E’ DURATA POCO LA GALERA PER MONS. JOZEF WESOLOWSKI - L'EX NUNZIO, POSTO IL 23 SETTEMBRE SCORSO AGLI ARRESTI DOMICILIARI IN VATICANO PER ABUSI SESSUALI SUI MINORI, CIRCOLA NELLA CITTA’ LEONINA

Wesolowski, oltre che del secondo grado del processo canonico, è in attesa del processo penale in Vaticano nel quale è accusato di abusi sessuali su diversi minori a Santo Domingo e di detenzione di un ingente materiale pedopornografico…

Condividi questo articolo


(ANSA) –

 

Mons. Jozef Wesolowski, l'ex nunzio nella Repubblica Dominicana posto il 23 settembre scorso agli arresti domiciliari in Vaticano nell'ambito di un procedimento per abusi sessuali sui minori, da sabato è stato visto nuovamente circolare, in apparente libertà, nella Città Leonina.

Jozef Wesolowski Jozef Wesolowski

 

Più persone lo hanno incontrato con una certa sorpresa, non essendo stato comunicato alcun provvedimento sulla cessazione o la conversione della misura restrittiva a suo carico.

 

Interpellate sull'argomento, le fonti ufficiali vaticane non hanno voluto finora precisare se Wesolowski sia tornato in libertà, quanto meno vigilata, per la scadenza dei termini di custodia o per un nuovo provvedimento emesso dal magistrato.

 

MONSIGNOR JOZEF WESOLOWSKI MONSIGNOR JOZEF WESOLOWSKI

L'ex arcivescovo, ridotto allo stato laicale dall'ex Sant'Uffizio, continuerebbe comunque a risiedere nel Collegio dei Penitenzieri, la struttura all'ultimo piano del palazzo del Tribunale dove era stato messo agli arresti domiciliari.

 

Wesolowski, oltre che del secondo grado del processo canonico, è in attesa del processo penale in Vaticano nel quale è accusato di abusi sessuali su diversi minori a Santo Domingo e di detenzione di un ingente materiale pedopornografico.

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

“BISOGNA PRENDERSI CURA DEI POVERI, CHE OGGI SONO MILIONI” – L’AD DI BANCA INTESA, CARLO MESSINA: “HO SEMPRE SOSTENUTO IL REDDITO DI CITTADINANZA, PERCHÉ C'È UN TEMA DI EQUILIBRIO SOCIALE DA TUTELARE. DOBBIAMO PORRE ATTENZIONE ALLA DEFINIZIONE DI "OCCUPABILI": SE POI NON LO SONO DAVVERO E NON POSSONO AVERE ALTRE FONTI DI SOSTENTAMENTO SI RISCHIANO DAVVERO FORTI TENSIONI SOCIALI - LA MANOVRA? IL 60% DEL NOSTRO DEBITO PUBBLICO È IN MANO A INVESTITORI STRANIERI E BCE: NON C'È SPAZIO PER FARE ALTRO DEBITO - L'ENERGIA CONTINUERÀ AD ESSERE PIÙ CARA: NON SI TORNERÀ AI VALORI PRE-GUERRA. PRODURRE COSTERÀ DI PIÙ E BISOGNA PREPARARSI - IL FUTURO È IL DIGITALE, NON IL CONTANTE. BISOGNEREBBE RAGIONARE BENE SUI CAPITALI ALL'ESTERO…”

C’E’ POSTO PER TE (E SE NON C’E’ METTETECI UNA PANCA!) – QUEST’ANNO ALLA SCALA OCCHIO ALL’ASSEMBRAMENTO! CONTRAVVENENDO AL RITUALE, PER IL “BORIS GODUNOV” DEL PROSSIMO 7 DICEMBRE, CI SARANNO SUL PALCO REALE SIA SERGIO MATTARELLA, SIA GIORGIA MELONI. A LORO SI AGGIUNGERÀ ANCHE LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA, URSULA VON DER LEYEN. MA SI ACCOMODERANNO ANCHE ATTILIO FONTANA E IL MINISTRO DELLA CULTURA, GENNARO SANGIULIANO – GLI ALTRI MEMBRI DEL GOVERNO INVECE ANDRANNO IN PLATEA, DOVE, AI TEMPI DI NAPOLEONE, CI STAVA IL POPOLINO. E IL TANTO CARO AMBASCIATORE RUSSO IN ITALIA, SERGEY RAZOV?

“SPIATI A NOSTRA INSAPUTA DALLA PROCURA, CHE HA VIOLATO LA LEGGE” – SIGFRIDO RANUCCI A “DIMARTEDÌ” È TORNATO A PARLARE DELLA DECISIONE DELLA PROCURA DI ROMA DI ACQUISIRE I TABULATI SUOI E DEL COLLEGA DI “REPORT”, GIORGIO MOTTOLA (ALLA FACCIA DELLA SEGRETEZZA DELLE FONTI – E “IL GIORNALE” SVELENA: "NON CITA L'INDAGINE DELLA PROCURA DI RAVENNA PER DIFFAMAZIONE E RIVELAZIONE DI SEGRETO DI STATO, DOVE È STATO INTERROGATO ASSIEME A MOTTOLA E ALLA PAPESSA DI VATI LEAKS 2 FRANCESCA CHAOUQUI, NÉ IL CONDUTTORE GIOVANNI FLORIS GLIELO RICORDA. DOVERE D'OSPITALITÀ, FORSE..."