1. DOVE AVRÀ MAI PASSATO IL PRANZO DI FERRAGOSTO L'INCONTENIBILE BEPPE GRILLO? DUE SPAGHETTI A FREGENE CON LA RAGGI? IN PIAZZA CON DI BATTISTA? IN UN CIRCOLO M5S?
2. NO! ERA ATTOVAGLIATO SULLO YACHT DI ENRICO DE MARCO, RE DELLA SIMILPELLE, ORMEGGIATO DAVANTI A PORTO CERVO. E HA FORMATO UN TRIO DAVVERO INASPETTATO
3. PER TUTTO IL TEMPO DELLA FESTA SI È INFATTI INTRATTENUTO CON GIORGIO GORI, RENZIANISSIMO SINDACO DI BERGAMO, ED ERNESTO MAURI, AMMINISTRATORE DELEGATO DELLA MONDADORI, BRACCIO DESTRO DI MARINA BERLUSCONI NONCHÉ FEDELISSIMO DEL PADRE SILVIO
4. I TRE AVREBBERO PARLATO DEL DECLINO DEL PREMIER E DEL REFERENDUM IN ARRIVO, MENTRE ALLA POVERA MOGLIE PARVIN È TOCCATO CHIACCHIERARE CON TRISTINA PARODI DI RICETTE IRANIANE - A BORDO, IL MEJO DELLA FINANZA E DELL'IMPRENDITORIA GLOBALE

Condividi questo articolo


beppe grillo al mare da novella 2000 beppe grillo al mare da novella 2000

Alberto Dandolo per Dagospia                               

 

Dove avrà mai trascorso il Ferragosto l’incontenibile Beppe Mao? Forse si sarà fatto due spaghetti con le vongole a Fregene con la sua sindaca preferita, quella Virginia Raggi alle prese con gli stipendi d’oro della sua neonata giunta? Avrà pranzato in un circolo M5S in quel di Alassio con la base del Movimento? Si sarà unito al tour per il 'no' al referendum del romano Di Battista, in giro per piazze e rifugi dolomitici? O forse avrà accompagnato l’ex gieffino e attuale comunicatore pentastellato Rocco Casalino ad officiare un matrimonio gayo? Macchè!

beppe grillo mare rep02 beppe grillo mare rep02

 

Beppino ha scelto un 15 d’agosto ultra-godereccio e si è attovagliato a bordo di un enorme panfilo ormeggiato davanti alla sua adorata Porto Cervo.

 

Se d'inverno non rinuncia alle nuotate con la sua gagliarda moglie nel mare keniota, l'estate grillina è solo in Costa Smeralda. L'anno scorso si faceva intervistare dal 'Financial Times' all'hotel Cala di Volpe, quest’anno ha preferito trastullarsi a colpi di “Vacchi dance” e champagne di prima scelta su uno yacht di circa 42 metri denominato ''Aldebaran''.

giorgio gori cristina parodi giorgio gori cristina parodi

 

Il panfilo in questione prende il nome da una stella appartenente alla costellazione del Toro e non appartiene a un armatore anonimo. E’ di proprietà di Enrico De Marco, re incontrastato della similpelle e tra gli industriali italiani più conosciuti al mondo.

 

Ad accogliere sulla discreta barca Beppe Mao e consorte c’era la bombastica e cotonatissima Alessandra, moglie di Enrico e dama prezzemolona dei salotti meneghini. Tra un'ostrica, un fresco mojito e un'atmosfera molto allegra, la compagnia si è dimenata nelle danze.

SERGIO MANTEGAZZA FAMILY SERGIO MANTEGAZZA FAMILY

 

E Beppe, tra un colpo d’anca e un carpaccio di pesce spada si è intrattenuto a lungo con altri due ospiti blasonati: Giorgio Gori, renzianissimo sindaco di Bergamo, e nientemeno che Ernesto Mauri, potente Ad del Gruppo Mondadori, nonché braccio destro di Marina Berlusconi e fedelissimo di patron Silvio.

 

Una “trilateral” in pieno stile Prima Repubblica che ha destato in quei pochi ospiti ancora lucidi non poche curiosità. SI mormora che il bizzarro trio abbia naturalmente parlato di politica e i temi più gettonati sembra siano stati l’inesorabile declino di Pittibimbo e il Referendum prossimo venturo. Chissà se Beppe Mao abbia detto ad Ernestino Mauri di portare i suoi personali auguri alla Cainana per il suo 50° compleanno?

SERGIO MANTEGAZZA SERGIO MANTEGAZZA

 

Nel frattempo Tristina Parodi (che segue il suo “George” come un’ombra!) si è seduta con Parvin Tadjk, la moglie iraniana di Grillo. Le due First Lady sembra abbiano discusso di cucina: la placida Tristina voleva carpire quante più ricette iraniane per passarle alla sorellina Benedetta. Tra gli invitati al party anche l'arcimilionario Marco Mavilla, fondatore della Play Watch, l'onnipresente Arturo Artom, e il finanziere svizzero Sergio Mantegazza, che nel curriculum può vantare un patrimonio da 4,4 miliardi (non milioni) di dollari.

 

arturo artom lindsay lohan arturo artom lindsay lohan

Beppe Mao ha lasciato lo yacht solo nel tardo pomeriggio quando, un po’ esausto e scortato dalla sua Parvin, si è ritirato nella sua magione smeraldina.

 

ERNESTO MAURI ERNESTO MAURI MARINA BERLUSCONI ERNESTO MAURI MARINA BERLUSCONI ERNESTO MAURI BEPPE GRILLO A PORTO CERVO CON LA MOGLIE PARVIN FOTO DA LIBERO jpeg BEPPE GRILLO A PORTO CERVO CON LA MOGLIE PARVIN FOTO DA LIBERO jpeg BEPPE GRILLO A PORTO CERVO CON LA MOGLIE PARVIN FOTO DA LIBERO jpeg BEPPE GRILLO A PORTO CERVO CON LA MOGLIE PARVIN FOTO DA LIBERO jpeg BEPPE GRILLO A PORTO CERVO CON LA MOGLIE PARVIN FOTO DA LIBERO jpeg BEPPE GRILLO A PORTO CERVO CON LA MOGLIE PARVIN FOTO DA LIBERO jpeg MARINA BERLUSCONI ERNESTO MAURI MARINA BERLUSCONI ERNESTO MAURI

 

 

Condividi questo articolo

politica

“CALENDA MI SEMBRA UN BIPOLARE CON DISTURBO DI PERSONALITÀ. È ‘BULLO DA SOLO’” - DAGO FA LA MESSA IN PIEGA AI POLITICI: “LETTA HA TANTI DIFETTI: NON HA CAPITO CHE BISOGNA PARLARE PER SLOGAN - RENZI HA IL CARATTERE DI UN PROVINCIALE FRUSTRATO, CHE VORREBBE FARSI ACCETTARE, NON CI RIESCE E FA LO SPACCONE - CONTE? NON SI È RESO CONTO CHE GRILLO GLI STA RESETTANDO IL M5S E ASPETTA CHE PASSI IL SUO CADAVERE - SALVINI E BERLUSCONI? NESSUNO DETESTA GIORGIA MELONI COME LORO. QUESTI NON HANNO CAPITO CHE L’ITALIA È UN PAESE A SOVRANITÀ LIMITATA. TUTTO SI DECIDE A BRUXELLES O A WASHINGTON. SE LAGARDE SMETTE DI COMPRARE BOT ITALIANI, FINIAMO CON IL SEDERE PER TERRA - LE ELEZIONI ITALIANE SARANNO OSSERVATE DALL’INTELLIGENCE DI TUTTO IL MONDO"

AGENTI DELL'FBI HANNO FATTO VISITA NELLA RESIDENZA DI TRUMP IN FLORIDA GIA’ LO SCORSO APRILE. SECONDO LA “CNN” IN QUELL'OCCASIONE INCONTRARONO DUE AVVOCATI DEL TYCOON –L’ARCINEMICA NANCY PELOSI GONGOLA VELENOSA: “NESSUNO È AL DI SOPRA DELLA LEGGE, NEANCHE UN EX PRESIDENTE” – IL FIGLIO ERIC: “SONO STATO IO AD AVVERTIRE MIO PADRE SUL RAID. ERANO UNA TRENTINA, FORSE DI PIÙ. NON VOGLIONO CHE MIO PADRE VINCA ANCORA NEL 2024” – A QUESTO PUNTO THE DONALD RISCHIA DI NON POTERSI RICANDIDARE PERCHE’…

DI BATTISTA SCOPRE LE CARTE: “NON MI CANDIDO PERCHÉ TANTI NON MI VOGLIONO, DA GRILLO A FICO - CONTE E' STATO IL PIU' CORRETTO E ONESTO CON ME - POLITICAMENTE OGGI NON MI FIDO DI BEPPE GRILLO CHE FA DA PADRE PADRONE E IO SOTTO DI LUI NON CI STO - MI HANNO IMPEDITO DI FARE IL CAPO POLITICO DEL M5S EVITANDO DI VOTARE, QUANDO NON HANNO NEPPURE VOLUTO PUBBLICARE I VOTI DEGLI STATI GENERALI PERCHÉ IO AVEVO PRESO IL TRIPLO DEI VOTI DI DI MAIO - C'E' CHI SI INFILA IN SEDE PD PER ELEMOSINARE UN SEGGIO, NON SONO COME LORO - CREERÒ UN’ASSOCIAZIONE PER FARE POLITICA DA FUORI…” - IL VIDEO SFOGO DI DI BATTISTA

E’ STATA LA MANO DI GRILLO - LEGGENDO L’INTERVISTA DI CASALINO AL “CORRIERE” SI IMMAGINA CHE LA SUA MANCATA CANDIDATURA SIA FRUTTO DI UN GESTO DI RESPONSABILITÀ: “HO CAPITO CHE LA MIA PRESENZA IN LISTA AVREBBE SCATENATO POLEMICHE E L'ULTIMA COSA CHE VOGLIO È ARRECARE UN DANNO AL MOVIMENTO O A CONTE” - IN REALTÀ LO STOP A CASALINO, CHE DA ANNI SOGNA DI POGGIARE LE SUE NATICHE SULLO SCRANNO DI SENATORE, È ARRIVATO DA BEPPE GRILLO, CHE SI E’ VENDICATO CON CONTE PER IL TRATTAMENTO RISERVATO ALLA SUA COCCA VIRGINIA RAGGI - IL VIDEO CON IL "CHE GUEVARA DI ROMA NORD" SPIEGA LA MANCATA CANDIDATURA