1. UN'ITALIA A PEZZI PERCHÉ MANCA IL LAVORO, SPAVENTATA DA TASSE, BUROCRAZIA ONNIPOTENTE, STATO CHE NON PAGA, HA SCELTO LA PROTESTA COME IL PRIMO PARTITO - 2. L'IRRITAZIONE DALLE PARTI DI BERSANI VERSO MONTI NON HA LIMITI: LA SUA PRESUNTUOSA SALITA IN CAMPO HA TOLTO VOTI DECISIVI AL PD SENZA COMPENSARLI CON I PROPRI - 3. LA PROTESTA SI È CATALIZZATA CONTRO UN SISTEMA DI CUI FANNO PARTE PEZZI IMPORTANTI DELLA CLASSE DIRIGENTE, GRAN PARTE DEL GIORNALISMO A COMINCIARE DALLA RAI, DAL "CORRIERE" E DA "REPUBBLICA", GLI ALTI GRADI DELLA BUROCRAZIA, LA CHIESA ATTACCATA AL POTERE, LA MASSONERIA INTRECCIATA CON GLI EX COMUNISTI A SIENA, ETC. - 4. BEPPE GRILLO NON HA NESSUNA FRETTA, E' IL PRIMO O IL SECONDO PARTITO QUASI DAPPERTUTTO, VUOLE AMBIENTARSI TRA LE REGOLE DEL PARLAMENTO PERCHE’ SA BENE CHE GLI BASTA STARE FERMO PER VINCERE ANCORA. SA ANCHE BENE CHE SARANNO PER LORO DECISIVI LE PROSSIME ELEZIONI COMUNALI IN CITTÀ IMPORTANTISSIME COME ROMA -

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

Grillo in VoloGrillo in Volo

Un Paese in gravi difficoltà perché manca il lavoro, perché le aziende che non riescono ad esportare sono in crisi nera, un Paese spaventato da tasse, risparmi che evaporano, burocrazia onnipotente, Stato che non paga, ha scelto quanto segue.

BEPPE GRILLO AD UN COMIZIOBEPPE GRILLO AD UN COMIZIO

UNO.
La protesta e' il primo enorme partito italiano: ai voti a Grillo Beppe va aggiunta l'area del non voto pari a qualche decimale meno del 25 per cento e, del tutto legittimamente, i consensi a Berlusconi Silvio che è riuscito a restare decisivo riuscendo a presentare se stesso ancora una volta come l'antipolitica che in oltre diciotto anni non è riuscita a governare perché il sistema dominante riassunto nella triade magistratura, giornali, Europa cattiva non glielo ha consentito.

PIERLUIGI BERSANIPIERLUIGI BERSANI

DUE.
Il cosiddetto sistema contro il quale si è organizzata la protesta e' sostanzialmente quello rappresentato dal Pd/Sel (anche perché quest'ultima facendo la scelta responsabile di stare con Bersani Pierluigi ha ridotto le sue potenzialità contro) e dalle truppe di Sherpa Monti che è riuscito a superare di pochi voti la soglia della morte politica alla Camera, ha sacrificato Fini/Tulliani Gianfranco e, in parte, Casini già Pierfurby.

Ma la cosa più importante che la sua presuntuosa salita in campo ha generato e' aver tolto voti decisivi al Pd senza compensarli con i propri. L'irritazione dalle parti di Bersani non ha limiti e confini ora che le peggiori previsioni si sono tristemente avverate.

GIANFRANCO FINI E MARIO MONTIGIANFRANCO FINI E MARIO MONTI

Di questo sistema contro il quale si è catalizzata la protesta hanno fatto parte a vario titolo pezzi importanti della classe dirigente, dalla magistratura non schierata con Ingroia e Di Pietro (il primo si è rivelato totalmente inadeguato e il secondo e' finalmente arrivato al capolinea di una carriera da arruffapopolo ignorante durata purtroppo vent'anni), gran parte del giornalismo a cominciare dalla Rai, dal Corriere della Sera e da Repubblica, gli alti gradi della burocrazia sempreverde, la Chiesa attaccata al potere (copyright Papa dimissionario), la massoneria intrecciata con gli ex comunisti a Siena e dintorni, e ciascuno può aggiungere chi crede.

MONTI CASINI E FINIMONTI CASINI E FINI

TRE.
Poiché tornare a votare e' impensabile, e tra l'altro sarebbe uno spreco di tempo, di denaro, di attese che sarebbero frustrate, di ulteriore prolungamento del coma per l'economia, e poi nemmeno si può perché il nuovo scioglimento delle Camere non rientra tra i poteri del Presidente della Repubblica uscente, va trovata una soluzione per assicurare al Paese il governo possibile nelle condizioni date.

Ezio MauroEzio Mauro

QUATTRO.
Non ci saranno tecnici o uomini della Provvidenza. Chi ha avuto i voti, sia pure mutilati, di protesta, gonfiati dalla legge elettorale, ha il dovere di trovare una soluzione, di metterci la faccia, di non accampare alibi che in una situazione straordinaria, economica e civile, come questa non reggono.

Altrimenti, davvero, si arrendano e lascino ordinatamente il Paese per posti dove con la loro pensione possono tranquillamente vivere meglio che in Italia. Ma devono essere posti poco frequentati da turisti italiani. Ne' vale dire dalle parti del Pd "era meglio, a questo punto, se avesse vinto il giaguaro"' perché per il Paese sarebbe stato peggio (vedi borse e dintorni di oggi).

Ferruccio De BortoliFerruccio De Bortoli

CINQUE.
Soprattutto, non usino lo spauracchio/alibi dei grillini e di Grillo Beppe. Il Movimento Cinque Stelle non ha nessuna fretta, e' il primo o il secondo partito quasi dappertutto, vuole ambientarsi in Parlamento e capire le regole con calma e sa bene che gli basta stare fermo per vincere ancora. Sa anche bene che saranno per loro decisivi le prossime elezioni comunali in città importantissime come Roma. È in tali situazioni che non possono restare alla finestra e devono trovare candidati all'altezza.

GUBITOSI E TARANTOLA jpegGUBITOSI E TARANTOLA jpeg

SEI.
La battaglia per la presidenza della Repubblica non può essere giocata secondo i vecchi schemi, quelli della settimana scorsa, e i vecchi candidati. Serve fantasia, responsabilità, gioco sulle ali e capacità di giocare in trasferta.

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

"IL NOSTRO PAESE HA SEMPRE CERCATO IL CENTRO, LA MODERAZIONE" - APPUNTI PER I FUTURI LEADER BY ALESSANDRA GHISLERI: "OGNI VOLTA CHE L'ELETTORE SI È TROVATO DINANZI A UN BIVIO, HA SCELTO LA STRADA CHE IMPLICAVA LE MINORI DIFFICOLTÀ. ANCHE A QUESTO DOVRANNO PRESTARE ATTENZIONE SALVINI E MELONI - GLI ITALIANI SONO STANCHI DI DIVARICAZIONI E LITIGI. APPREZZANO CHI TROVA CONVERGENZE - IL PARTITO DI DRAGHI? SUPERMARIO NON DEVE MISCHIARE LE CARTE DELLA POLITICA CON IL SUO COMPITO. SE LO FACESSE..."

IL PD REGALA UN SEGGIO A CONTE - DAL NAZARENO STA PER ARRIVARE IL VIA LIBERA ALLA CANDIDATURA DI PEPPINIELLO APPULO PER LA CAMERA NEL COLLEGIO LAZIO 1, FEUDO STORICO DEI DEM LASCIATO LIBERO DA ROBERTO GUALTIERI - SONO TUTTI CONTENTI: I PIDDINI PERCHÉ SI ERANO INCARTATI SUI NOMI, I GRILLINI PERCHÉ CON I VOTI DEL PARTITO DEMOCRATICO MASCHERERANNO L’ENNESIMO FALLIMENTO. MA CALENDA POTREBBE ROVINARE IL LIETO FINE: È PRONTO A CANDIDARSI (E IN QUELLA ZONA ALLE COMUNALI HA PRESO IL 30%)

SI COMINCIA BENE! BOTTE E SCONTRI AL PRIMO COMIZIO DI ZEMMOUR: IL POLEMISTA DI ESTREMA DESTRA, CANDIDATO ALLE PRESIDENZIALI IN FRANCIA, VIENE AFFERRATO AL COLLO. MA DA UN AGGRESSORE O DA UN FAN TROPPO ENTUSIASTA? - TRA IL PUBBLICO SI ERANO INFILTRATI MILITANTI DI “SOS RACISME”, CHE NON APPENA SI SONO RIVELATI SONO STATI MENATI DAI SOSTENITORI DI ZEMMOUR. E VIA CON PUGNI, SEDIE CHE VOLANO, SANGUE E INSEGUIMENTI. PER LA GIOIA DEL “NUOVO RE DI FRANCIA”, CHE SULLA TENSIONE E LA RABBIA BASA TUTTA LA SUA CAMPAGNA ELETTORALE - VIDEO