DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

LUCA ZAIA MATTEO SALVINI LUCA ZAIA MATTEO SALVINI

Luca Zaia ha incassato il colpo e ha taciuto. Quando Salvini si è presentato a Padova dicendo “di nomi per il dopo Zaia ne ho dieci”, il governatore del Veneto non ha fiatato. Ma il suo silenzio non deve essere scambiato per immobilismo. Che abbia voglia di vendicarsi, è chiaro. Uno che governa da 15 anni, bagnato dal consenso, una delle regioni più ricche d’Italia, non puo’ essere scaricato come un kleenex usato.

 

matteo salvini roberto vannacci 1presentazione del libro controvento matteo salvini roberto vannacci 1presentazione del libro controvento

Ecco che il voto europeo del 9 giugno rappresenta una ghiotta occasione per affondare il colpo contro il “Capitone” ingrato. Storici elettori leghisti sussurrano a Dagospia: “Qui in Veneto voteremo tutti per Forza Italia…”, lasciando immaginare un voltafaccia massiccio al Carroccio.

 

Non pesano solo le parole di Salvini su Zaia o il progetto (poi abortito) di una Lega nazionale: incide, e non poco, la candidatura del generale Vannacci, vissuto come corpo estraneo dalla storica base leghista.

 

Il ministro delle Infrastrutture continua a ripetere che il militare sarà uno dei candidati più votati, eppure il sospetto che qualcosa nella Lega si stia muovendo per sabotarne l’elezione è forte. I soliti “addetti ai livori” sussurrano: cosa accadrebbe se i tre governatori del Carroccio (Zaia in Veneto, Fedriga in Friuli e Fontana in Lombardia) si limitassero al compitino elettorale senza spronare più di tanto la base ad andare alle urne?

 

luca zaia matteo salvini massimiliano fedriga attilio fontana luca zaia matteo salvini massimiliano fedriga attilio fontana

Cosa succederebbe se la Lega, nonostante la discesa in campo di Vannacci, non andasse oltre il 7-8%, o addirittura prendesse meno voti? E continuando con i “se”: cosa accadrebbe al governo se il vicepremier Salvini si ritrovasse improvvisamente alla guida di un partito punito dagli elettori, spaccato in mille rivoli e con pezzi da novanta in fuga, magari verso la Liga Veneta, alla ricerca della purezza ideologica del progetto originario di Umberto Bossi?

 

Il generale Vannacci sarà la ciliegina sulla torta o la pietra tombale per Matteo Salvini, che tanto ha voluto l’ex parà nelle liste della Lega, ignorando le critiche dei suoi, da Romeo a Molinari da Centinaio a Garavaglia? Ah, saperlo…

 

matteo salvini e roberto vannacci. presentazione del libro controvento matteo salvini e roberto vannacci. presentazione del libro controvento matteo salvini e roberto vannacci 1presentazione del libro controvento matteo salvini e roberto vannacci 1presentazione del libro controvento ZAIA - GIORGETTI - FONTANA - CALDEROLI - SALVINI - FEDRIGA ZAIA - GIORGETTI - FONTANA - CALDEROLI - SALVINI - FEDRIGA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – RISIKO BESTIALE A BRUXELLES! URSULA VON DER LEYEN, NONOSTANTE I VETI DEL TRIO TUSK-MACRON-SCHOLZ, S’ALLISCIA LA MELONI PER BLOCCARE I FRANCHI TIRATORI TRA POPOLARI E SOCIALISTI. MA L’INCIUCIONE SARÀ RIVELATO DOPO IL VOTO: SE L’ITALIA INCASSERÀ UN COMMISSARIO DI PESO, FRATELLI D’ITALIA SI SARÀ APPECORONATO ALLA COFANA TEDESCA (E ALLORA SÌ CHE SALVINI E LE PEN INIZIERANNO A CECCHINARE LA “TRADITRICE” GIORGIA) – OCCHIO A MACRON: ANCHE SE INDEBOLITO PER L’AVANZATA DELLE DESTRE IN FRANCIA, DA “ANIMALE FERITO” PUÒ DIVENTARE UNA MINA VAGANTE