HABEMUS BOZZA – INIZIA A EMERGERE LA CICCIA DEL DISEGNO DI LEGGE DI BILANCIO: SONO 136 ARTICOLI, CHE CONFERMANO QUANTO ANNUNCIATO IERI DA GIORGIA MELONI IN CONFERENZA STAMPA – LO STOP AI RINCARI DELLE MULTE E IL PALETTO ALLA FLAT TAX: LA SOGLIA ENTRO CUI POTER USUFRUIRE DELLA TASSA AL 15% PER GLI AUTONOMI SALE A 85MILA EURO, MA C’È UN PALETTO…

-

Condividi questo articolo


Da www.corriere.it

 

giorgia meloni giancarlo giorgetti giorgia meloni giancarlo giorgetti

Inizia a emergere il testo del disegno di legge di bilancio. La prima bozza che circola è di 136 articoli . Il testo conferma i grandi capitoli illustrati dal governo: misure in materia di energia, riduzione della pressione fiscale, misure di sostegno in favore dei contribuenti, disposizioni in materia di entrate, lavoro e politiche sociali, famiglia e disabilità, misure per favorire la crescita degli investimenti, agricoltura e sovranità alimentare, infrastrutture e trasporti, giustizia.

 

FLAT TAX FLAT TAX

* La flat tax - La tassa forfait al 15% degli autonomi sale da 65 a 85mila euro, come anticipato. Ma con un paletto: salta anche nel corso dell’anno, in modo retroattivo, se il contribuente supera i 100mila euro di ricavi o compensi.

 

* Le cartelle esattoriali - Stralcio dei carichi fino a mille euro, affidati all’agente della riscossione dal primo gennaio 2000 al 31 dicembre 2015. Una bozza della manovra conferma la soppressione delle mini-cartelle.

 

multe multe

«Sono automaticamente annullati, alla data del 31 gennaio 2023, i debiti di importo residuo, alla data di entrata in vigore della presente legge, fino a mille euro, comprensivo di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni, risultanti dai singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal primo gennaio 2000 al 31 dicembre 2015», si legge nel testo.

 

* Stop ai rincari delle multe - Stop all’adeguamento delle multe alla variazione Istat per il prossimo biennio. «In considerazione dell’eccezionalità della situazione economica - si legge nel testo - a decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, per gli anni 2023 e 2024, è sospeso l’aggiornamento biennale delle sanzioni amministrative pecuniarie in misura pari all’intera variazione, accertata dall’Istat.

 

GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI CONFERENZA STAMPA MANOVRA GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI CONFERENZA STAMPA MANOVRA

* Le mance ai camerieri detassate - Meno tasse sulle mance ai camerieri: l’importo, che costituisce reddito imponibile, sarà tassato ora con una imposta al 5% che sostituisce l’Irpef e le addizionali locali sul reddito.

 

Lo prevede uno degli articoli della manovra contenuto nella bozza definita dal Cdm. Il prelievo ridotto, che dovrà essere trattenuto dal datore di lavoro, si applica per una quota non superiore al 25% del reddito annuale e per un massimo di 50mila euro.

 

* Fondi alle Olimpiadi - Per assicurare il completamento delle opere previste per le Olimpiadi invernali 2026 Milano-Cortina vendono erogati ulteriori 400 milioni di euro. In particolare, si legge nel testo «è autorizzata la spesa di 400 milioni di euro, di cui 120 milioni per l’anno 2024, 140 milioni per l’anno 2025 e 140 milioni per l’anno 2026 per il finanziamento del fabbisogno residuo del Piano complessivo delle opere olimpiche ».

 

giancarlo giorgetti giorgia meloni matteo salvini giancarlo giorgetti giorgia meloni matteo salvini

* Briciole di sovranità alimentare - Sarebbe in arrivo un fondo per la sovranità alimentare. Per rafforzare il sistema agricolo e agroalimentare nazionale, anche attraverso interventi finalizzati alla «tutela e alla valorizzazione del cibo italiano di qualità», alla «riduzione del costi di produzione per le imprese agricole», e alla gestione delle crisi di mercato, spiega il passaggio, viene istituito «il fondo per la sovranità alimentare, con una dotazione di 25 milioni di euro per ciascuno degli anni 2023, 2024, 2025 e 2026».

berlusconi flat tax berlusconi flat tax giancarlo giorgetti giorgia meloni giancarlo giorgetti giorgia meloni

 

Condividi questo articolo

politica

ORGE, METANFETAMINE E VIDEOGAME: LA VITA FOLLE DI SAM BANKMAN-FRIED E CAROLINE ELLISON – LUI È IL FONDATORE DI FTX, L’IMPERO DELLE CRIPTOVALUTE DA 32 MILIARDI DI DOLLARI FINITO IN BANCAROTTA. LEI LA CEO DI ALAMEDA RESEARCH, LA SOCIETÀ CHE FINANZIAVA GLI INVESTIMENTI GONFIATI E TRUFFALDINI DELLA SOCIETÀ DI TRADING. INSIEME, DA UN RESORT DI LUSSO ALLE BAHAMAS, PRATICAVANO IL POLIAMORE, E DA STRAFATTI SOGNAVANO DI CAMBIARE IL MONDO. NON È ANDATA PROPRIO COME VOLEVANO – TUTTA LA STORIA

“LA DIRIGENZA DI SINISTRA ITALIANA SAPEVA, LI AVEVO AVVISATI IO” – L’EX SENATRICE ELENA FATTORI INCASTRA FRATOIANNI SUL CASO SOUMAHORO: “HO VISITATO LA COOPERATIVA KARIBU. ERA SPORCA, FATISCENTE, C’ERA LA MUFFA. NE HO VISTE TANTE DI STRUTTURE, MA QUELLA È STATA LA PEGGIORE” – “NE HO PARLATO CON FRATOIANNI, MA NON HA PENSATO CHE FOSSE RILEVANTE. D'ALTRONDE SOUMAHORO AVEVA UN GRANDE PESO MEDIATICO. ERA APPENA COMPARSO SU UNA COPERTINA DI UN SETTIMANALE COME FUTURO LEADER DELLA SINISTRA” – “ESPELLERLO ORA SAREBBE IPOCRITA: LO HANNO CERCATO PER LA CANDIDATURA SAPENDO CHI ERA”