‘’JE SUIS CHARLIE’’ È STATO RIPRESO DAPPERTUTTO, RIPRODOTTO SUI GIORNALI, SUI BADGE, SUI MANIFESTI. L’AUTORE SI CHIAMA JOACHIM RONCIN E FA IL DIRETTORE ARTISTICO AL PERIODICO “STYLIST”

«Ho fatto quest’immagine perché non avevo parole», ha raccontato lui. «Il fatto è che leggo spesso a mio figlio il libro “Dov’è Charlie?” e l’idea mi è venuta così, per caso». Di tweet in tweet, quelle tre parole a lutto hanno fatto e continuano a fare il giro del mondo e soprattutto delle coscienze….

Condividi questo articolo


Alb.Mat. per “la Stampa

 

Je suis Charlie Je suis Charlie

L’uomo più famoso di Francia è uno sconosciuto nemmeno tanto illustre. Si chiama Joachim Roncin e fa il direttore artistico al periodico «Stylist». Mercoledì alle 11.52, pochi minuti dopo le prime notizie sulla strage a «Charie Hebdo», ha postato su Twitter il logo celebre: fondo nero, scritta «Je suis Charlie».

Je suis Charlie Je suis Charlie

 

È stato ripreso dappertutto, riprodotto sui giornali, sui badge, sui manifesti. Ieri, fra le centinaia di migliaia di persone in piazza in Francia, erano pochi a non portare addosso questo logo semplice ma efficacissimo.

 

«Ho fatto quest’immagine perché non avevo parole», ha raccontato lui. «Il fatto è che leggo spesso a mio figlio il libro “Dov’è Charlie?” e l’idea mi è venuta così, per caso». Di tweet in tweet, quelle tre parole a lutto hanno fatto e continuano a fare il giro del mondo e soprattutto delle coscienze. «E’ molto strano, è una cosa più grande di me», dice monsieur Roncin. Ma la sua ispirazione ha ispirato il mondo.

Je suis Charlie Je suis Charlie

 

 

Condividi questo articolo

politica

VIDEO STRACULTISSIMO! UN SURVOLTATO BLANCO DEVASTA IL PALCO DI SANREMO: DISTRUTTI VASI E FIORI DELL'ARISTON. IL MOTIVO? NON RIUSCIVA A SENTIRE LA SUA VOCE IN CUFFIA – AMADEUS: “ERA DAI TEMPI DI BUGO E MORGAN CHE NON SUCCEDEVA UNA COSA COSÌ” – E MORANDI FINISCE CON LA SCOPA IN MANO - LA STANDING OVATION A MATTARELLA E LA LEZIONE DI ANTIFASCISMO DI BENIGNI (SARANNO FISCHIATE LE ORECCHIE A MELONI E CAMERATI) – SIGFRIDO RANUCCI PUNGE ROBERTACCIO: “MOLTO BELLO IL MONOLOGO SULL’ART. 21 SONO CERTO CHE PER COERENZA RITIRERÀ LA QUERELA CHE NEL 2017 HA PRESENTATO NEI CONFRONTI DEL SOTTOSCRITTO E DI REPORT” – IL PIPPONE DELLA FERRAGNI IN NUDE LOOK - IN TESTA MENGONI CON UNA MISE A META’ TRA SCIALPI E "IL VIGILE" DI SORDI – VIDEO

“PSICO-NANO” UMILIATO DA “NANA BIONDA” – AL SUCCESSO DI FDI SI ACCOMPAGNA IL TRAMONTO DI FORZA ITALIA A MILANO, L’ANTICA ROCCAFORTE DOVE TUTTO EBBE INIZIO. - MA NON È SOLO IL CAVALIER POMPETTA A ESSERE TRAVOLTO DA QUESTO SLITTAMENTO DEI RAPPORTI DI FORZA, ANCHE LA LEGA RISCHIA LA STESSA SORTE - A DIFFERENZA DI SALVINI, RESTA IL FATTO CHE BERLUSCONI NON HA OGGI UN’ALTRA STRADA DA IMBOCCARE. SE L’ELETTORATO LIBERAL-CONSERVATORE, SPECIE AL NORD, SI SPOSTA A DESTRA, EGLI NE PORTA LA RESPONSABILITÀ…

"AGLI ITALIANI È PIACIUTO QUELLO CHE GIORGIA MELONI HA DETTO. E DEVO DIRE CHE È PIACIUTA ANCHE A ME” - OSPITE DI “TAGADÀ”, PETER GOMEZ SPOSA LA LINEA DURA DEL GOVERNO SUL CASO COSPITO: “I CITTADINI HANNO PERCEPITO LA FERMEZZA DELLO STATO ED È STATO UN GROSSO BOOSTER PER MELONI” - L’ATTACCO AI PARLAMENTARI DEL PD CHE HANNO FATTO VISITA AL TERRORISTA IN CARCERE: “ANDARE A PARLARE CON UN DETENUTO AL 41 BIS E SENTIRSI DIRE ‘PRIMA DI PARLARE CON ME, DOVETE ANDARE A PARLARE CON LORO’, CIOÈ TRE DETENUTI TRA CUI PIETRO RAMPULLA, ARTIFICIERE DELLA STRAGE DI CAPACI, SIGNIFICA NON CAPIRE CHE LA BATTAGLIA DI COSPITO È UNA BATTAGLIA ‘ANCHE PER CONTO DELLA MAFIA”