GAD, CI FAI O CI SEI? - ORA CHE SCRIVE PER “IL FATTO”, LERNER DENUNCIA “L'OMERTÀ” DELLA SINISTRA E DEI GIORNALI DOPO IL CROLLO DEL PONTE MORANDI. MA PERCHÉ NON SE N’E’ ACCORTO QUANDO ERA ANCORA A “REPUBBLICA”, CHE IMPIEGO’ CINQUE GIORNI, COME DEL RESTO IL "CORRIERE", PER SCRIVERE BENETTON ANZICHE' ATLANTIA? - LA SPIEGAZIONE DELL'ANIMA BELLA: “PESAVA IL FATTO CHE I BENETTON ERANO PARTE DEL CAPITALISMO DI RELAZIONE INSEDIATO NELLE PROPRIETÀ DEI GIORNALI”. AH, ECCO. QUANDO IL BORDELLO CHIUDE, BISOGNA FARE LE VERGINELLE....

-

Condividi questo articolo

Gustavo Bialetti per “la Verità”

 

lerner de benedetti lerner de benedetti

Ma perché agitarsi così tanto per rifarsi una verginità a 60 anni suonati, quando si potrebbe tranquillamente cambiare idea (spiegandolo, ovvio) senza rinfacciarsi l'un l'altro decenni di allegro (e ben pagato) libertinaggio?

 

Negli ultimi giorni abbiamo dovuto leggere l'eminenza bigia della sinistra roma, Goffredo Bettini, ammettere che la sinistra è prona ai poteri forti.

 

Poi ecco Ezio Mauro, dimentico di aver diretto per anni Repubblica, spiegare al popolo che il politicamente corretto nuoce al dibattito e alla democrazia.

 

E ieri ecco Gad Lerner che prende spunto dal (tardivo) pugno di ferro del governo con Atlantia per denunciare «l'omertà» della sinistra e dei giornali dopo il crollo del Morandi. Lerner, vicino di casa a Dogliani del suo storico padrone e amico Carlo De Benedetti (con il quale è stato ritratto in un tête-à-tête nella villa in Sardegna dell'industriale) ha ricordato sul Fatto «l'atteggiamento dei grandi giornali dell'establishment nei giorni successivi alla tragedia.

 

luciano benetton luciano benetton

Invano, nei loro titoli, si sarebbe potuto rintracciare anche solo il nome degli azionisti di Autostrade». «Pesava, certo, il fatto», rivela Lerner, «che i Benetton erano parte del capitalismo di relazione insediato nelle proprietà dei giornali, che l'ad dell'editoriale Gedi sedeva anche nel cda di Atlantia, e che questi ultimi erano ottimi inserzionisti pubblicitari.

 

Ma quell'istinto di subalternità è stato alla base di un'informazione distorta che solo oggi trova parziale e tardiva riparazione». I nostri lettori, queste le cose le sanno bene, ma quando le scrivevamo noi erano «fango» e «illazioni».

 

Vi risparmiamo poi la lezioncina del compagno Gad sul «voto operaio finito alla Lega» (ma dai?) e torniamo al dilemma iniziale. Ma quando la casa d'appuntamenti chiude, bisogna per forza fare le catechiste?

 

Condividi questo articolo

politica

UN PAESE DA LICENZIARE - I SINDACATI MINACCIANO LO SCIOPERO GENERALE SE IL BLOCCO DEI LICENZIAMENTI NON SARÀ ESTESO PER TUTTO IL 2020 - L'ALLUNGAMENTO POTREBBE ARRIVARE SOLO PER LE AZIENDE CHE UTILIZZERANNO LA CASSA INTEGRAZIONE. PER TUTTE LE ALTRE IL PROVVEDIMENTO, FINORA PREVISTO FINO AL 17 AGOSTO, POVREBBE SCADERE INVECE A METÀ OTTOBRE - NANNICINI: C'È UNA PENTOLA A PRESSIONE CHE POI SCOPPIERÀ. RISCHIAMO DI CREARE UNA BOMBA SOCIALE NEL 2021, QUANDO NON CI SARANNO PIÙ SOLDI DA SPENDERE…”