L’IRONIA DELLA MORTE - IL MIGLIORE CECCHINO DELLE FORZE ARMATE AMERICANE, CHE HA ELIMINATO 150 NEMICI ED È SOPRAVVISSUTO A DECINE DI MISSIONI PERICOLOSISSIME, UCCISO DA UN VETERANO DI GUERRA IN UN POLIGONO DI TIRO IN TEXAS - DA QUANDO AVEVA LASCIATO L’ESERCITO CHRIS KYLE SI DEDICAVA AD AIUTARE I SOLDATI AFFETTI DA SINDROME DA STRESS POST-TRAUMATICO...

Condividi questo articolo


Maurizio Molinari per "la Stampa"

Il migliore cecchino delle forze armate degli Stati Uniti è stato ucciso in un poligono di tiro texano da un altro ex militare, che stava aiutando a superare la sindrome da stress post-traumatico. Chris Kyle, 38 anni, ha lasciato la divisa nel 2009 e le sue gesta militari sono patrimonio pubblico grazie al best seller «American Sniper», a numerose apparizioni tv e al grappolo di decorazioni ricevute.

LASSASSINO DEL CECCHINO USA EDDIE RAY ROUTHLASSASSINO DEL CECCHINO USA EDDIE RAY ROUTH

Arruolato nei Marines nel 1999, Kyle entra nei corpi scelti dei Navy Seals della Us Navy e all'indomani del 2001 è impegnato su più fronti della guerra al terrorismo. Sebbene il curriculum resti in parte top secret, sappiamo che ha servito per quattro turni in Iraq, oltre a svolgere missioni «altrove». In tutto i nemici che abbatte sono oltre 150, numero mai raggiunto nella storia militare americana. Partecipa a tutte le maggiori battaglie in Iraq e durante i mesi più difficili dell'insurrezione è nella roccaforte jihadista nel Triangolo sunnita, dove si guadagna l'appellativo di «Diavolo di Ramadi».

IL LIBRO DEL CECCHINO CHRIS KYLEIL LIBRO DEL CECCHINO CHRIS KYLE

Alcuni miliziani di Al Qaeda vedono il tatuaggio che ha sul braccio sinistro, riescono a identificarlo e gli mettono sulla testa una taglia da 20 mila dollari. Ma Kyle è imprendibile, viene ferito due volte, sopravvive a sei attentati, continua a colpire: nel 2008 a Sadr City elimina un terrorista con lanciagranate colpendolo da 1,9 km di distanza. Quando lascia il terreno, i Navy Seals ne fanno il loro primo istruttore di cecchini.

IL CECCHINO USA CHRIS KYLEIL CECCHINO USA CHRIS KYLE

Sposato e padre di tre figli, affianca la nuova attività ad una sua creazione: la fondazione «Fitco Cares» che aiuta i veterani di guerra impegnati a combattere con la sindrome da stress post-traumatico (Ptsd), frutto delle emozioni subite. Kyle trova la sua nuova missione nell'aiutarli. Gli parla da soldato a soldato, nessuno più di lui è stato esposto a stress, a volte riesce nell'impresa di risollevarli. «Vedo il mio impegno, prima come cecchino e ora nella Fondazione, a difesa delle vite di americani» disse durante una trasmissione tv.

IL CECCHINO USA CHRIS KYLE CON IL VETERANO CHE LHA UCCISOIL CECCHINO USA CHRIS KYLE CON IL VETERANO CHE LHA UCCISO IL CECCHINO USA CHRIS KYLEIL CECCHINO USA CHRIS KYLE

Vive vicino a Dallas, in Texas, Kyle a volte porta chi è affetto da «Ptsd» nei poligoni, ritiene che li aiuti a distendere i nervi. Sabato ripete il test con Eddie Ray Routh, 25 anni, ex marine. Vanno al poligono di Rough Creek Lodge, vicino Glen Rose a circa 80 km da Forth Worth. Con loro c'è anche una terza persona, Chad Littlefield, amico di Kyle. Ma questa volta qualcosa va storto. L'ex marine non riesce a controllarsi e gira l'arma verso Kyle e Littlefield, uccidendoli. Sale a bordo del furgoncino di Kyle e torna nella casa di Lancaster, a Sud di Dallas, dove trova la polizia ad aspettarlo. Incriminato per duplice omicidio, imprigionato con una cauzione fissata dal giudice a 3 milioni di dollari, il killer appare destinato ad un processo nel quale rischia la pena capitale.

IL CECCHINO USA CHRIS KYLEIL CECCHINO USA CHRIS KYLE

Per l'America non è solo l'ennesimo delitto commesso dall'indomani della decisione del presidente Obama di varare leggi più rigide sulle armi, è soprattutto la scomparsa di un eroe che l'amico Trevis Cox, al suo fianco nella fondazione, ricorda così: «Ha servito la nazione con grande onore e quando è tornato a casa si è dedicato ad aiutare fratelli e sorelle colpiti dal Ptsd». Continuando a difendere l'America.

IL CECCHINO USA CHRIS KYLEIL CECCHINO USA CHRIS KYLE

 

 

Condividi questo articolo

politica

“BERLUSCONI MI PORTÒ NELLA SUA CAMERA, MI MOSTRÒ IL LETTO CHE GLI AVEVA REGALATO PUTIN. AVEMMO RAPPORTI SESSUALI, CHIACCHIERAMMO E LUI MI DEDICÒ POESIE” - ALT! TORNA A PARLARE PATRIZIA D’ADDARIO, OSPITE DI GILETTI: “FUI COSTRETTA A PROSTITUIRMI DALL’UOMO CON CUI STAVO” - LA FUGA DALL’ORGIA CON ALTRE TRE RAGAZZE, A PALAZZO GRAZIOLI: “C’ERANO FARFALLE DAPPERTUTTO, MI SPIEGARONO CHE ERANO IL SIMBOLO DELLA PARTE PIÙ INTIMA DELLE DONNE. SENTÌ CHE MI ACCAREZZAVANO IN UN POSTO IN CUI NON DOVEVANO. SONO CORSA IN BAGNO PERCHÉ VOLEVO ANDARE VIA. BERLUSCONI MI HA RAGGIUNTO E MI HA…”