LA GERMANIA SBERTUCCIA RENZI (E LA STAMPA TROMBETTIERA ITALIANA) - IL MINISTRO DELLE FINANZE TEDESCO SCHAUBLE: "IN EUROPA NON SONO ARRIVATE RICHIESTE DI FLESSIBILITA' SUI CONTI, NE' DAL PRIMO MINISTRO ITALIANO, NE' DA CHIUNQUE ALTRO"

A detta di Ecco Schäuble, «il problema dell’Europa non sono le regole ma il loro adempimento». E così salta anche il secondo wishful thinking delle ultime settimane: quello secondo cui la vittoria di Renzi avrebbe scardinato l’equilibrio politico europeo a favore dei Paesi debitori. Schäuble non molla un centimetro...

Condividi questo articolo


Martino Cervo per ‘Libero Quotidiano

 

matteo renzi e angela merkel matteo renzi e angela merkel

«In Europa non ho sentito richieste di flessibilità, né dal primo ministro italiano né da chiunque altro». L’intervista rilasciata dal ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schäuble al Financial Times (disponibile con registrazione gratuita all’indirizzo http:// goo.gl/awOmm0) ha una solidità definitiva.

 

Sarà significativo vedere l’eco del lungo colloquio con la testata economica sui nostri giornali oggi,e paragonarla alla risonanza avuta dalla frase del portavoce di Angela Merkel del 23 giugno scorso: «Il patto di stabilità e crescita», disse Steffen Seibert, «fornisce opzioni per l’applicazione flessibile, valutando i singoli casi».

 

renzi con merkel cameron van rompuy harper renzi con merkel cameron van rompuy harper

Tanto bastò a scatenare un tripudio con i senatori Pd pronti a festeggiare un’Europa che cambiava verso: «La flessibilità non è più un tabù: il documento che il governo italiano ha presentato a Van Rompuy ha fatto breccia. L’Italia, grazie a una rigorosa politica di rilancio, è finalmente tornata protagonista in Europa ». Una settimana (e un vertice europeo) dopo,il71ennecustode della politica economica di Berlino ribalta radicalmente la prospettiva e fornisce una versione molto più vicina a quella che Libero ha raccontato ai suoi lettori, e quantomeno distante dall’ottimismo verbale sfoggiato dal presidente del consiglio italiano a margine del raduno di Bruxelles.

 

MATTEO RENZI AL TAVOLO CON BARROSO VAN ROMPUY HARPER HOLLANDE CAMERON OBAMA MERKEL E SHINZO ABE MATTEO RENZI AL TAVOLO CON BARROSO VAN ROMPUY HARPER HOLLANDE CAMERON OBAMA MERKEL E SHINZO ABE

Il colloquio, che vede protagonisti Schäuble (il cui cognome è curiosamente scritto male: Schaüble anziché Schäuble) e i giornalisti Stefan Wagstyl e Jeevan Vasagar, parte dalle prospettive nell’ambito del G7. Ma la seconda domanda è immediatamente riferita all’Italia. Il Ft chiede: «Le leadership dei Paesi sudeuropei, tra cui il premier italiano Matteo Renzi, vorrebbero più flessibilità nel patto di stabilità dell’eurozona per accelerare il cammino della crescita. Come sostenitore di una stringente disciplina fiscale, non sta perdendo su questo fronte?».

ANGELA MERKEL MANGIA IL FORMAGGIO ANGELA MERKEL MANGIA IL FORMAGGIO

 

La risposta non si può definire barocca: «In Europa non ho sentito questa richiesta, né dal primo ministro italiano né da chiunque altro». Quel che segue è una perfetta esposizione della Weltanschauung tedesca: contro la crisi servono le riforme per ridurre il debito, la Germania è la prova che il rigore non impedisce la crescita, eccetera eccetera.La realtà di questi anni, con Paesi inchiodati all’impossibile equazione tra contenimento fiscale e ripresa,non entra in gioco.

 

renzi bicicletta renzi bicicletta

Cadono, paragrafo dopo paragrafo, le ricostruzioni ipotetiche dell’opinione pubblica italiana. Primo: quella secondo cui dopo le elezioni politiche tedesche sarebbe cambiato tutto, sotto la spinta socialista dell’Spd. Ecco Schäuble: «Abbiamo degli accordi nella coalizione. E comunque il ministro delle Finanze lo faccio io, sulla base di questi accordi. Siegmar Gabriel (leader Spd, ndr) ha esplicitamente detto che non chiede alcun aggiustamento alla procedura europea sul deficit: anzi, la sua posizione è all’opposto. Come ripeto sempre, non dobbiamo parlare degli aggiustamenti da fare rispetto alle regole, dobbiamo fare quel che c’è scritto.

 

Il problema dell’Europa non sono le regole ma il loro adempimento».E così salta anche il secondo wishful thinking delle ultime settimane: quello secondo cui la vittoria di Renzi avrebbe scardinato l’equilibrio politico europeo a favore dei Paesi debitori. Schäuble non molla un centimetro.

 

PIER CARLO PADOAN PIER CARLO PADOAN

Il coriaceo ministro,costretto su una sedia a rotelle da quando, il 12 ottobre 1990, subì l’agguato di un pazzo che gli sparò in faccia e alle gambe, dà la ricetta tedesca: «Come generiamo crescita? Attraverso la fiducia di consumatori e investitori. In Germania abbiamo un alto livello di domanda. La nostra crescita è essenzialmente guidata dalla domanda interna».

 

Esattamente quella colpita dall’austerity in molti dei partner europei. Rivelatore anche il cinico realismo su Putin: «Mai usato l’espressione “minaccia” riferita a lui. Vogliamo una partnership più stretta. Non vogliamo sanzioni». E tanti saluti alla voce grossa esibita dal governo tedesco. Almeno su questo punto, tuttavia, gli interessi di Berlinocoincidono con i nostri.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - E DIVORZIO FU! CON UN ACCORDO SULLA PROPRIETÀ DI UNA VILLA A FIESOLE, OMOLOGATO DALLA PROCURA DI FIRENZE QUESTA MATTINA, È SCESO DEFINITIVAMENTE IL SIPARIO: FRANCESCA PASCALE E PAOLA TURCI HANNO SCIOLTO LA LORO UNIONE CIVILE - ORA GLI ATTI DEL DIVORZIO VERRANNO TRASFERITI AL COMUNE DI MONTALCINO, DOVE, APPENA DUE ANNI FA. FU CELEBRATO IL “MATRIMONIO” DELL'EX FIRST LADY DEL BERLUSCONISMO CON LA CANTAUTRICE - PURTROPPO, ANCHE I MIRACOLI LESBO SONO COME QUELLI ETERO: NON DURANO. FINITA L’INIZIALE PASSIONE, DA ALMENO UN ANNO L’ALCHIMIA EROTICA TRA PAOLA E FRANCESCA ERA ALLA DERIVA CON L’ENTOURAGE DELLA COPPIA CHE SUSSURRAVA DI “CADUTA DEL DESIDERIO”, “CRISI”, “SCAZZI”, “ALLONTANAMENTI”, LITIGI E RIPICCHE. QUESTA MATTINA, L’ULTIMO ATTO…

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE APERTAMENTE URSULA VON DER LEYEN – LA DUCETTA È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DI PERDERE ECR, DALLA REAZIONE DI SALVINI PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI E DALLO ZOCCOLO POST-FASCIO DEL SUO ELETTORATO, DA SEMPRE EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA MILITARE PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…