L'ISOLA DI LAVITOLA - IN FUGA DALL’ITALIA? FACCE RIDE: VALTERINO SVACANZAVA A POCHE MIGLIA DALLA TORRE DELLE MANETTE DELLA PROCURA DI NAPOLI – UN BLOGGER CI RACCONTA LA SETTIMANA A PROCIDA (ANCHE DUE PUNTATINE A ISCHIA) DELL’EDITORE PESCIVENDOLO: "Ballava il tango, si faceva il bagno, cenava al ristorante. E poi se fosse un’allucinazione, sarebbe collettiva. L’ha visto tutta l’isola"....

Condividi questo articolo


Carlo Tarallo per Dagospia

Vai cor tango: sarà bene riaggiornare (leggi cestinare) tutte le ricostruzioni del giallo dell'estate che volevano Valter Lavitola in fuga dall'Italia da chi sa quanto tempo, magari informato in anticipo dell'indagine sul suo conto da parte della Procura di Napoli. Macchè fuga: Valterino era a Procida, a quattro passi dalla Torre delle Manette del Centro Direzionale di Why Not City, come dagoanticipato già da due giorni.

TarantiniTarantinilavitolalavitola

E' stato qui nel golfo per una intera settimana (si registrano anche due puntatine a Ischia) quella subito dopo ferragosto, pochissimi giorni prima la notizia dell'inchiesta su di lui e Giampi Tarantini diventasse pubblica. E il giallo dell'estate dovrà adesso essere per forza riscritto, soprattutto per la parte che riguarda il presunto mancato rientro in Italia di Valter Lavitola.

Altro che mancato rientro: Valterino è stato qui fino alla settimana precedente l'ordine di arresto nei suoi confronti. La dagospifferata di lunedì scorso, dunque, era attendibilissima, praticamente oro colato. Indiscrezione confermata già ieri da molte persone.

Ma ora, arriva la svolta decisiva. Dal pezzo di oggi, infatti, possiamo togliere i verbi al condizionale.
Ecco che finalmente qualcuno è disposto a rilasciare una bella intervista con nome, cognome e foto.

serata tanghera procidana - c'era pure lavitolaserata tanghera procidana - c'era pure lavitola

E' Francesco Lubrano Lavadera, giovane blogger procidano, che ha visto Lavitola a Procida lo scorso 21 agosto, tranquillamente seduto a un tavolino di un bar dell'isola.

"L'ho visto domenica 21 agosto - racconta Francesco - era seduto a un bar di Marina Grande insieme a due suoi amici, un procidano e un frequentatore abituale dell'isola. Aveva una camicia bianca e pantaloncini da spiaggia blu".

Sicuro che era lui?
"Scherzi? Certo che sono sicuro. A parte che l'abbiamo anche scritto sul blog, l'ho notato subito e così l'ho osservato bene. Comunque, la notizia della sua presenza sull'isola si era già sparsa da giorni".

Lavitola a Procida viene spesso, vero?
"Sì, assolutamente. Ha molti amici qui, soprattutto politici. Conosce un sacco di gente, frequenta locali e un lido ricavato su una piccola collinetta con l'accesso diretto alla spiaggia, un posto un po' più riservato degli altri, alla Chiaiolella".

Era tranquillo e sereno?
"Beh in apparenza sì. Pensa che ha partecipato anche a una serata di Tango...".

Tango?
"Sì, la sera del 19 agosto c'è stata una serata tanghera in un locale notturno, e c'era anche lui".

L'hai visto tu?
"No, ma sul blog abbiamo fatto un articolo (http://procida.blogolandia.it/2011/08/28/procida-si-allarga-il-gruppo-dei-tangheri/)
e il blogger che ha seguito la serata ha visto che era lì. Del resto, l'hanno visto decine di persone, è stato qui una settimana. Poi è chiaro che l'hanno notato solo quelli che l'avevano visto in Tv. Ma sempre tanti sono".

Scusa, ma quando leggi sui giornali che Lavitola è fuggito dall'Italia prima dell'inizio di agosto e non è più tornato, sospetti di avere avuto allucinazioni?
"Beh in effetti fa strano. Altro che fuggito, ballava il tango, si faceva il bagno, cenava al ristorante, stava al tavolino del bar. E poi se fosse un'allucinazione, sarebbe collettiva. L'ha visto tutta l'isola. Poi è chiaro: chi non segue le cronache non lo riconosce, ma almeno un centinaio di persone l'hanno visto, riconosciuto, salutato e hanno chiacchierato con lui".

Sul blog (procida.blogolandia.it) non sei stato tenero con Valterino...
"Beh no: ho criticato il fatto che qualche politico locale cercasse di farsi raccomandare da lui".

Raccomandare da Lavitola?
"Eh sì, è triste ma è così. Del resto, è amico del Presidente, no?".

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)

DAGOREPORT - RIUSCIRÀ ELLY SCHLEIN A FAR FUORI MARIO ORFEO E RICONQUISTARE L’AVAMPOSTO DEL TG3? - QUEL FURBACCHIONE DI ORFEO, DETTO “PONGO” PER LA SUA MALLEABILITA’ VERSO IL POTERE, DOPO UNA INCAUTA SBANDATA PER L’AD IN USCITA ROBERTO SERGIO, HA VIRATO VERSO LE BRACCIA DELL’AD IN PECTORE RAI, GIAMPAOLO ROSSI - ORFEO HA CONVINTO IL FILOSOFO DI COLLE OPPIO CHE LUI HA UN FILO DIRETTO COL PD DI SCHLEIN: ROSSI È CONVINTO CHE QUANDO PARLA CON IL DIRETTORE DEL TG3 PARLA CON ELLY. INVECE, QUANDO GLI VA BENE, ORFEO TELEFONA A FRANCESCHINI CHE, DA PRIMO SOSTENITORE DELLA SCHLEIN, È PASSATO A TRAMARE CONTRO LA SEGRETARIA, REA DI NON VOLER FARE LA PUPA MA LA PUPARA...