PER LE EUROPEE, LA ZELIG DI COLLE OPPIO HA GIÀ PRONTO UN PIANO PER AVERE LA MOGLIE DROGATA E LA SIRINGA PIENA: LASCIARE LIBERTÀ DI VOTO AGLI ULTRÀ DI ECR, GLI SPAGNOLI DI VOX E I POLACCHI DEL PIS, COSÌ SARÀ LIBERA DI TRASFORMARSI IN DEMOCRISTIANA E VOTARE PER LA “MAGGIORANZA URSULA” O PER LA NUOVA ARRIVATA ROBERTA METSOLA - CONTATI I VOTI (I FRATELLINI D’ITALIA SONO CERTI CHE SALVINI PRENDERÀ UNA BRUTTA BOTTA), LA MELONI SI RIMBOCCHERÀ LE MANICHE PER UN RIMPASTO: I PAPABILI A GIRARE I TACCHI SONO SANGIULIANO, ZANGRILLO E SANTANCHÉ (GIÀ SPINTA DA ARIANNA A DIMETTERSI DA COORDINATRICE IN LOMBARDIA) - PER QUANTO RIGUARDA LA RUSSA, LA DUCETTA SE LO TIENE FINCHE’ PUO’…

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

GIANCARLO GIORGETTI GIORGIA MELONI GIANCARLO GIORGETTI GIORGIA MELONI

Giorgetti è troppo tonto per riuscire a trasformare una sconfitta sul Patto di Stabilità in un successo, qui ci vuole la Sora Giorgia, una capace di mutare la Coca Cola in Pepsi, il fascismo in un fascio di rose, un gerarca in un ministro. Dal punto di vista della comunicazione, è davvero brava.

 

E domani all’Ecofin, una decisione che sarà vitale per il bilancio dello stato italiano, quindi per l’economia in recessione del paese, verrà rinviata: “Non possiamo accettare regole impossibili da mantenere”, ha già piagnucolato il nostro ministro dell’Economia (per mancanza di spina dorsale).

 

ROBERTA METSOLA - GIORGIA MELONI ROBERTA METSOLA - GIORGIA MELONI

“Commissariato” Giorgetti, ci penserà lei a negoziare in prima persona il Patto di Stabilità al Consiglio Europeo del 15 dicembre, presenti tutti i capoccioni dell’Unione Europea. Qualsiasi cosa la Ducetta riuscirà poi a ottenere, ingranata quella cadenza da simpatica coatta della porta accanto, sparerà al Tg1 qualche supercazzola di vittoria, tanto vai a spiegare poi all’opinione pubblica le regole burocratiche del Patto di Stabilità.  

 

GIORGIA MELONI E ursula von der leyen A ROMA 1 GIORGIA MELONI E ursula von der leyen A ROMA 1

Sulla campagna elettorale per le Europee, la Zelig di Colle Oppio ha già pronto un piano per avere la moglie drogata e la siringa piena: lasciare dopo il voto di giugno 2024 libertà di voto ai componenti ultrà del suo gruppo europeo dei Conservatori (Ecr), vale a dire gli spagnoli di Vox e i polacchi del Pis, così sarà libera di trasformarsi in democristiana e  votare per la “Maggioranza Ursula” o per la nuova arrivata Roberta Metsola, cara amica di Tajani, ricevuta dalla premier con tutti gli onori in barba agli attacchi fiorentini di Salvini.

 

giorgia meloni e ignazio la russa giorgia meloni e ignazio la russa

Dopodiché, contati i voti (i fratellini d’Italia sono certi che Salvini prenderà una brutta botta), la Meloni si rimboccherà le maniche per un rimpasto di governo: i papabili a girare i tacchi sono Sangiuliano, Zangrillo e Santanché (già spinta da Arianna a dimettersi da capogruppo alla Regione Lombardia). Per ora i sostituti non ci sono: sarebbe intenzionata a prenderli dalle regioni in cui viene premiata.

 

Per quanto riguarda Ignazio La Russa che, come si è visto con l’affaire della prima della Scala, politicamente non è uno sprovveduto, Giorgia se lo tiene finché può, anche perché nominare eventualmente un nuovo presidente del Senato è un casino.

FINAL DESTINASCION - MEME SU DANIELA SANTANCHE BY 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA FINAL DESTINASCION - MEME SU DANIELA SANTANCHE BY 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA GIORGIA E ARIANNA MELONI GIORGIA E ARIANNA MELONI

morawiecki meloni morawiecki meloni ROBERTA METSOLA - GIORGIA MELONI ROBERTA METSOLA - GIORGIA MELONI IGNAZIO LA RUSSA - GIORGIA MELONI - MAURIZIO GASPARRI IGNAZIO LA RUSSA - GIORGIA MELONI - MAURIZIO GASPARRI SANTIAGO ABASCAL GIORGIA MELONI SANTIAGO ABASCAL GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI - ROBERTA METSOLA GIORGIA MELONI - ROBERTA METSOLA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP