IN IRAN AMMAZZANO LE RAGAZZE E POI DANNO LA COLPA PER LE PROTESTE AGLI STATI UNITI - DOPO 15 GIORNI DI SCONTRI PER MAHSA AMINI, 22ENNE PRIMA ARRESTATA E POI UCCISA DALLA POLIZIA PER AVER INDOSSATO MALE IL VELO, È INTERVENUTO L'AYATOLLAH ALI KHAMENEI: "QUESTE RIVOLTE SONO STATE PROGETTATE DALL'AMERICA E DAL FALSO REGIME SIONISTA" - NEL MENTRE GLI SCONTRI NON SI FERMANO, LE DONNE SI LEVANO IL VELO IN SEGNO DI PROTESTA E I MANIFESTANTI CONTINUANO AD ESSERE UCCISI PER LA STRADA - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Chiara Clausi per “il Giornale”

 

proteste in iran 5 proteste in iran 5

Le università iraniane sono in rivolta. Ieri sono continuate le proteste, come avviene ormai da quindici giorni, per Mahsa Amini, la 22enne curda morta il 16 settembre dopo essere stata arrestata dalla polizia morale perché non indossava il velo in modo corretto.

Si sono tenute negli atenei di Shiraz e Birjand oltre che in alcune università di Teheran, dove gli studenti hanno anche chiesto il rilascio di alcuni colleghi arrestati nei giorni scorsi nell'Università Sharif, sempre nella capitale. La situazione è così tesa che è dovuto intervenire il leader supremo iraniano, l'ayatollah Ali Khamenei.

proteste in iran 3 proteste in iran 3

 

Ha accusato gli Stati Uniti e Israele per le proteste anti-governative che stanno dilagando nel Paese. Sono i suoi primi commenti pubblici sui disordini. «Siamo inorriditi e allarmati dalla repressione delle proteste in Iran», ha intanto ribadito la portavoce della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre. Khamenei ha affermato che le «rivolte» erano state «costruite» dagli acerrimi nemici dell'Iran e dai loro alleati. «Se non ci fosse stato alcun problema con la morte della giovane donna, avrebbero usato un altro pretesto per fomentare disordini e rivolte in questo momento», ha spiegato. Ha anche invitato le forze di sicurezza ad essere pronte ad affrontare ulteriori disordini.

 

proteste in iran 2 proteste in iran 2

Queste proteste sono la più grande sfida al governo di Khamenei da un decennio. Sono state le donne a guidare le manifestazioni iniziate dopo il funerale di Mahsa. Hanno sventolato in aria il velo o gli hanno dato fuoco al canto di «Donna, vita, libertà» e «Morte al dittatore», un riferimento chiaro a Khamenei. «Dico che queste rivolte e l'insicurezza sono state progettate dall'America e dal falso regime sionista occupante Israele, così come dai loro agenti pagati, con l'aiuto di alcuni iraniani traditori all'estero» ha sottolineato il leader supremo. Alla cerimonia di consegna dei diplomi della polizia e dei cadetti delle forze armate Khamenei ha affermato che la morte di Mahsa «ci ha spezzato il cuore».

 

proteste in iran 3 proteste in iran 3

«Ma ciò che non è normale è che alcune persone, senza prove o indagini, hanno reso pericolose le strade, bruciato il Corano, tolto l'hijab e dato fuoco a moschee e automobili», ha aggiunto. L'ayatollah ha pure affermato che le potenze straniere avevano pianificato queste «rivolte» perché non potevano tollerare che l'Iran «prendesse forza in tutte le sfere». In risposta, il presidente Usa, Joe Biden, si è detto in una nota «fortemente preoccupato» e ha annunciato che in settimana gli Stati Uniti «imporranno nuove sanzioni contro Teheran».

proteste in iran 1 proteste in iran 1

 

Iran Human Rights, una ong con sede in Norvegia, ha affermato domenica che almeno 133 persone sono state uccise finora dalle forze di sicurezza. I commenti di Khamenei sono arrivati il giorno dopo che le forze di sicurezza hanno represso violentemente una protesta degli studenti e arrestato decine di giovani nella più prestigiosa università di scienze e ingegneria dell'Iran, la Sharif University of Technology di Teheran. Gli agenti hanno tentato di entrare nel campus, ma gli studenti li hanno respinti e hanno chiuso tutti i cancelli d'ingresso al grido: «Gli studenti preferiscono la morte all'umiliazione».

 

proteste in iran 2 proteste in iran 2

Poi i ragazzi hanno cercato di scappare attraverso un parcheggio adiacente ma sono stati presi uno ad uno e picchiati, bendati e portati via, un gran numero di persone sono state inseguite da uomini in moto. Gli studenti subito dopo però hanno annunciato che non sarebbero tornati in aula fino a quando tutti i loro compagni non saranno rilasciati. L'università intanto ha affermato di aver spostato le lezioni online, per «la necessità di proteggere gli studenti». Meenna, una studentessa universitaria, ha spiegato: «Stiamo attraversando la peggiore forma di violenza da parte della polizia. Ho visto cadaveri per le strade e non permetteremo che il loro sangue venga sprecato».

proteste in iran 4 proteste in iran 4 proteste in iran proteste in iran

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA