COSA C’È DIETRO LA MOSSA DELL’AMBASCIATA RUSSA DI METTERE IL CAPPELLO SULLA MISSIONE DI SALVINI? – IL SOSPETTO CHE AGITA LA MAGGIORANZA È CHE MOSCA VOLESSE FAR CADERE IL GOVERNO DRAGHI, RITENUTO L’ANELLO DEBOLE DELL’OCCIDENTE – SE IL “CAPITONE” AVESSE PORTATO QUALCHE RISULTATO DALLA VISITA A MOSCA, MARIOPIO SAREBBE STATO SPEDITO A CASA - UN’OPERAZIONE STUDIATA DALL’AMBASCIATORE RAZOV GRAZIE ALLO SCONOSCIUTO ANTONIO CAPUANO, CHE GLI HA PERMESSO DI STRINGERE UN RAPPORTO CON SALVINI: IL DIPLOMATICO DEVE AVER PROSPETTATO ALL’EX TRUCE UN SUCCESSO PLANETARIO E LUI...
IL TWEET AL VELENO DI RULA JEBREAL: "SALVINI E' COMPROMESSO..."

Condividi questo articolo


 

Francesco Grignetti per “La Stampa”

salvini a mosca salvini a mosca

 

Nel preciso momento in cui l'ambasciata russa ha emesso la sua nota ufficiale, e sostanzialmente ha messo il cappello sulla missione di Salvini, ecco, dentro la maggioranza è scattata un dubbio che è quasi una certezza: il viaggio del Matteo leghista era il tentativo di dare una spallata al governo Draghi, inteso come anello debole della compagine occidentale.

 

IL VIAGGIO DI SALVINI A MOSCA BY ELLEKAPPA IL VIAGGIO DI SALVINI A MOSCA BY ELLEKAPPA

Ragionano ad alta voce, e all'unisono, diversi membri del Copasir: che la nostra opinione pubblica stia vistosamente ondeggiando, lo hanno capito anche all'ambasciata di Villa Abamalek; che ci sia una batteria di media più che bendisposti alle ragioni russe, è altrettanto evidente; e infine ci sono Lega e M5S che scalpitano. Sono dati oggettivi. «Ora - dice uno - pensiamo a che cosa sarebbe accaduto se Salvini avesse incontrato Lavrov a Mosca, o perfino Putin. E che al termine, Lavrov gli avesse graziosamente concesso gli ostaggi inglesi o gli avesse fatto un qualche altro "regalo". Chissà: qualche nave piena di grano. Salvini avrebbe potuto gridare al successo del "suo dialogo" al posto delle armi. Ai russi non sarebbe costato nulla.

 

ANTONIO CAPUANO E LA COMPAGNA Madeleine Mbone PER LE STRADE DI ROMA ANTONIO CAPUANO E LA COMPAGNA Madeleine Mbone PER LE STRADE DI ROMA

Da noi, invece, Draghi sarebbe stato clamorosamente sconfessato. Ne sarebbe disceso un maremoto emotivo. La maggioranza non avrebbe retto». Dice un altro: «Il Pd con la sua posizione ferma a sostegno della resistenza ucraina sta già pagando un prezzo altissimo nei confronti dell'anima pacifista...». Sottinteso: se il 29 maggio Salvini avesse avuto un pur minimo successo, ora il governo Draghi non ci sarebbe più. E aggiungono: se cade l'Italia, cade tutta la linea; guardate le ambiguità della Germania e pure quelle della Francia.

 

RAZOV RAZOV

A giudizio delle teste più attente della maggioranza, insomma, era una operazione più che sapiente, quella che l'ambasciatore Razov stava portando a segno. Grazie allo sconosciuto Antonio Capuano, aveva stretto un rapporto pressoché segreto con Salvini all'insaputa del suo stesso partito.

 

Nelle cene gli aveva fatto balenare la possibilità di un successo planetario, che neanche Erdogan o Macron avevano ottenuto. E Salvini, che è un giocatore d'azzardo, si era buttato, non dicendo nulla al premier, non calcolando che avrebbe travolto l'esecutivo o forse sì.

L'operazione stava per scattare. Il guaio di Salvini è che si è fidato di un intermediario che forse ha voluto strafare: Capuano infatti gli ha organizzato anche un incontro di altissimo livello in Vaticano, con il cardinale Parolin, il segretario di Stato. Per arrivarci, Capuano si era affidato a sua volta a una intermediaria non ortodossa, la famosa Cecilia Marogna, la dama dei fondi neri, sotto processo in Vaticano assieme a monsignor Becciu.

antonio capuano antonio capuano

 

Marogna vanta contatti con il mondo dell'intelligence, non solo italiana, e non s' è mai capito se siano millanterie o no. Fatto sta che è la nemica giurata di un'altra dama di quegli ambienti, Francesca Immacolata Chaouqui, protagonista dello scandalo Vatileaks 2. Quel che una fa, l'altra provvede a disfare. Tra loro è una guerra senza quartiere. Nulla di più facile che i segreti di Salvini e dell'ambasciatore Razov siano usciti da questa disfida.

 

ambasciatore russo a roma razov ambasciatore russo a roma razov

Ora i nemici di Salvini approfitteranno della sua débâcle. «L'Ambasciata russa - scrive il parlamentare di Forza Italia Elio Vito, membro anche lui del Copasir - conferma di avere pagato i biglietti aerei per il viaggio di Salvini a Mosca. Si tratta di un fatto gravissimo. Salvini dovrebbe dimettersi, è sempre più fonte di imbarazzo e preoccupazione per il suo partito, per gli alleati, per il centrodestra, per l'Italia». «Il capo della Lega chiarisca come mai un leader della maggioranza che ha votato le sanzioni alla Russia si fa organizzare e finanziare la trasferta proprio da quel governo. Basta ambiguità», dice anche Debora Serracchiani, capogruppo Pd alla Camera.

Antonio Capuano con Nuri al Maliki Antonio Capuano con Nuri al Maliki ANTONIO CAPUANO ANTONIO CAPUANO antonio capuano 2 antonio capuano 2 SERGEY RAZOV SERGEY RAZOV sergey razov ambasciatore russo sergey razov ambasciatore russo ambasciatore razov ambasciatore razov maxxilaquila razov melandr le 1921 maxxilaquila razov melandr le 1921 sergey razov a piazzale clodio 4 sergey razov a piazzale clodio 4 sergey razov a piazzale clodio 2 sergey razov a piazzale clodio 2 antonio capuano antonio capuano ANTONIO CAPUANO ANTONIO CAPUANO

 

Condividi questo articolo

politica

“HO FATTO TUTTO IL POSSIBILE, LE HO LASCIATO IL LAVORO FATTO. ADESSO TOCCA A LEI” – LA STIZZA DI MARIO DRAGHI CONTRO LA MELONI CHE AVEVA CRITICATO LA GESTIONE DEL PNRR E IL RIFIUTO DELLA DUCETTA DI ANDARE AL CONSIGLIO EUROPEO HA CONTRIBUITO A GETTARE BENZINA SUL FUOCO – DONNA GIORGIA TENTA DI RICUCIRE: “NON C'È NESSUNO SCONTRO CON DRAGHI”. MA PRECISA: L'ITALIA HA SPESO SOLO UNA PARTE DEI FONDI EROGATI, 5,1 MILIARDI CONTRO I 13,7 RICEVUTI, COME SPIEGATO DAL MINISTRO FRANCO…

GIORGIA MELONI HA DATO UN AVVERTIMENTO AGLI ALLEATI: NON È DISPOSTA A FARSI IMPORRE NESSUNO E NON SI FARÀ CONDIZIONARE DA MUSI LUNGHI O DIKTAT O BEGHE DI PARTITO - SE NON SI TROVERÀ LA QUADRA ENTRO METÀ DELLA PROSSIMA SETTIMANA, È PRONTA ANCHE AD ANDARE CON LA SUA LISTA AL QUIRINALE E POI PRESENTARSI IN PARLAMENTO: CHI CI STA BENE, ALTRIMENTI ARRIVEDERCI E GRAZIE - LA DUCETTA GOVERNERÀ SOLO CON UNA SQUADRA DI SUA FIDUCIA E ALTO PROFILO, ALTRIMENTI TANTO VALE NON COMINCIARE NEMMENO - IL NO A LICIA RONZULLI ALLA SANITA’: L’IPOTESI ZANGRILLO