LA GRETA FINTA È MEGLIO DI QUELLA VERA – I DUE COMICI RUSSI VOVAN E LEXUS HANNO CHIAMATO JUSTIN TRUDEAU FACENDOGLI CREDERE CHE STESSE PARLANDO CON L’ECO-PISCHELLA E LUI CI È CASCATO COME UN POLLO – LA FINTA GRETA GLI HA SUGGERITO DI FAR USCIRE IL CANADA DALLA NATO E L’HA TENUTO ALLA CORNETTA PER 10 MINUTI. IL BEL PREMIER HA CAPITO CHE ERA UNO SCHERZO QUANDO… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

Da “il Messaggero”

 

Lo scherzo telefonico di Vovan e Lexus a Justin Trudeau Lo scherzo telefonico di Vovan e Lexus a Justin Trudeau

I due comici russi Vovan e Lexus hanno colpito ancora. Stavolta, la loro vittima è stato il premier canadese Justin Trudeau al quale, durante una telefonata, hanno fatto credere che stesse parlando con l' attivista per il clima Greta Thunberg.

 

Vladimir Kuznetsov e Alexey Stolyarov, meglio noti come Vovan e Lexus, hanno diffuso una registrazione della telefonata, nella quale offrono a Trudeau consigli sulla politica internazionale, compreso il suggerimento di fare uscire il Canada dalla Nato.

greta thunberg justin trudeau greta thunberg justin trudeau

 

La telefonata ha termine quando Trudeau, alla richiesta della finta Greta di poter incontrare alcuni dei personaggio del cartone animato South Park, capisce probabilmente di essere rimasto vittima di uno scherzo.

 

Tra i precedenti bersagli di Vovan e Lexus compare anche il nome di Elton John. Alla pop star fecero credere di parlare con il presidente russo Vladimir Putin, interessato a discutere i diritti delle persone gay.

 

justin trudeau fa yoga all incontro con putin justin trudeau fa yoga all incontro con putin

Durante i 10 minuti della telefonata col premier canadese, una terza persona che finge di essere Greta Thunberg dice a Trudeau di essere preoccupata per la «crescente crisi internazionale e i rischi di una guerra mondiale». Il premier concorda con le preoccupazioni di Greta, anche perché la telefonata risalirebbe a gennaio di quest' anno, quando per errore i militari iraniani abbatterono nei cieli di Teheran un aereo passeggeri iraniano con 176 persone a bordo.

greta thunberg justin trudeau greta thunberg justin trudeau greta thunberg con la faccia di justin trudeau greta thunberg con la faccia di justin trudeau

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…