1. NEL GIORNO DEI QUATTRO PAPI, AL QUINTO, EUGENIO SCALFARI, NON RIESCE IL MIRACOLO 2. L’ALTRO GIORNO ERA RIUSCITO A FARSI RICEVERE PER LA SECONDA VOLTA DAL GRANDE BERGOGLIO: COSPICUE CHIACCHIERE SUI MASSIMI SISTEMI, IO, TU, L’ETERNITÀ, L’AMORE, ANZI L’AMORE DOPPIO DELLA BIGAMIA CHE POI SAREBBE IL DOPPIO SPECCHIO DI SÉ, ETC. 3. CONTENTO ALLA FINE DEL COLLOQUIO DI REPLICARE LO SCOOP PLANETARIO DELL’ALTRA VOLTA. PURTROPPO QUANDO EU-GENIO GIÀ ASSAPORAVA LA NUOVA INFORNATA DI GLORIA CARTACEA, GLI È SQUILLATO IL TELEFONO. CHI È? E’ IL GENTILISSIMO SEGRETARIO DEL PAPA CHE LO PREGA, MI RACCOMANDO, DI NON SCRIVERE NULLA DI QUESTO SECONDO INCONTRO 5. ADDIO SCOOP, ALLA PROSSIMA VOLTA. PER QUESTA DOMENICA DUE SANTI BASTANO E AVANZANO. E L’ASPIRANTE PONTEFICE SCALFARI, OFFESISSIMO, SE N’È TORNATO A CASA

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

piroso semi selfie con scalfaripiroso semi selfie con scalfari Putin e il Papa lo scorso novembrePutin e il Papa lo scorso novembre

Nel giorno dei quattro papi, al quinto, Eugenio Scalfari, non riesce il miracolo. L'altro giorno era riuscito a farsi ricevere per la seconda volta dal grande Bergoglio: cospicue chiacchiere sui massimi sistemi, io, tu, l'eternità, l'amore, anzi l'amore doppio della bigamia che poi sarebbe il doppio specchio di sé, c'è vita oltre la vita, eccetera.

Contento alla fine del colloquio di correre in redazione, infilare i fogli in macchina e replicare lo scoop planetario dell'altra volta, magari ci scappava anche una nuova festicciola dei novant'anni a teatro con tanti altri applausi e le poesie finali e il baciamano.
Purtroppo quando Eugenio già assaporava la nuova infornata di gloria, gli è squillato il telefono.

Scalfari e De BenedettiScalfari e De Benedetti INCONTRO FRA OBAMA E PAPA FRANCESCOINCONTRO FRA OBAMA E PAPA FRANCESCO

Chi è? E' il gentilissimo segretario del Papa che lo prega, mi raccomando, di non scrivere nulla di questo secondo incontro, magari ce ne sarà un terzo, ma proprio non è il caso di rendicontare il mondo ogni volta che si fanno due chiacchiere tra amici, che poi magari saltano fuori scempiaggini teologiche e chi lo sente poi il titolare della Ditta, l'Altissimo?

SCALFARI SPEGNE LE CANDELINESCALFARI SPEGNE LE CANDELINE

Non è il caso? Ha chiesto sgomento il Fondatore.
No. Sua Santità si raccomanda.
Ah. E quindi?
E quindi alla prossima volta, buona giornata.
Addio scoop. Per questa domenica due santi bastano e avanzano. E Scalfari, offesissimo, se n'è tornato a casa.

 

SCALFARI th ab a e ad a bfc f d ccSCALFARI th ab a e ad a bfc f d cc

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”