LA GIUSTIZIA DI DIO E’ NO LIMITS - IL MAGGIORDOMO DEL PAPA DOVRÀ RESTARE ANCORA AL GABBIO ANCHE DOPO 50 GIORNI DI CUSTODIA CAUTELARE: IL TERMINE DELLE INDAGINI È STATO PROLUNGATO DI ALTRI 10 GIORNI MENTRE IL PROCESSO SARÀ CELEBRATO A OTTOBRE - IL PESCE PICCOLO PAOLO GABRIELE È L’UNICO “CORVO” RIMASTO UCCELLATO NELLA GUERRA DELLE PORPORE CONTRO BERTONE…

Condividi questo articolo


O.L.R. per "la Repubblica"

PAOLO GABRIELEPAOLO GABRIELE TARCISIO BERTONE PADRE GEORG PAPA BENEDETTO XVITARCISIO BERTONE PADRE GEORG PAPA BENEDETTO XVI

Sarà celebrato a ottobre il processo a Paolo Gabriele, il maggiordomo arrestato in Vaticano con l'accusa di aver trafugato dall'appartamento del Papa documenti riservati. Ieri scadevano i cinquanta giorni di custodia cautelare: custodia - ha annunciato il portavoce papale padre Federico Lombardi - «prorogata di una decina di giorni». Paolo Gabriele resta ancora agli arresti nella Gendarmeria vaticana, da dove quasi certamente andrà ai domiciliari, in Vaticano, in attesa del processo.

«Si stanno ancora raccogliendo testimonianze e gli interrogatori formali con Gabriele concluderanno questa fase» ha spiegato Lombardi. Secondo l'avvocato Carlo Fusco, ha aggiunto, il maggiordomo «è sereno e trova conforto nella preghiera. E non ci sono preoccupazioni per la sua salute fisica e psicologica».

padre georg bertone papapadre georg bertone papa

Il giudice istruttore Piero Bonnet, titolare delle indagini, «potrebbe prendersi qualche giorno in più per scrivere la sentenza e per un eventuale rinvio a giudizio si andrebbe all'inizio di agosto». Padre Lombardi ha confermato che «ci sono altre persone interrogate», smentito che sia stato ascoltato anche un giornalista e che il Vaticano abbia chiesto una rogatoria all'Italia. Tra le testimonianze raccolte, anche quelle delle Memores Domini, le suore laiche di Cl che accudiscono l'appartamento papale.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA IMBUFALITO NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"