FLASH! – SI VOCIFERA CHE ZINGARETTI ABBIA CHIESTO A ENRICO LETTA DI CANDIDARE ALLE PROSSIME ELEZIONI GOFFREDO BETTINI. RISULTATO? DAL NAZARENO È CALATO UN SIPARIO DI GELO… - LA SMENTITA DI BETTINI: "NON HO ALCUNA INTENZIONE DI TORNARE NELLE ISTITUZIONI. ANZI, A ONOR DEL VERO, DUE O TRE MESI FA È STATO IL SEGRETARIO LETTA A CHIEDERMI UNA DISPONIBILITÀ A RIENTRARE IN PARLAMENTO. L'HO RINGRAZIATO MA CON NETTEZZA HO DECLINATO L'INVITO"

-

Condividi questo articolo


DAGO-FLASH!

Si vocifera che Zingaretti abbia chiesto a Enrico Letta di candidare alle prossime elezioni Goffredo Bettini. Risultato? Dal Nazareno è calato un sipario di gelo...

 

LA SMENTITA DI BETTINI

Riceviamo e pubblichiamo: 

 

Zingaretti Bettini Zingaretti Bettini

"La notizia diffusa da Dagospia secondo la quale Zingaretti avrebbe chiesto a Letta di candidarmi in Parlamento è del tutto priva di fondamento. Non ho alcuna intenzione di tornare nelle istituzioni, che ho lasciato volontariamente non ricandidandomi al Parlamento Europeo dopo una sola legislatura. Le ragioni le ho spiegate in tante occasioni anche pubbliche.

 

ENRICO LETTA ENRICO LETTA

Anzi, ad onor del vero, due o tre mesi fa è statoil segretario Letta a chiedermi una disponibilità a rientrare in Parlamento. L'ho ringraziato della fiducia e dell'apprezzamento, ma con nettezza ho declinato l'invito".

 

Così in una nota Goffredo Bettini, dirigente nazionale del Pd, smentisce un retroscena secondo il quale Nicola Zingaretti avrebbe chiesto al segretario nazionale del Pd Enrico Letta di candidare l'ex parlamentare europeo alle prossime elezioni politiche

goffredo bettini nicola zingaretti piero fassino goffredo bettini nicola zingaretti piero fassino Bettini e Zingaretti Bettini e Zingaretti ENRICO LETTA BEPPE SALA ENRICO LETTA BEPPE SALA

 

 

Condividi questo articolo

politica

BROTHERS OF ITALY – LA STAMPA AMERICANA SPACCA LA MELONI D’ITALIA. ASSOCIATED PRESS: ‘’UN SECOLO DOPO LA MARCIA SU ROMA DI BENITO MUSSOLINI DEL 1922, CHE PORTÒ AL POTERE IL DITTATORE FASCISTA, MELONI È PRONTA A GUIDARE IL PRIMO GOVERNO ITALIANO DI ESTREMA DESTRA DALLA SECONDA GUERRA MONDIALE E LA PRIMA DONNA DI RADICI NEOFASCISTE PREMIER ITALIANA - LA COSTITUZIONE ITALIANA VIETA LA RICOSTITUZIONE DEL PARTITO FASCISTA, MA I GRUPPI DI ESTREMA DESTRA MOSTRANO ANCORA IL SALUTO FASCISTA E CONTINUA AD ESSERCI UN'ACCETTAZIONE DEI SIMBOLI FASCISTI. UN QUARTO DI TUTTI I TOMBINI DI ROMA HA ANCORA IL FASCIO LITTORIO"