DELENDA RENZI! - PERCHÉ ''REPORT'' HA ASPETTATO PIÙ DI 4 MESI PER TIRARE FUORI IL VIDEO DELL’INCONTRO TRA RENZI E MANCINI? LA RAI(TRE) TARGATA PD-M5S HA DECISO DI SCODELLARLO ORA NON TANTO PER AZZOPPARE LE AMBIZIONI DI MANCINI (GIA' SEGATE), MA PER GETTARE NUOVE OMBRE SU MATTEUCCIO, REO DI AVER TARPATO LE ALI AL CONTE-TER – FATECI CASO: L’UNICO A PARLARE IN DIFESA DI RENZI È STATO SALVINI. I DUE MATTEI HANNO INFATTI UN OBIETTIVO COMUNE: OCCUPARE IL CENTRO…

-

Condividi questo articolo


DAGONEWS

report incontro mancini renzi 1 report incontro mancini renzi 1

Perché Report ha tirato fuori il video dell’incontro tra Matteo Renzi e Marco Mancini soltanto adesso? Il faccia faccia tra l’ex premier e lo 007 è avvenuto il 23 dicembre, cioè più di 4 mesi fa. Eppure la Rai(tre) targata Pd-M5s ha deciso di spiattellarlo adesso. L’obiettivo non è tanto azzoppare le ambizioni di carriera di Mancini (già segato), quanto piuttosto quello di gettare nuovo fango, e nuove ombre, sul senatore semplice di Rignano, reo di aver azzoppato il Conte-Casalino.

 

matteo salvini e matteo renzi si incrociano in senato 1 matteo salvini e matteo renzi si incrociano in senato 1

Fateci caso: i grillini hanno presentato un’interrogazione, la Meloni ha invocato il Copasir mentre dal Nazareno e da Leu è risuonato un rumorosissimo silenzio.

 

L’unico a intervenire in difesa di Renzi è stato il suo omonimo Salvini: “Io di esponenti dei servizi ne ho incontrati a decine, non sull'autogrill, ma per parlare di immigrazione, sicurezza. Mi sembra assolutamente normale, poi uno può incontrarli in un autogrill o nel suo ufficio, non mi sembra niente di particolare. La polemica è inesistente".

 

letta conte letta conte

L’intervento del “Capitone” non è un caso: i due Mattei in questa fase sono uniti da un obiettivo e da un comune interesse al centro dello spazio politico.

 

SALVINI MELONI TOTI SALVINI MELONI TOTI

Renzi vuole fare il pivot di una alleanza con Forza Italia-Calenda-Radicali e Toti.

 

È la stessa area a cui guarda Salvini per lasciare la Meloni a strepitare a destra, ripulire l’immagine della Lega e dare risposta alla base pragmatica del nord-est, che è stufa delle sfuriate ed è al contrario entusiasta dell’inversione a EU dell’ex truce. Del resto, nel nuovo contenitore finirebbero due suoi alleati: ciò che resta del partito di Berlusconi e Ciccio-Toti.

renzi calenda renzi calenda

salvini renzi salvini renzi report incontro mancini renzi report incontro mancini renzi enrico letta giuseppe conte enrico letta giuseppe conte MATTEO RENZI E MARCO MANCINI MATTEO RENZI E MARCO MANCINI MATTEO RENZI E MARCO MANCINI MATTEO RENZI E MARCO MANCINI SALVINI E RENZI SALVINI E RENZI conte bettini e letta alle agora conte bettini e letta alle agora SALVINI VESPA E RENZI SALVINI VESPA E RENZI salvini renzi meme salvini renzi meme

giovanni toti marco bucci matteo salvini giovanni toti marco bucci matteo salvini matteo salvini giovanni toti matteo salvini giovanni toti calenda renzi calenda renzi

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

IL TETTO AI DUE MANDATI PARLAMENTARI? MA ERA GIÀ UNA PRATICA DELLA PRIMA REPUBBLICA! -  L’EDITORIALE DI “MONTESQUIEU”, ALIAS MAURO ZAMPINI, EX SEGRETARIO GENERALE DELLA CAMERA, SVELA L’INDECENTE USANZA DEL PARTITO COMUNISTA: “DOPO DUE MANDATI, SCATTAVA LA CONVERSIONE DEGLI "INABILI" AL LAVORO PER IL PARTITO, ATTRAVERSO CERTIFICAZIONI MEDICHE UFFICIALIZZATE DAGLI UFFICI DI PRESIDENZA DI CAMERA E SENATO. CON ANEDDOTI ADDIRITTURA GROTTESCHI, DI PARLAMENTARI GIÀ DICHIARATI INABILI AL LAVORO PARLAMENTARE, E RIELETTI IN ALTRI PARTITI”