‘’JE SUIS CHARLIE’’ È STATO RIPRESO DAPPERTUTTO, RIPRODOTTO SUI GIORNALI, SUI BADGE, SUI MANIFESTI. L’AUTORE SI CHIAMA JOACHIM RONCIN E FA IL DIRETTORE ARTISTICO AL PERIODICO “STYLIST”

«Ho fatto quest’immagine perché non avevo parole», ha raccontato lui. «Il fatto è che leggo spesso a mio figlio il libro “Dov’è Charlie?” e l’idea mi è venuta così, per caso». Di tweet in tweet, quelle tre parole a lutto hanno fatto e continuano a fare il giro del mondo e soprattutto delle coscienze….

Condividi questo articolo

Alb.Mat. per “la Stampa

 

Je suis Charlie Je suis Charlie

L’uomo più famoso di Francia è uno sconosciuto nemmeno tanto illustre. Si chiama Joachim Roncin e fa il direttore artistico al periodico «Stylist». Mercoledì alle 11.52, pochi minuti dopo le prime notizie sulla strage a «Charie Hebdo», ha postato su Twitter il logo celebre: fondo nero, scritta «Je suis Charlie».

Je suis Charlie Je suis Charlie

 

È stato ripreso dappertutto, riprodotto sui giornali, sui badge, sui manifesti. Ieri, fra le centinaia di migliaia di persone in piazza in Francia, erano pochi a non portare addosso questo logo semplice ma efficacissimo.

 

«Ho fatto quest’immagine perché non avevo parole», ha raccontato lui. «Il fatto è che leggo spesso a mio figlio il libro “Dov’è Charlie?” e l’idea mi è venuta così, per caso». Di tweet in tweet, quelle tre parole a lutto hanno fatto e continuano a fare il giro del mondo e soprattutto delle coscienze. «E’ molto strano, è una cosa più grande di me», dice monsieur Roncin. Ma la sua ispirazione ha ispirato il mondo.

Je suis Charlie Je suis Charlie

 

 

Condividi questo articolo

politica