‘’JE SUIS CHARLIE’’ È STATO RIPRESO DAPPERTUTTO, RIPRODOTTO SUI GIORNALI, SUI BADGE, SUI MANIFESTI. L’AUTORE SI CHIAMA JOACHIM RONCIN E FA IL DIRETTORE ARTISTICO AL PERIODICO “STYLIST”

«Ho fatto quest’immagine perché non avevo parole», ha raccontato lui. «Il fatto è che leggo spesso a mio figlio il libro “Dov’è Charlie?” e l’idea mi è venuta così, per caso». Di tweet in tweet, quelle tre parole a lutto hanno fatto e continuano a fare il giro del mondo e soprattutto delle coscienze….

Condividi questo articolo

Alb.Mat. per “la Stampa

 

Je suis Charlie Je suis Charlie

L’uomo più famoso di Francia è uno sconosciuto nemmeno tanto illustre. Si chiama Joachim Roncin e fa il direttore artistico al periodico «Stylist». Mercoledì alle 11.52, pochi minuti dopo le prime notizie sulla strage a «Charie Hebdo», ha postato su Twitter il logo celebre: fondo nero, scritta «Je suis Charlie».

Je suis Charlie Je suis Charlie

 

È stato ripreso dappertutto, riprodotto sui giornali, sui badge, sui manifesti. Ieri, fra le centinaia di migliaia di persone in piazza in Francia, erano pochi a non portare addosso questo logo semplice ma efficacissimo.

 

«Ho fatto quest’immagine perché non avevo parole», ha raccontato lui. «Il fatto è che leggo spesso a mio figlio il libro “Dov’è Charlie?” e l’idea mi è venuta così, per caso». Di tweet in tweet, quelle tre parole a lutto hanno fatto e continuano a fare il giro del mondo e soprattutto delle coscienze. «E’ molto strano, è una cosa più grande di me», dice monsieur Roncin. Ma la sua ispirazione ha ispirato il mondo.

Je suis Charlie Je suis Charlie

 

 

Condividi questo articolo

politica

UN PAESE DA LICENZIARE - I SINDACATI MINACCIANO LO SCIOPERO GENERALE SE IL BLOCCO DEI LICENZIAMENTI NON SARÀ ESTESO PER TUTTO IL 2020 - L'ALLUNGAMENTO POTREBBE ARRIVARE SOLO PER LE AZIENDE CHE UTILIZZERANNO LA CASSA INTEGRAZIONE. PER TUTTE LE ALTRE IL PROVVEDIMENTO, FINORA PREVISTO FINO AL 17 AGOSTO, POVREBBE SCADERE INVECE A METÀ OTTOBRE - NANNICINI: C'È UNA PENTOLA A PRESSIONE CHE POI SCOPPIERÀ. RISCHIAMO DI CREARE UNA BOMBA SOCIALE NEL 2021, QUANDO NON CI SARANNO PIÙ SOLDI DA SPENDERE…”