KAZAKI AMARI - TORNA A PARLARE MUKHTAR ABLYAZOV, PROTAGONISTA DEL "CASO SHALABAYEVA" CHE PER POCO NON FECE CADERE L'EX MINISTRO DELL'INTERNO ALFANO E IL GOVERNO LETTA: "GRATO ALL'ITALIA PER LE CONDANNE, PECCATO SIANO SFUGGITI AL GIUDIZIO MAGISTRATI E POLITICI... MIA MOGLIE E MIA FIGLIA SONO STATE DEPORTATE ILLEGALMENTE IN KAZAKHSTAN E LASCIATE PER SETTE MESI IN OSTAGGIO DEL REGIME. ANCORA ADESSO"

-

Condividi questo articolo


Da "Oggi"

 

COPERTINA OGGI 15-22 APRILE 2021 COPERTINA OGGI 15-22 APRILE 2021

«Il 28 maggio 2013 ero in centro a Roma e un dirigente kazakho del più alto livello mi chiamò e fece una strana allusione. "L'Italia non fa per te", disse. Non capii, ma poche ore più tardi quando mi avvisarono del blitz a casa di mia moglie e di mia figlia, tutto fu chiaro. Saltai in macchina e scappai in Francia».

 

Nel numero in edicola da domani del settimanale OGGI, l'uomo d'affari e oppositore del regime Kazakho, Mukhtar Ablyazov, racconta per la prima volta come sfuggì alla caccia all'uomo scatenata dalla polizia italiana e dai servizi kazakhi e come visse l'odissea della moglie Alma e della figlia Alua, strappate da casa, deportate illegalmente in Kazakhstan e lasciate per sette mesi «in ostaggio del regime del presidente Nazarbaiev».

 

L'intervista è stata rilasciata a Parigi, dove Ablyazov ha ottenuto asilo politico. A Pasqua lo hanno raggiunto la moglie Alma e la figlia Alua, che vivono stabilmente a Roma.

 

Alma Shalabayeva e Mukhtar Ablyazov con la figlia Alma Shalabayeva e Mukhtar Ablyazov con la figlia

Il loro caso provocò uno scandalo che per poco non fece cadere il ministro dell'Interno Angelino Alfano e il neonato governo di Enrico Letta. E si è concluso con la condanna dei sette imputati, tra cui i super poliziotti Renato Cortese e Maurizio Improta: «La sentenza del tribunale di Perugia è un documento esemplare», dice Ablyazov, «perché pone in primo piano il rispetto dei diritti umani e della Costituzione e denuncia senza reticenze gli errori e i reati commessi da apparati dello Stato. Peccato che siano sfuggiti al giudizio i magistrati che avevano dato il nulla osta all'espulsione, gli uomini dell'ambasciata kazakha e chi, al più alto livello politico, deve aver avallato l'operazione… Ho dei sospetti, non ho prove e quindi non faccio nomi. Dico solo che gli ordini sono arrivati da molto in alto, altrimenti non si spiegherebbe la determinazione con cui è intervenuta la Polizia».

 

alma shalabayeva in tribunale alma shalabayeva in tribunale

Ablyazov vive perennemente in fuga, cambiando in continuazione casa e continua a denunciare i crimini della dittatura di Nazarbaiev «capace di interferire col funzionamento delle istituzioni di un paese democratico come l'Italia».

 

alma shalabayeva alma shalabayeva

Ablyazov rivela a OGGI per la prima volta: «Avevo un piano di fuga per Alma e Alua, caricarle su un bimotore, farle arrivare in Kirghizistan e da lì in Europa. Era rischioso ma eravamo pronti a tutto. Poi la pressione internazionale è salita e abbiamo capito che il regime avrebbe ceduto, liberando Alma e Alua».

 

ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA

Nell'intervista interviene anche Alma: «La reazione del pubblico italiano m’ha impressionato… Non eravamo italiani eppure siamo stati investiti da un’ondata di affetto, di solidarietà, di amore, che non potrò mai dimenticare».

angelino alfano roberto garofoli enrico letta angelino alfano roberto garofoli enrico letta ANGELINO ALFANO ENRICO LETTA GREAT GATSBY ANGELINO ALFANO ENRICO LETTA GREAT GATSBY ABLYAZOV FAMILY ABLYAZOV FAMILY Ablyazov Ablyazov mukthar ablyazov figlia alua e alma shalabayeva mukthar ablyazov figlia alua e alma shalabayeva Mukhtar Ablyazov Mukhtar Ablyazov ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA

 

Condividi questo articolo

politica

BIBÌ E BIBÒ A PALAZZO CHIGI - SEMBRA CHE DRAGHI SI STIA RENDENDO CONTO CHE I SUOI DIOSCURI, IL SOTTOSEGRETARIO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO GAROFOLI E IL CAPO DI GABINETTO FUNICIELLO, SI STANNO AD “ALLARGA’”. SOPRATTUTTO IL GIOVANE E SPAVALDO FUNICIELLO. GAROFOLI È PIÙ SOTTILE - PUR PENTENDOSI DI AVER ASCOLTATO I CONSIGLI DI LETTA E GENTILONI, SUPERMARIO, AL MOMENTO, LASCIA CORRERE MA BIBÌ E BIBÒ FAREBBERO UN GRAVE ERRORE SE PENSASSERO CHE DRAGHI NON ABBIA OCCHI ED ORECCHIE OVUNQUE…