DAGOREPORT! - LA GRANDE BELLEZZA DI ROMA È ANCHE QUESTA: CHE TUTTO - COMPRESO IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO CONTE - SI FA IN VIRTÙ DEL POTERE DEI GRANDI STUDI LEGALI - CON LO SBARCO DEL NUOVO GOVERNO MELONIANO A PALAZZO CHIGI NON POTEVA NON CAMBIARE LA MAPPA DEGLI AZZECCAGARBUGLI. MESSI DA PARTE PER “PIDDISMO” GLI STUDI LEGALI DI ZOPPINI, SEVERINO, NAPOLITANO, OGGI A FAR DA CINGHIA DI TRASMISSIONE TRA POLITICA E POTERE BRILLA QUELLO DI GIANNI & ORIGONI. TANT’È CHE GIORGIA MELONI, PER SBRIGARE ALCUNE QUESTIONI FAMILIARI RIMASTE IN SOSPESO CON L’EX COMPAGNO ANDREA GIAMBRUNO, SI SAREBBE RIVOLTA APPUNTO A FRANCESCO GIANNI…

-

Condividi questo articolo


giuseppe conte guido alpa giuseppe conte guido alpa

DAGOREPORT

La grande bellezza di Roma è anche questa: che tutto - compreso il presidente del Consiglio - si fa in virtù del potere dei grandi studi legali. Quando Di Maio lanciò, come premier del governo Lega-M5s, il nome di Giuseppe Conte, Mattarella e il suo principale consigliere Ugo Zampetti, non l’avevano mai sentito in vita loro. Il Colle, ovviamente, preferiva un premier politico e di spessore. 

 

ugo zampetti sergio mattarella 1 ugo zampetti sergio mattarella 1

Mattarella e Zampetti allora chiesero informazioni ai loro fedelissimi di tale Conte, azzeccagarbugli del noto studio legale guidato da Guido Alpa, nonché padrino di battesimo del figlio di Stanislao Chimenti, avvocato molto affermato, partner di Delfino e Associati, e grande collezionatore di incarichi pubblici. In primis si rivolsero al presidente del Consiglio di Stato Alessandro Pajno, legatissimo al presidente della Repubblica, che negli ultimi quattro anni aveva visto Conte all’opera tra i corridoi di Palazzo Spada. 

ALESSANDRO PAJNO ALESSANDRO PAJNO

 

A favore di Conte a Palazzo Chigi fu però determinante il via libera di un gruppo di professionisti e grand commis di Stato capeggiato da Giulio Napolitano, figlio del presidente emerito Giorgio e ordinario di diritto pubblico alla facoltà di Giurisprudenza di Roma Tre nonché allievo di Sabino Cassese, in duplex con l’avvocato Andrea Zoppini, pezzo da novanta del diritto societario, consulente principe per molte società partecipate del Tesoro. Aggiungere che sia Napolitano che Zoppini sono poi entrambi grandi amici del figlio di Mattarella, Bernardo Giorgio. E Conte ottenne l’incarico.

 

ANDREA ZOPPINI GIULIO NAPOLITANO GIOVANNI BAZOLI ENRICO LETTA FOTO INFOPHOTO ANDREA ZOPPINI GIULIO NAPOLITANO GIOVANNI BAZOLI ENRICO LETTA FOTO INFOPHOTO

Paola Severino, quand’era Guardasigilli, Napolitano senior le aveva imposto il più caro amico di Giulio, Andrea Zoppini, come sottosegretario. Con il governo Draghi, il potere di Zoppini si gonfiò grazie al suo rapporto con il sottosegretario alla presidenza del consiglio, Roberto Garofoli. Quando i due, già autori di un ''Manuale delle società di partecipazione pubblica", 

firmarono insieme un articolo sul ''Corriere della sera'', la cosa non piacque per niente a Draghi giudicandolo poco "opportuno"..

roberto garofoli andrea zoppini roberto garofoli andrea zoppini

 

Con lo sbarco del nuovo governo meloniano a Palazzo Chigi non poteva non cambiare la mappa del potere dei grandi azzeccagarbugli di Stato. Messi da parte per “piddismo” gli studi legali di Zoppini, Severino, Napolitano, i nuovi legulei che oggi fanno da cinghia di trasmissione tra politica e potere fanno parte dello studio Gianni & Origoni. Tant’è che Giorgia Meloni, per sbrigare alcune questioni familiari rimaste in sospeso con l’ex compagno Andrea Giambruno, si sarebbe rivolta appunto allo studio legale preferito da Gianni Letta.

Gianni Origoni Gianni Origoni

 

Guidato da Francesco Gianni è da anni ai vertici delle classifiche che riguardano gli studi legali d’affari italiani, e forte presenza del fondatore sulla piazza romana sta facendo incetta della maggior parte degli incarichi delle aziende partecipate di Stato.  Ed oggi Gianni gareggia alla pari con il maggior studio legale d’Italia, quello capeggiato dall’ottuagenario ma vispissimo avvocato meneghino Sergio Erede.

giambruno meloni giambruno meloni

 

Molto compulsato anche lo studio legale Cancrini e Partners. Ex allievo di Sabino Cassese, Arturo Cancrini è il maggior esperto di contenziosi amministrativi su opere pubbliche, che conta tra i suoi clienti Webuild di Salini. 

arturo cancrini arturo cancrini

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP