ITALIA FOR SALE - DOPO ESSERE SALITO AL 5% DI INTESA, IL FONDO BLACKROCK SI PORTA AL 5,25% DI UNICREDIT E NE DIVENTA PRIMO AZIONISTA. DISTANZIANDO SEMPRE PIU' LA CARIVERONA DI BIASI

Blackrock concede il bis. E dopo che il colosso del risparmio gestito è salito al 5% di Intesa scavalcando la Cariplo di Guzzetti, ora si è portato anche al 5,246% di Unicredit, diventandone primo azionista davanti agli stranieri di Aabar e Pamplona. Per trovare i primi soci italiani bisogna andare al quarto posto…

Condividi questo articolo


Carlotta Scozzari per Dagospia

E due. Blackrock concede il bis con le prime due banche italiane. E così, dopo che alla fine di febbraio il colosso statunitense del risparmio gestito è salito al 5% di Intesa Sanpaolo scavalcando la Cariplo di Giuseppe Guzzetti, è di oggi la notizia che si è portato anche al 5,246% di Unicredit, diventandone così primo azionista.

TORRE UNICREDITTORRE UNICREDIT

Dalle comunicazioni della Consob sulle partecipazioni rilevanti nelle società, quotate, infatti, è emerso che Blackrock, insieme con tutta una serie di propri veicoli, è salita al 5,246% della banca guidata dall'amministratore delegato Federico Ghizzoni. Non è dato sapere quale fosse la posizione del gruppo del risparmio gestito guidato da Larry Fink in Unicredit immediatamente prima di superare la soglia del 5% poiché il gruppo americano si è avvalso della facoltà di non comunicare il raggiungimento della barriera (normalmente rilevante ai fini Consob) del 2 per cento.

Ciò significa che fino al 5%, soglia rilevante anche per il fondo statunitense, Blackrock è virtualmente libera di muoversi come vuole. L'ultimo aggiornamento fornito da Consob, risalente all'8 marzo 2013, fotografava gli americani al 4,922% di Unicredit dal precedente 5,036 per cento.

Vero è che l'operatore statunitense è da tempo socio forte della banca di Piazza Gae Aulenti, tant'è che poco più di due anni fa si rese protagonista di un episodio per certi aspetti misterioso: a dicembre del 2011 aveva dichiarato di essere sceso dal 4,024 all'1,71% del gruppo, mentre poi, all'inizio di gennaio, in fase di aumento di capitale di Unicredit, aveva fatto un passo indietro, sostenendo di avere commesso un errore e confermando la propria quota al 3,09 per cento.

LOGO blackrockLOGO blackrock

Una vicenda su cui Consob ha già avviato un iter sanzionatorio, così come del resto anche per l'insider trading ipotizzato nel caso Saipem risalente a poco più di un anno fa, quando il fondo vendette un pacchetto di azioni proprio il giorno prima che la società lanciasse un allarme sugli utili.

ghizzonighizzoni

Gli acquisti che hanno riportato il fondo oltre il 5% del gruppo guidato da Ghizzoni risalgono al 7 marzo, esattamente un anno dopo l'ultima rilevazione e pochi giorni prima di martedì 11, quando la banca ha annunciato di avere archiviato il 2013 con una perdita record di 14 miliardi di euro e ha alzato il velo sul nuovo piano industriale, che tra le altre cose prevede una drastica riduzione del personale di 8.500 unità. Tutte notizie che non avevano impedito che le azioni Unicredit, quello stesso giorno, salissero a Piazza Affari di oltre il 6 per cento.

LARRY FINKLARRY FINK

Nelle ultime due sedute, invece, la banca ha mostrato un po' di nervosismo in Borsa, anche perché si tratta dell'istituto di credito italiano più esposto all'Ucraina, dove continuano a soffiare venti di guerra.

Banca IntesaBanca Intesa

Salendo di slancio al 5,246% di Unicredit, Blackrock diventa così prima azionista dell'istituto di credito davanti ai fondi stranieri di Aabar e Pamplona, che hanno il 5% a testa, mentre per trovare un azionista italiano ora bisogna scendere nell'azionariato fino al quarto posto, dove staziona la Fondazione Cariverona di Paolo Biasi, con il 3,53% del capitale. L'ente è davanti alla cassaforte Delfin della famiglia Del Vecchio, che ha in portafoglio il 3% di Unicredit.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)