagini (e un nuovo parere alla Procura, che ha confermato la richiesta di archiviazione) ha invece deciso diversamente il 28 novembre, imputando a Salvini il «reato di sequestro di persona, aggravato dalla qualifica di pubblico ufficiale, dall'abuso dei poteri inerenti alle funzioni esercitate, nonché di avere commesso il fatto in danno di soggetti minori di età».

 

Condividi questo articolo

politica

VOLANO GLI STRACCI TRA GOVERNO E REGIONI SUL DIFFONDERSI DEL CONTAGIO DA CORONAVIRUS. J’ACCUSE DI CONTE: "IL FOCOLAIO PERCHÉ UN OSPEDALE NON HA SEGUITO I PROTOCOLLI. PRONTI A INTERVENIRE SUI POTERI DEI GOVERNATORI. NON È POSSIBILE CHE TUTTE LE REGIONI VADANO IN ORDINE SPARSO”. IL PRESIDENTE DELLA LOMBARDIA FONTANA AL CONTRATTACCO: "PAROLE IN LIBERTA’, LE SUE IDEE IRRICEVIBILI E OFFENSIVE". DALLA LEGA: "IL PREMIER DICE COSE DA FASCISTA". SOSPESO IL PAGAMENTO DELLE TASSE NELLE ZONE ROSSE