1. UN DURISSIMO ATTO D'ACCUSA "A CHI HA RESPONSABILITÀ DECISIONALI" PER LA SITUAZIONE DI GRAVISSIMA CRISI IN CUI VERSA IL NOSTRO PAESE. UNA INTERA REGIONE, LA SARDEGNA, HA DETTO, CONDANNATA SENZA SPERANZA. E TUTTI NOI ABBIAMO RICORDATO, MENTRE IL PRESIDENTE PARLAVA, IL MINISTRO PASSERA CHE SCAPPAVA IN ELICOTTERO - 2. MESSAGGIO AL "SENATORE MONTI”: “VIGILERÒ CHE NON VI SIANO SCONFINAMENTI O REGALIE” - 3. NAPOLITANO ASSEGNERA' L'INCARICO DI FORMARE IL NUOVO GOVERNO A CHI AVRÀ LA MAGGIORANZA DEI VOTI. L'AVEVA GIA' DETTO E, A SCANSO DI EQUIVOCI, L'HA RIPETUTO - 4. IL PRESIDENTE HA ELIMINATO I RIFERIMENTI AI POTERI FORTI NAZIONALI E INTERNAZIONALI CONTENUTI NELLA BOZZA DA NOI ANTICIPATA, MA HA SCOLPITO QUESTA FRASE, SILLABA PER SILLABA: "L'ITALIA NON PUÒ STARE IN EUROPA DA PASSIVO ESECUTORE". NEMMENO QUI IL PRESIDENTE HA CITATO MONTI, MA IL RIFERIMENTO E' APPARSO CHIARISSIMO -

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

Il testo definitivo dell'ultimo intervento di fine anno del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano si e' discostato nella scaletta della bozza da noi anticipata ma non nella sostanza. Ecco i passaggi principali:

MONTI NAPOLITANOMONTI NAPOLITANO

1. Un durissimo atto d'accusa "a chi ha responsabilità decisionali" per la situazione di gravissima crisi in cui versa il nostro Paese. Povertà, impossibilita' di vivere con le pensioni minime, vana ricerca del lavoro, non più disagio sociale ma vera e propria "questione sociale". Una intera regione, la Sardegna, ha detto, condannata senza speranza. E tutti noi abbiamo ricordato, mentre il presidente parlava, il ministro Passera che scappava in elicottero davanti alla situazione disperata degli operai dell'Alcoa. Il Sud dimenticato.

Napolitano e Mario Monti fba e cb ac d bfaNapolitano e Mario Monti fba e cb ac d bfa

Certo, ha concesso il Presidente, come da noi anticipato, le scelte di governo nell'ultimo anno sono state dettate dalla necessita' di contenere il debito pubblico perché abbiamo 85 miliardi di euro di interessi da pagare all'anno e questo ha aggravato la recessione. Non c'era alternativa, ci sarebbe voluta una rinnovata visione di sviluppo economico che, evidentemente (il Presidente non l'ha detto ma fortissimamente si intuiva) e' mancata. Ora bisogna pensare allo sviluppo con grande attenzione alle diseguaglianze sociali perché crescita, ripresa, rilancio economico e avanzamento civile del Paese vanno di pari passo.

NAPOLITANO PRESTIGIATORE MONTI CONIGLIO DAL CILINDRONAPOLITANO PRESTIGIATORE MONTI CONIGLIO DAL CILINDRO

2. Il Presidente ha eliminato i riferimenti ai poteri forti nazionali e internazionali contenuti nella bozza da noi anticipata, ma ha scolpito questa frase, sillaba per sillaba: "L'Italia non può stare in Europa da passivo esecutore". Nemmeno qui, come sul più lungo capitolo sulla gravita' della crisi italiana, il Presidente ha citato Monti, ma il riferimento e' apparso chiarissimo.

3. Al "senatore" Monti, Re Giorgio ha dedicato poche sentite parole: "ha compiuto una libera scelta, poteva patrocinare una nuova entita' e l'ha fatto. Ma e' tenuto ad assicurare entro limiti ben definiti la gestione degli affari correnti, nel solco delle linee gia' definite dal Parlamento". come dire: vigilerò che non vi siano sconfinamenti o regalie.

4. Giorgio Napolitano assegnera' l'incarico di formare il nuovo governo a chi avrà la maggioranza dei voti in una elezione importantissima per il futuro del Paese. L'aveva gia' detto e, a scanso di equivoci, l'ha ripetuto.

NAPOLITANO-MONTI - BY VINCINONAPOLITANO-MONTI - BY VINCINO

5. La risorsa cultura, di cui il nostro Paese e' singolarmente dotato, non e' stata sfruttata dal governo Monti: "apprezzo i buoni propositi, ma non dimentico le sordita' che ho riscontrate".

club bilderberg con monti draghi napolitanoclub bilderberg con monti draghi napolitano

Ovviamente, ci sono anche la fiducia nella riscossa del paese, il forte rammarico per la mancata approvazione della legge elettorale, il richiamo a Benedetto Croce sulla missione della politica, che deve trovare nel bene dell'Italia il limite oltre il quale non si può spingere la discordia, la condanna della corruzione e dell'evasione fiscale, il fortissimo richiamo a considerare italiani i 420 mila figli di immigrati nati nel nostro Paese e invece considerati stranieri.

GIORGIO NAPOLITANO E MARIO MONTIGIORGIO NAPOLITANO E MARIO MONTI

Ma del Presidente all'ultimo discorso di fine anno del suo settennato ci piace ricordare il piglio da antico combattente politico nella denuncia della povertà italiana e nella mancata azione del governo tecnico, che si e' limitato a gestire la spesa per interessi, e il fortissimo richiamo ad una Italia fondatrice dell'Europa che oggi non puo' essere un passivo esecutore dell'Europa stessa. Altri metteranno in luce le parole più obbligate che il Presidente doveva comunque pronunciare.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...