FRANCESCHINI, POCHI SOLDINI – ART BONUS, IL DECRETO DEI BENI CULTURALI CHE DOVEVA RACCOGLIERE FONDI DAI PRIVATI, HA RAGGRANELLATO LA MISERIA DI DUE OFFERTE – SOLO LA BREMBO DI BOMBASSEI E LA BANCA PASSADORE HANNO RISPOSTO “PRESENTE”

Il ministro Dario Franceschini sperava di raccogliere qualche milione di euro per finanziare il restauro della Domus Aurea di Nerone, che necessita di lavori per almeno 30 milioni di euro. Ma con i 200mila euro raccolti si mette a posto a stento una stanza…

Condividi questo articolo


Salvo Mistakes per Dagospia

 

dario franceschini dario franceschini

Doveva finanziare monumenti in rovina e centri storici abbandonati. Il Ministro Franceschini aveva promesso di chiamare una per una le grandi aziende italiane. Sono trascorsi 15 mesi e il decreto Art Bonus, rende noto il sito del governo ArtBonus.gov.it, ha già creato dal niente ben 2 offerte liberali, denaro fresco e sonante per i beni culturali italiani.

 

La nutrita lista dei 2 mecenati si stringe intorno al ministro per un ragguardevole risultato che premia i ripetuti appelli di Franceschini alle aziende. 

brembo brembo

 

La lista dei mecenati - in continuo aggiornamento, assicura il sito del governo - non corre il rischio di annoiare: si apre con la Brembo, per una somma superiore ai 100mila euro, e si chiude con la genovese banca Passadore, che ben rappresenta l'italico settore finanziario con un generoso assegno tra i 10 e i 100 mila euro.

 

Il miracoloso Art Bonus potrà così salvare una parte della Domus Aurea, circa 2,5 mq su 150 stanze in attesa di urgenti lavori. Lo ha promesso lo stesso Ministro per divincolarsi di fronte al conto di 30 milioni per i restauri improcrastinabili. Non che Franceschini non avesse fondi per la casa di Nerone, ma si è intestardito a spendere ben 20 milioni di euro per deturpare il Colosseo con un'arena posticcia. Toccherà al prossimo ministro farla calcare da cuochi catodici, auto in corsa e gladiatori da telethon, mentre Franceschini piagnucolerà 'ma io avevo detto che bisognava farci balletti e drammi teatrali per venderne i diritti alle tv' (i cui palinsesti sono notoriamenti zeppi di danza e teatro).

domus aurea domus aurea

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO