1. UN DURISSIMO ATTO D'ACCUSA "A CHI HA RESPONSABILITÀ DECISIONALI" PER LA SITUAZIONE DI GRAVISSIMA CRISI IN CUI VERSA IL NOSTRO PAESE. UNA INTERA REGIONE, LA SARDEGNA, HA DETTO, CONDANNATA SENZA SPERANZA. E TUTTI NOI ABBIAMO RICORDATO, MENTRE IL PRESIDENTE PARLAVA, IL MINISTRO PASSERA CHE SCAPPAVA IN ELICOTTERO - 2. MESSAGGIO AL "SENATORE MONTI”: “VIGILERÒ CHE NON VI SIANO SCONFINAMENTI O REGALIE” - 3. NAPOLITANO ASSEGNERA' L'INCARICO DI FORMARE IL NUOVO GOVERNO A CHI AVRÀ LA MAGGIORANZA DEI VOTI. L'AVEVA GIA' DETTO E, A SCANSO DI EQUIVOCI, L'HA RIPETUTO - 4. IL PRESIDENTE HA ELIMINATO I RIFERIMENTI AI POTERI FORTI NAZIONALI E INTERNAZIONALI CONTENUTI NELLA BOZZA DA NOI ANTICIPATA, MA HA SCOLPITO QUESTA FRASE, SILLABA PER SILLABA: "L'ITALIA NON PUÒ STARE IN EUROPA DA PASSIVO ESECUTORE". NEMMENO QUI IL PRESIDENTE HA CITATO MONTI, MA IL RIFERIMENTO E' APPARSO CHIARISSIMO -

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

Il testo definitivo dell'ultimo intervento di fine anno del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano si e' discostato nella scaletta della bozza da noi anticipata ma non nella sostanza. Ecco i passaggi principali:

MONTI NAPOLITANOMONTI NAPOLITANO

1. Un durissimo atto d'accusa "a chi ha responsabilità decisionali" per la situazione di gravissima crisi in cui versa il nostro Paese. Povertà, impossibilita' di vivere con le pensioni minime, vana ricerca del lavoro, non più disagio sociale ma vera e propria "questione sociale". Una intera regione, la Sardegna, ha detto, condannata senza speranza. E tutti noi abbiamo ricordato, mentre il presidente parlava, il ministro Passera che scappava in elicottero davanti alla situazione disperata degli operai dell'Alcoa. Il Sud dimenticato.

Napolitano e Mario Monti fba e cb ac d bfaNapolitano e Mario Monti fba e cb ac d bfa

Certo, ha concesso il Presidente, come da noi anticipato, le scelte di governo nell'ultimo anno sono state dettate dalla necessita' di contenere il debito pubblico perché abbiamo 85 miliardi di euro di interessi da pagare all'anno e questo ha aggravato la recessione. Non c'era alternativa, ci sarebbe voluta una rinnovata visione di sviluppo economico che, evidentemente (il Presidente non l'ha detto ma fortissimamente si intuiva) e' mancata. Ora bisogna pensare allo sviluppo con grande attenzione alle diseguaglianze sociali perché crescita, ripresa, rilancio economico e avanzamento civile del Paese vanno di pari passo.

NAPOLITANO PRESTIGIATORE MONTI CONIGLIO DAL CILINDRONAPOLITANO PRESTIGIATORE MONTI CONIGLIO DAL CILINDRO

2. Il Presidente ha eliminato i riferimenti ai poteri forti nazionali e internazionali contenuti nella bozza da noi anticipata, ma ha scolpito questa frase, sillaba per sillaba: "L'Italia non può stare in Europa da passivo esecutore". Nemmeno qui, come sul più lungo capitolo sulla gravita' della crisi italiana, il Presidente ha citato Monti, ma il riferimento e' apparso chiarissimo.

3. Al "senatore" Monti, Re Giorgio ha dedicato poche sentite parole: "ha compiuto una libera scelta, poteva patrocinare una nuova entita' e l'ha fatto. Ma e' tenuto ad assicurare entro limiti ben definiti la gestione degli affari correnti, nel solco delle linee gia' definite dal Parlamento". come dire: vigilerò che non vi siano sconfinamenti o regalie.

4. Giorgio Napolitano assegnera' l'incarico di formare il nuovo governo a chi avrà la maggioranza dei voti in una elezione importantissima per il futuro del Paese. L'aveva gia' detto e, a scanso di equivoci, l'ha ripetuto.

NAPOLITANO-MONTI - BY VINCINONAPOLITANO-MONTI - BY VINCINO

5. La risorsa cultura, di cui il nostro Paese e' singolarmente dotato, non e' stata sfruttata dal governo Monti: "apprezzo i buoni propositi, ma non dimentico le sordita' che ho riscontrate".

club bilderberg con monti draghi napolitanoclub bilderberg con monti draghi napolitano

Ovviamente, ci sono anche la fiducia nella riscossa del paese, il forte rammarico per la mancata approvazione della legge elettorale, il richiamo a Benedetto Croce sulla missione della politica, che deve trovare nel bene dell'Italia il limite oltre il quale non si può spingere la discordia, la condanna della corruzione e dell'evasione fiscale, il fortissimo richiamo a considerare italiani i 420 mila figli di immigrati nati nel nostro Paese e invece considerati stranieri.

GIORGIO NAPOLITANO E MARIO MONTIGIORGIO NAPOLITANO E MARIO MONTI

Ma del Presidente all'ultimo discorso di fine anno del suo settennato ci piace ricordare il piglio da antico combattente politico nella denuncia della povertà italiana e nella mancata azione del governo tecnico, che si e' limitato a gestire la spesa per interessi, e il fortissimo richiamo ad una Italia fondatrice dell'Europa che oggi non puo' essere un passivo esecutore dell'Europa stessa. Altri metteranno in luce le parole più obbligate che il Presidente doveva comunque pronunciare.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA