“COME E’ POSSIBILE CHE NESSUNO SE NE SIA ACCORTO?” - DOPO LA FIGURACCIA SUL REDDITOMETRO, CON UN DECRETO RITIRATO NEL GIRO DI 24 ORE, DENTRO FRATELLI D’ITALIA INIZIA IL TIRO AL PICCIONE VERSO I SOTTOSEGRETARI MANTOVANO E FAZZOLARI, ACCUSATI DI NON AVER CONTROLLATO ABBASTANZA, PROPRIO LORO CHE SUPERVISIONANO I PUNTI E LE VIRGOLE DI OGNI PROVVEDIMENTO - CON I SONDAGGI IN CALO, GIORGIA MELONI HA FATTO DIETROFRONT SUL REDDITOMETRO PER EVITARE DI PERDERE ALTRI VOTI ALLE EUROPEE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Stefano Iannaccone per “Domani”

 

GIORGIA MELONI MAURIZIO LEO GIORGIA MELONI MAURIZIO LEO

[…] Giorgia Meloni […] stapperebbe spumante, rigorosamente made in Italy, già per il 30 per cento. […] occorre […] mettersi a guardia dell’esistente, compresi i voti assegnati dalle ultime rilevazioni degli istituti di ricerca che nelle ultime settimane sono diventati sempre meno lusinghieri. Con il Pd che si sta pericolosamente avvicinando mentre FdI cala (22,5 per cento contro 26,5 secondo l’ultimo sondaggio Ipsos di ieri).

 

meloni mantovano meloni mantovano

In soldoni: va difeso con le unghie e con i denti pure lo “zero virgola” dei consensi. Nessun passo indietro di fronte alla ragionevolezza, al costo di rinunciare a misure di buonsenso come l’incrocio dei dati delle spese parametrate al tenore di vita. Il famigerato redditometro che avrebbe potuto risucchiare voti alle europee. In un primo momento Meloni ha temporeggiato. […] Poi ha rotto gli indugi e affondato lo strumento anti-evasori, interpretato come il disastro perfetto confezionato dal suo fedelissimo, il viceministro Maurizio Leo, sotto la distrazione dell’intera squadra di governo.

 

meloni fazzolari meloni fazzolari

Il prezzo elettorale sarebbe stato troppo alto: a poche settimane dalle elezioni è stato un affronto a un elettorato che guarda quantomeno con benevolenza al partito di Meloni, che si sente l’erede della tradizione “no-tax” inaugurata da Silvio Berlusconi. […] Meloni ha sospeso un decreto legislativo fresco di pubblicazione. Un cortocircuito clamoroso: il governo che sconfessa sé stesso nel giro di poche ore. […]

 

Appena diffusa la notizia del redditometro, infatti, sono state consegnate decine di note stampa dei parlamentari di Fratelli d’Italia che giuravano come il redditometro non fosse un vero redditometro, alzando il ditino contro le presunte fake news della stampa cattiva. […] Del resto gli alleati, da Antonio Tajani a Matteo Salvini, hanno […] cannoneggiato ad alzo zero sul redditometro. Il risultato è stato un raro esercizio di dilettantismo al potere […]

maurizio leo giorgia meloni maurizio leo giorgia meloni

 

A palazzo Chigi la presidente del Consiglio ha perciò chiesto conto della vicenda ai suoi, a cominciare dai pretoriani, i sottosegretari alla presidenza, Giovanbattista Fazzolari e Alfredo Mantovano, che supervisionano i punti e le virgole di ogni provvedimento.

 

Insomma, va bene Leo, che è stato rampognato ma anche perdonato perché «la comunicazione non è il suo forte», sospirano dentro Fratelli d’Italia, ma «come è possibile che nessuno se ne sia accorto?», ha sostanzialmente chiesto Meloni ai suoi. Compreso i componenti dello staff. Soprattutto Mantovano ha deluso le aspettative, è l’uomo che passa al setaccio i testi, Fazzolari è considerato più l’uomo della comunicazione. Il decreto del Mef è uscito fuori dai loro radar, in un mix di leggerezza e pressappochismo.

 

MELONI FAZZOLARI MELONI FAZZOLARI

Ora la presidente del Consiglio vuole tornare alla casella di partenza, al colpo di scena per evitare che il cammino verso il voto dell’8-9 giugno diventi un faticoso trascinamento. Aveva provato a lasciare il segno con il bonus tredicesime […] Il ministro Giancarlo Giorgetti ha fatto capire che non c’era spazio nelle pieghe del bilancio. Si è arrivati quindi a una mancetta-boomerang di una misura che si vedrà solo a gennaio del prossimo anno, con un intervento una tantum e per una platea limitata […] Perciò Meloni ha rinnovato la richiesta di impegno per il colpo di scena. […]

giorgia meloni alfredo mantovano giorgia meloni alfredo mantovano

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ