1. FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI
2. L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% 
3. SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE 4. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP...

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

SALVINI MELONI SALVINI MELONI

Domenica prossima si apriranno le urne delle regionali in Sardegna: le prime elezioni del nuovo anno, che potrebbero rivelarsi molto sorprendenti per la tumultuosa scena politica italiana.

 

Sta circolando fra gli addetti ai lavori un freschissimo sondaggio riservato che è una doccia gelata per la destra e, in particolare, per i fratellini di Giorgia Meloni. Così smaniosi di affermare anche a livello locale il primato raggiunto con le politiche del 25 settembre 2022 da disintegrare le velleità di Matteo Salvini di ricandidare il presidente uscente Christian Solinas, esponente del partito Sardo d’azione, arruolato sotto la bandiera della Lega. 

 

CHRISTIAN SOLINAS - MATTEO SALVINI CHRISTIAN SOLINAS - MATTEO SALVINI

Ebbene, stando ai numeri, Alessandra Todde, candidata unitaria del centrosinistra (Elly+Conte), raggiunge il 45% mentre Paolo Truzzu, attuale sindaco di Cagliari, fortemente imposto dalla Ducetta in nome del centrodestra, si deve accontentare del 42,5%. Sempre a sinistra, Renato Soru, ricandidato alla presidenza con la sua 'Coalizione sarda, intasca l'11,2%. 

 

Se fra 7 giorni, tale rilevazioni diventassero realtà nelle urne, il centrodestra perderebbe la regione Sardegna e per Giorgia Meloni sarebbe la prima bruciante sconfitta. Mentre per il fatidico “campolargo” Pd-M5S il sogno di unire le forze potrebbe diventare realtà nazionale.

paolo truzzu 4 paolo truzzu 4

 

Sarà una Melona nervosetta quella atterrerà a Cagliari, mercoledì 21 febbraio, per l'evento di chiusura della campagna elettorale di Paolo Truzzu. ‘’Attesi, salvo imprevisti, i vice premier Antonio Tajani e Matteo Salvini””, scrive l’Ansa. Quello che è certo è che, una volta ammainata la Lega, i voti del Partito Sardo d’Azione in mano a Solinas, non premieranno il Truzzu della ‘Signora “Fascio tutto io!”. Dunque: salgono le probabilità di un successo della Todde. 

 

alessandra todde 3 alessandra todde 3

Mentre “Io so’ Giorgia” ha quasi del tutto cassato l’idea sulla sua candidatura alle europee. Anche in questo caso, entrano in ballo i sondaggi che non accontentano il suo desiderio di raggiungere il 30% . Fratelli d'Italia che non supera il 30% con la leader in campo sarebbe vissuto alla stregua di un clamoroso flop. 

alessandra todde mario turco giuseppe conte paola taverna michele gubitosi alessandra todde mario turco giuseppe conte paola taverna michele gubitosi RENATO SORU TISCALI RENATO SORU TISCALI renato soru renato soru

MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI - MEME FESTIVALBAR GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI - MEME FESTIVALBAR paolo truzzu 2 paolo truzzu 2 schlein todde schlein todde christian solinas a pontida christian solinas a pontida

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”