DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

benjamin netanyahu benjamin netanyahu

Gli 007 della Cia stanno svolgendo un ruolo fondamentale non solo per trovare una quadra per la guerra russo-ucraina ma sono al lavoro anche in Medioriente, dove la loro mediazione ha finora impedito una pericolosa escalation.

 

Gli agenti hanno rapporti continui con il Mossad, alleato storico, ma anche con i servizi di sicurezza iraniani. Un dialogo confermato oggi dal ministro degli Esteri di Teheran, Hossein Amirabdollahian, che ha dichiarato che il regime teocratico ha informato preventivamente Washington sull’attacco a Israele di sabato scorso.

benjamin netanyahu Benny Gantz benjamin netanyahu Benny Gantz

 

È stata questa interlocuzione a evitare che i 400 missili e droni iraniani provocassero incidenti, danni e morti (infatti il massiccio attacco ha causato solo il ferimento di una bambina). Nonno Biden lo ha fatto presente allo scatenato Benjamin Netanyahu, sottolineando come il funzionamento dello scudo difensivo, si potesse considerare esso stesso una “vittoria”.

 

joe biden bibi netanyahu in israele joe biden bibi netanyahu in israele

Il messaggio implicito è stato: noi ti abbiamo difeso, gli iraniani hanno dimostrato di non volere un’escalation, avvisandoci dell’attacco, ora evita di far esplodere la regione e tutto il Medioriente. Anche perché, è il senso del discorso di Biden, una ulteriore controreazione di Teheran potrebbe non limitarsi a uno spettacolino pirotecnico (400 missili, dei quali metà a elica, lenti e facilmente intercettabili, e droni) ma a un attacco ancora più massiccio per bloccare il quale potrebbe non bastare il solo “Iron Dome” (la cupola dello Stato ebraico che intercetta i razzi).

NETANYAHU GALLANT NETANYAHU GALLANT

 

Netanyahu, però, finora è stato irremovibile. Vuole una rappresaglia per mandare un messaggio a tutti i nemici di Israele, sente di avere il consenso popolare a una dimostrazione di forza (https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/ldquo-rsquo-iran-ha-dichiarato-guerra-israele-non-resta-altro-fare-392017.htm) e già dopo il lancio di missili iraniano era pronto a rispondere.

 

A fermarlo, nonostante le pressioni belliciste dei suoi alleati di governo, compreso il “moderato” Benny Gantz, è stata la telefonata di Biden e l’accorta mediazione degli 007 americani, che hanno avvertito Teheran, mettendo in allerta gli ayatollah.

 

IRON DOME - LO SCUDO CHE PROTEGGE ISRAELE IRON DOME - LO SCUDO CHE PROTEGGE ISRAELE

Grazie all’intervento della Cia si è evitata una escalation e sono volate, al posto dei missili, le solite minacce: da un lato l’Iran promette di usare un’arma “mai utilizzata prima”, dall’altro Israele che rinvia la risposta sine die con la scusa del sadismo psicologico: “Dovranno aspettare nervosamente senza sapere quando potrebbe arrivare”.

 

Nonostante abbiano evitato il peggio, gli americani non si fidano di Netanyahu: lo considerano inaffidabile e imprevedibile e, alle mediazioni dell’intelligence vorrebbero accompagnare una manovra politica per far cadere il suo governo.

 

IRAN ATTACCA ISRAELE IRAN ATTACCA ISRAELE

Un’operazione spericolata e di difficile realizzazione perché gli stessi oppositori di "Bibi", come Benny Gantz, ex capo di stato maggiore, hanno posizioni altrettanto ruvide dal punto di vista militare.

 

L’opinione pubblica israeliana è in larga parte favorevole sia alla guerra a Gaza che a una risposta “muscolare” all’Iran. E Netanyahu ha un futuro politico (ed evita la galera) solo finché la guerra e lo stato d'allarme proseguono.

 

batteria antimissile iron dome israele batteria antimissile iron dome israele

Tra l'altro l'operazione “terroristica” con cui il Mossad ha eliminato il generale delle Guardie rivoluzionarie iraniane, Mohammad Reza Zahedi, nell'ambasciata iraniana a Damasco e la successiva tensione con Teheran non è spuntata per caso: è servita al premier israeliano a "oscurare" temporaneamente la mattanza nella Striscia di Gaza, che tanto ha danneggiato l'immagine di Israele, indignando le opinioni pubbliche in mezzo mondo.

 

Ps: Biden deve prestare attenzione alle sue mosse in Medioriente: una fetta della comunità ebraica americana è contraria all’ipotesi “due popoli, due stati”, per risolvere la questione israelo-palestinese, e si sta avvicinando al partito repubblicano, e dunque a Donald Trump, schierati con Netanyahu (Trump è stato l’artefice degli accordi di Abramo e ha riconosciuto ufficialmente Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico).

iraniani festeggiano l attacco a israele iraniani festeggiano l attacco a israele LA DIFESA DI ISRAELE DALL ATTACCO IRANIANO LA DIFESA DI ISRAELE DALL ATTACCO IRANIANO I DETTAGLI DELL ATTACCO DELL IRAN A ISRAELE I DETTAGLI DELL ATTACCO DELL IRAN A ISRAELE attacco iraniano a israele attacco iraniano a israele lancia razzi iran lancia razzi iran BENJAMIN NETANYAHU AL CONFINE CON IL LIBANO BENJAMIN NETANYAHU AL CONFINE CON IL LIBANO netanyahu gaza palestina netanyahu gaza palestina ATTACCO IRANIANO A ISREALE ATTACCO IRANIANO A ISREALE parenti degli ostaggi israeliani protestano contro netanyahu 3 parenti degli ostaggi israeliani protestano contro netanyahu 3 ANTONY BLINKEN - BENJAMIN NETANYAHU ANTONY BLINKEN - BENJAMIN NETANYAHU attacco dell iran a israele cielo di gerusalemme attacco dell iran a israele cielo di gerusalemme proteste contro netanyahu in israele 1 proteste contro netanyahu in israele 1 BENJAMIN NETANYAHU VISITA I SOLDATI ISRAELIANI NELLA STRISCIA DI GAZA BENJAMIN NETANYAHU VISITA I SOLDATI ISRAELIANI NELLA STRISCIA DI GAZA proteste contro netanyahu in israele 2 proteste contro netanyahu in israele 2 I DETTAGLI DELL ATTACCO DELL IRAN A ISRAELE I DETTAGLI DELL ATTACCO DELL IRAN A ISRAELE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA IMBUFALITO NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"