DIPARTITO DEMOCRATICO! PSICODRAMMA ALL’ASSEMBLEA PD DI AVELLINO NELLA DEFINIZIONE DELLE CANDIDATURE PER LE REGIONALI: I RENZIANI PROVANO A EPURARE LA MINORANZA DEL PARTITO E SCATTA LA RISSA (VIDEO)

Il papocchio è esploso quando i renziani, guidati dal segretario Carmine De Blasio, hanno provato a forzare l’assemblea per la creazione di una lista “di maggioranza”, cioè renziani – Come? Ignorando il numero legale e tentando la via del voto ad alzata di mano – Il colpo di mano non è riuscito nell'intento proprio per l'insurrezione delle minoranze che chiedevano il rispetto delle regole…

Condividi questo articolo

ASSEMBLEA PROVINCIALE PD - RISSA SFIORATA

 

Da http://www.orticalab.it         

RISSA ALL ASSEMBLEA DEL PD DI AVELLINO RISSA ALL ASSEMBLEA DEL PD DI AVELLINO

 

Chiamarlo partito non si può, figurarsi democratico. Quello che è accaduto durante l’Assemblea Provinciale del Partito Democratico, riunita all’ex Asilo Patria e Lavoro per la definizione delle candidature per le regionali, è qualcosa di semplicemente indegno.

 

Una pagina di vergogna da manuale che trae la sua origine in un certo modo di gestire la vita di un organismo intermedio di rappresentanza, qual è un partito appunto, che dovrebbe vivere del contributo di tutte le sue anime interne e dovrebbe alimentarsi di un laico pluralismo capace di dare spazio all’espressione di tutte le differenze che lo attraversano, tanto più in una realtà plurale come quella del Pd.

RISSA ALL ASSEMBLEA DEL PD DI AVELLINO RISSA ALL ASSEMBLEA DEL PD DI AVELLINO

 

Un organismo, insomma, che dovrebbe vivere di un confronto civile di idee, posizioni e punti di vista, senza soffocare la voce di alcuno ma tentando, piuttosto, di armonizzare ed amalgamare le differenze perché è da queste che nasce una capacità di far fronte alle sfide molteplici della rappresentanza.

 

Un confronto che non dovrebbe mai tramutarsi in barbaro scontro, soprattutto in quella che dovrebbe essere una democrazia più o meno compiuta. Tutto questo è smentito nelle scene che immortalano la bagarre scatenatasi nel corso dell’assise e che denunciano, senza bisogno di troppi commenti, l’immaturità e l’inadeguatezza di una realtà come il Pd irpino.

RISSA ALL ASSEMBLEA DEL PD DI AVELLINO RISSA ALL ASSEMBLEA DEL PD DI AVELLINO

 

Scene che denunciano la pochezza di una politica non vocata al servizio ma fondata su tatticismi che difendono interessi di parte. Questo l’atteggiamento che ha preparato e accompagnato lo svolgimento dell’assemblea: era dunque inevitabile che qualcosa andasse storto, che il tappo saltasse e che la polveriera esplodesse.

 

Il segretario del Partito non ha mai governato questo come altri processi che ne hanno attraversato la vita dalla sua assunzione di incarico. Era inevitabile che i nodi venissero al pettine ma non così. Non in maniera così vergognosa: questa è la mortificazione della politica, un’immagine sconfortante che non può far altro che allontanare ancora di più l’elettorato da un mondo percepito già come corrotto e parassitario.

 

RISSA ALL ASSEMBLEA DEL PD DI AVELLINO RISSA ALL ASSEMBLEA DEL PD DI AVELLINO

Quello del Patria e Lavoro è il peggior spot elettorale per il Pd che si condanna agli occhi di una cittadinanza già stanca di un copione inconcludente. Una violenza verbale che mal celava una foga fisica scatenata da un arrogante atteggiamento di prevaricazione di chi, non avendo, evidentemente, argomenti validi, sperava di vincere con la forza mettendo a tacere le minoranze che, legittimamente, chiedevano che le loro istanze fossero ascoltate e riconosciute. È un diritto fondamentale, l’ABC della democrazia, paradossalmente e vergognosamente negato alla vigilia del Settantesimo Anniversario dalla Liberazione.

 

RISSA ALL ASSEMBLEA DEL PD DI AVELLINO RISSA ALL ASSEMBLEA DEL PD DI AVELLINO

Il problema, dunque, non è da ricercare nelle urla dei componenti di minoranza che reclamavano a gran voce il rispetto delle regole, urla che ci riconsegnano immagini penose, ma nella sorda supponenza di chi, con meschina arroganza, ha ritenuto di poter voltare le spalle alle più elementari norme della democrazia per garantire i propri interessi, ovvero il compimento di un piano già stabilito altrove. Chiamarlo democratico, il partito di De Blasio, davvero non si può.

 

Condividi questo articolo

politica

“GIUSEPPI”, CHE PAROLAIO! - IN CONFERENZA STAMPA DICE “NON MI PIACE FARE PROMESSE” POI ANNUNCIA CHE “LA COMMISSIONE EUROPEA HA STIPULATO VARI CONTRATTI CHE PREVEDONO GIÀ A DICEMBRE L'ARRIVO DELLE PRIME DOSI DEL VACCINO”. MA LA COMMISSIONE, SENTITA DA “LA STAMPA”, HA MESSO LE MANI AVANTI: “PER QUANTO RIGUARDA LE TEMPISTICHE, IN QUESTA FASE NON POSSIAMO FARE ALCUNA DICHIARAZIONE" - "LA VERITA'": "PER 17 VOLTE HA INFRANTO LE REGOLE OMS. CONTINUAVA A TOCCARSI LA MASCHERINA..."