DAGOREPORT – C’ENTRA QUALCOSA L’AZERBAIGIAN NELLA MORTE DI RAISI? NON SI SA: DI CERTO BAKU È IL PRIMO FORNITORE DI PETROLIO DI ISRAELE, GLI 007 AZERI VENGONO ADDESTRATI DAL MOSSAD E SI VOCIFERA DI BASI SEGRETE ISRAELIANE – SI AVVICINA IL DOPO KHAMENEI (84 ANNI) CHE VEDE IN LOTTA IL DI LUI FIGLIO MOJTABA CONTRO L'EREDE DELL’EX AYATOLLAH KHOMEINI – PER LA SUCCESSIONE A RAISI IN CORSA L'ULTRADESTRO GHALIBAF E IL MODERATO LARIJANI – I COLLOQUI IN OMAN TRA WASHINGTON E TEHERAN, PER LA DE-ESCALATION NEL GOLFO, CONTINUANO, IN BARBA AI PASDARAN (E A NETANYAHU)

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

 

ali khamenei prega per raisi ali khamenei prega per raisi

La misteriosa morte del presidente iraniano Ebrahim Raisi si arricchisce di giorno in giorno di dettagli suggestivi. Il presidente del regime teocratico era di ritorno da una visita in Azerbaigian, quando il suo sgangherato elicottero Bell 212, vecchio di 40 anni, si è schiantato al suolo. 

 

Come Dago-dixit, Baku è il primo fornitore di petrolio di Israele e tra le intelligence di Tel Aviv e quella azera intercorrono ottimi rapporti di collaborazione, al punto che gli 007 dell’ex Repubblica sovietica vengono addestrati dal Mossad. Inoltre, si vocifera che in Azerbaigian ci siano delle basi segrete israeliane. Tutti elementi che non spiegano ma disegnano un contesto. 

ARRIVO DELLA BARA DI EBRAHIM RAISI ALL AEROPORTO DI TEHERAN ARRIVO DELLA BARA DI EBRAHIM RAISI ALL AEROPORTO DI TEHERAN

A rendere più fumosa la morte di Raisi è il complesso scenario di potere iraniano, dove nessuna autorità, neanche l’ayatollah, ha un vero potere assoluto. A Teheran si muovono inoltre due servizi di intelligence paralleli: quello ufficiale e quello dei pasdaran. Per la successione, l’autorità suprema, l'84enne Khamenei, ha spianato la strada al figlio, il 55enne Mojtaba. 

 

A questa trasmissione ereditaria del potere, che gode del favore dei pasdaran, si oppone un vasto fronte, capeggiato dal figlio dell’ex ayatollah, Khomeini, che accusa Khamenei di aver non solo rimosso la memoria del fondatore della Repubblica islamica, ma anche di aver rinnegato l’essenza stessa della rivoluzione, in una spirale familistica di ambizione e comando. 

incidente elicottero di ebrahim raisi incidente elicottero di ebrahim raisi

 

In questa “Succession” in salsa sciita si apre un’altra sfida per il posto di presidente, lasciato vacante da Raisi: i più quotati a contendersi la poltrona sono l’ex sindaco di Teheran, Mohammed Baqer Ghalibaf, estremista di destra e attualmente potente speaker del Parlamento (da due legislature), e Ali Larijani, ex segretario del Consiglio supremo per la sicurezza nazionale, considerato un moderato e la cui candidatura, per questa ragione, fu bocciata alle presidenziali del 2021 dal Consiglio dei Guardiani della Costituzione. 

 

Il guazzabuglio di potere in Iran e le imponderabili conseguenze della morte di Raisi hanno creato delusione in Netanyahu, che sperava in uno stop ai colloqui tra Usa e Teheran in Oman.

 

mojtaba khamenei mojtaba khamenei

A quei negoziati, che puntano ad evitare un’ulteriore escalation nel Golfo, per conto dell’Iran, partecipava il vice ministro degli esteri, Ali Bagheri, ora salito di grado e diventato ministro, dopo la morte del titolare del dicastero, Hossein Amirabdollahian, deceduto in elicottero con Raisi. Bagheri, al suo posto nei colloqui con gli Stati Uniti, ha piazzato un suo fedelissimo. In barba ai pasdaran (e a Netanyahu). 

ghalibaf ghalibaf HOSSEIN AMIRABDOLLAHIAN HOSSEIN AMIRABDOLLAHIAN BENJAMIN NETANYAHU ALL ONU DENUNCIA IL PROGRAMMA NUCLEARE IRANIANO BENJAMIN NETANYAHU ALL ONU DENUNCIA IL PROGRAMMA NUCLEARE IRANIANO IL MINISTRO DEGLI ESTERI IRANIANO HOSSEIN AMIRABDOLLAHIAN E UN ALTRO FUNZIONARIO NELL ELICOTTERO DI RAISI IL MINISTRO DEGLI ESTERI IRANIANO HOSSEIN AMIRABDOLLAHIAN E UN ALTRO FUNZIONARIO NELL ELICOTTERO DI RAISI Netanyahu Benny Gantz Yoav Gallant Netanyahu Benny Gantz Yoav Gallant KHOMEINI KHOMEINI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…