ECCO COSA DICEVA IL DEPUTATO DI FRATELLI D'ITALIA DAL GRILLETTO FACILE, EMANUELE POZZOLO, NEL 2009: “IL POLITICAMENTE CORRETTO È IL CANCRO CHE STA DISTRUGGENDO LA SOCIETÀ, BISOGNA DIRE CHE UNA PERSONA NEGRA È DI COLORE, CHE UN DISABILE È UN DIVERSAMENTE ABILE" - NEL 2019 DEFINÌ “PARASSITA” UN DISABILE CHE OCCUPAVA ABUSIVAMENTE UNA CASA – QUANDO MORÌ CAMILLERI LO DEFINÌ: "FASCISTA FINO AL 25 APRILE, COMUNISTA DOPO. UN VERO E PROPRIO ARCI-ITALIANO" - NEL 2022 DISSE: "HO FORSE CAMBIATO I TONI MA NON LE IDEE" - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

EMANUELE POZZOLO NEL 2009

 

Marco Zonetti per Dagospia

 

emanuele pozzolo emanuele pozzolo

È ormai appurata l'idiosincrasia verso il politically correct da parte del deputato vercellese di Fratelli d'Italia Emanuele Pozzolo detto "Manny", proprietario della pistola dal quale è partito un colpo che ha ferito il genero di un agente di scorta del sottosegretario meloniano Andrea Delmastro a Capodanno.

 

Dagospia ha già pubblicato un florilegio di sue esternazioni sui social, nelle quali - oltre a citare più volte Benito Mussolini - egli asseriva "io me ne frego" se definito intollerante, reazionario e fascista.

 

E in questo senso la sua coerenza è esemplare, visto che già nel 2009 egli aveva pubblicato un libricino dal titolo "Il reazionario - Un anno di politica su Facebook" nel quale raccoglieva i propri pensieri politici politicamente scorretti affidati al social di Mark Zuckerberg.

 

il reazionario emanuele pozzolo il reazionario emanuele pozzolo

Lo abbiamo appreso riesumando un video del 2009, nel quale un appena 24enne e sbarbato "Manny" Pozzolo presentava per l'appunto la sua opera letteraria nel paese di Alice Castello (Vc) al cospetto di una non certo oceanica platea, ma tant'è.

 

Nel video, Il buon Pozzolo ripeteva quanto scritto su facebook riguardo a uno degli argomenti che gli stanno più a cuore: l'immigrazione. Il futuro deputato scelto da Giorgia Meloni sottolineava la sua critica al clero cattolico per le posizioni che spesso assume "dai pulpiti delle chiese nei confronti del fenomeno dell'immigrazione". Pozzolo ribadiva quanto scritto sui social "nei contenuti, nel senso che assistiamo ad un momento storico in cui c'è bisogno di tutto fuorché di toni concilianti, tranquilli, falsi".

 

Quindi si lanciava in una crociata contro il politically correct, per l'appunto. Da lui definito "quell'atteggiamento per il quale bisogna sempre dire che un colore, il nero, è grigio scuro invece che nero. Che una persona negra è di colore, che un disabile è un diversamente abile". Quindi concludeva la riflessione sottolineando che per lui il politically correct "è il cancro che sta uccidendo e che ucciderà la società".

 

emanuele pozzolo chiama parassita un disabile emanuele pozzolo chiama parassita un disabile

Le sue esternazioni a ruota libera sui social, dalle quali nasceva di fatto il libricino, hanno innescato nel corso degli anni diversi putiferi. Uno in particolare, relativo proprio a un disabile, quando nel luglio 2019 su Facebook - da assessore alle Politiche Giovanili, Decoro Urbano e Cimiteri qual era all'epoca - Pozzolo definì "parassita" un occupante abusivo di casa, che poi si scoprì essere invalido civile al 100%.

 

Con conseguente vespaio istituzionale che dilagò da Vercelli a Roma quando Pierpaolo Sileri, allora senatore del M5s e presidente della Commissione Igiene Sanità, rispose duramente via Facebook a Pozzolo.

 

Polemica immediatamente successiva a un'altra scatenata pochi giorni prima sempre da un post pubblicato su Facebook, quando - alla morte dello scrittore Andrea Camilleri - Emanuele Pozzolo aveva commentato: "Se non l’avete capito è morto Camilleri. Fascista fino al 25 aprile, comunista dopo. In una parola, un vero e proprio arci-italiano".

EMANUELE POZZOLO PISTOLERO MEME EMANUELE POZZOLO PISTOLERO MEME

 

Le convinzioni del deputato di Fratelli d'Italia vengono in ogni modo da lontano, come gli ricordava Il giornalista Remo Bassini intervistandolo per il blog Vercelli24 prima delle elezioni del 25 settembre 2022 che lo hanno portato alla Camera dei Deputati: "Anni e anni fa, lei, Emanuele Pozzolo, mi impressionò. Le spiego. Scriveva delle lettere (a mio avviso farneticanti: o contro i migranti e una certa chiesa progressista, o contro il 25 aprile) che io pubblicavo sul giornale che allora dirigevo".

 

pierpaolo sileri contro emanuele pozzolo pierpaolo sileri contro emanuele pozzolo

Al che "Manny" rispondeva: "Guardi, negli anni, ho forse cambiato i toni ma non le idee: la cappa del politically correct che ci vorrebbe tutti sottomessi allo stesso pensiero unico globale la trovo soffocante, ora come allora [...] Sull’analisi del fenomeno migratorio incontrollato, sulle derive di certo cattolicesimo iper-progressista e sul monopolio della memoria storica rivendico le stesse posizioni che ho sempre espresso: ma ho compreso con il passare degli anni che la fermezza sulle idee può essere coniugata con più una serena modalità comunicativa..."

 

Proposito encomiabile. Ma è sicuro che sia in linea con la pistola che si portava dietro a Capodanno?

pistoleri d italia - vignetta di vukic sul caso di emanuele pozzolo pistoleri d italia - vignetta di vukic sul caso di emanuele pozzolo MEME SU EMANUELE POZZOLO BY OSHO MEME SU EMANUELE POZZOLO BY OSHO LE PISTOLE DI FRATELLI DITALIA - VIGNETTA BY ELLEKAPPA LE PISTOLE DI FRATELLI DITALIA - VIGNETTA BY ELLEKAPPA mini revolver north american arms 4 mini revolver north american arms 4 emanuele pozzolo emanuele pozzolo emanuele pozzolo post con citazioni di mussolini emanuele pozzolo post con citazioni di mussolini emanuele pozzolo sulla morte di camilleri emanuele pozzolo sulla morte di camilleri parente del disabile chiamato parassita da emanuele pozzolo risponde su facebook parente del disabile chiamato parassita da emanuele pozzolo risponde su facebook

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…