“LA MAGGIORANZA NON SI DEVE SPACCARE SUL VOTO PER IL COLLE, ALTRIMENTI MANDARE AVANTI IL GOVERNO SARÀ IMPOSSIBILE” – L’AVVISO AI PARTITI DI DRAGHI CHE INCONTRA MATTARELLA E FICO. SI PARLA DI UNO SCHEMA CHE VEDREBBE LUI AL QUIRINALE E LA CARTABIA ALLA GUIDA DEL GOVERNO MA PIOVONO SMENTITE – SALVINI: “DIFFICILE SPOSTARE DRAGHI DA PALAZZO CHIGI”. MA IL DEM ZANDA AVVISA: “IL PREMIER NON DEVE ESSERE USATO PER GIOCHI POLITICI”

- -

 

-

Condividi questo articolo


Monica Guerzoni per corriere.it

draghi draghi

Il passo del premier resta felpato, ma il cambio di marcia spiazza i partiti e sorprende i ministri. Perché un’agenda così fitta di incontri, proprio nel giorno in cui la candidatura di Berlusconi sembra avviata verso il viale del tramonto? Al mattino Mario Draghi sale al Quirinale per un colloquio con il presidente, Sergio Mattarella. A metà pomeriggio il capo del governo varca la soglia di Montecitorio e si chiude per un’ora con il presidente della Camera, Roberto Fico. Rientrato a palazzo Chigi, Draghi riceve la ministra Marta Cartabia, la responsabile dell’Istruzione Maria Cristina Messa e il ministro della Difesa Lorenzo Guerini.

 

In Parlamento e nell’esecutivo si scatenano le ricostruzioni. E prende quota la suggestione che Draghi si sia consultato con il capo dello Stato e poi con il presidente della Camera per valutare la fattibilità di uno schema che vedrebbe lui al Quirinale e la ministra della Giustizia alla guida del governo. Ma nelle stanze della presidenza del Consiglio, dove «le bocche sono cucite» e il premier ha chiesto a tutti di muoversi «con grande discrezione e cautela», smentiscono qualsiasi interpretazione: la «mossa» di Draghi non sarebbe tale.

marta cartabia atreju marta cartabia atreju

 

 

La visita a Sergio Mattarella? «Un incontro istituzionale sull’attività del governo», che rientra nella consueta attività di un premier «in un momento politico così delicato». I due presidenti si vedono continuamente e dunque, a sentire la comunicazione di Draghi, il faccia a faccia di ieri non va legato alla partita del Quirinale.

 

mario draghi mario draghi

Perché mai allora l’ex capo della Bce è andato a incontrare Fico, che oltre a essere il presidente della Camera è anche un «big» del Movimento 5 Stelle, con tutti i numeri per fare da pontiere? A sentire diversi deputati, che temono come la peste il voto anticipato, Fico avrebbe illustrato a Draghi i numeri degli schieramenti in vista delle votazioni sul Quirinale. E il presidente del Consiglio gli avrebbe chiesto se i gruppi del M5S potranno mai convergere sul suo nome, dopo che ai parlamentari Giuseppe Conte ha detto «Draghi deve restare al governo».

 

 

mario draghi roberto fico maria elisabetta alberti casellati sergio mattarella accademia dei lincei mario draghi roberto fico maria elisabetta alberti casellati sergio mattarella accademia dei lincei

Per gli staff di Fico e Draghi sono tutte illazioni. La formula-fotocopia concordata tra i portavoce di Chigi e Montecitorio è secca: «Consueto incontro istituzionale». Resta da spiegare il colloquio tra Draghi e Cartabia e qui la risposta ufficiale viene facile, perché oggi alle 9 la ministra terrà la relazione sull’amministrazione della Giustizia. Insomma, la versione di Chigi è che il capo del governo non ha voluto inviare alcun segnale politico ai partiti e al Parlamento e non c’è alcun lavorìo di tessitura per favorire la sua ascesa al Colle e costruire un nuovo governo.

 

E se non sono in agenda incontri con Letta, Conte, Salvini, Berlusconi, Renzi e Speranza è perché Draghi non si è candidato al Quirinale e nessuno lo ha candidato. Un solo concetto, che suona come un avvertimento ai leader dei partiti, il premier non si stanca a porte chiuse di ribadire: «La maggioranza non si deve spaccare, altrimenti mandare avanti il governo sarà impossibile».

draghi draghi

 

A Palazzo Chigi si lavora sul caro bollette e sui sostegni economici, ma sarebbe surreale pensare che non si tengano d’occhio le manovre nel centrodestra, epicentro del terremoto Berlusconi. Nessuno dei due schieramenti ha i numeri per farcela da solo. E se l’anziano ex premier si arrende al passo indietro e decide di uscirne da uomo di Stato, come gli ha suggerito Gianni Letta prima e dopo aver incontrato il capo di Gabinetto di Draghi, Antonio Funiciello, può aprirsi la via a un presidente della Repubblica condiviso. Soluzione che piacerebbe a Base riformista, la corrente Pd guidata, guarda caso, da Guerini.

luigi zanda foto di bacco luigi zanda foto di bacco

 

Dal Senato, il dem Luigi Zanda osserva preoccupato i tormenti dei partiti e ricorda che «Draghi è una personalità a cui l’Italia deve molto, ha salvato l’euro e ha accettato di fare il premier un anno fa evitando le elezioni anticipate». Conclusione e monito di Zanda: «Il premier non deve essere usato per giochi politici».

consultazioni sergio mattarella con roberto fico consultazioni sergio mattarella con roberto fico mario draghi mario draghi

 

Condividi questo articolo

politica

IL RITORNO DEI "RIVOLUZIONARI" IN SUDAMERICA - A UNA SETTIMANA DALLE PRESIDENZIALI IN COLOMBIA, IL SUPERFAVORITO È GUSTAVO PETRO, EX SINDACO DI BOGOTÁ CHE DA GIOVANE FACEVA PARTE DELL'M-19, MOVIMENTO "ANTI-IMPERIALISTA" RESPONSABILE DI ALCUNI DEGLI EPISODI PIÙ TRAGICI NELLA STORIA DEL PAESE - NEL SUO PROGRAMMA C'È LA FINE DELLA GUERRA ALLA DROGA, LO STOP ALLE ESTRADIZIONI E LA REVISIONE DEL TRATTATO DI LIBERO SCAMBIO CON GLI USA - SE PETRO SARÀ ELETTO (E DOPO DI LUI LULA IN BRASILE) ARRIVEREBBE A SETTE IL NUMERO DI NAZIONI DELL'AMERICA LATINA CON PRESIDENTI DI SINISTRA…

“SARÀ LÌ, SULLE MACERIE FUMANTI, CHE COMPARIRÀ GIGGINO” - FABRIZIO RONCONE: “QUAL E' IL PIANO CHE HA IN MENTE LUIGI DI MAIO? PER ADESSO, LA SCENA E' QUESTA: LASCIA CHE CONTE PUNZECCHI DRAGHI A GIORNI ALTERNI, BEN SAPENDO CHE UNA CRISI DI GOVERNO SAREBBE PURA FOLLIA” - “INTANTO LEGGE I SONDAGGI: L’ULTIMO, FERALE, STIMA I 5 STELLE AL 13,2%. IL PRIMO TRACOLLO UFFICIALE E' PREVISTO ALLE PROSSIME AMMINISTRATIVE, A GIUGNO. GIGGINO NON DIRA' NULLA. LA DOMANDA SARA' SOTT’INTESA: ‘O ME, O CONTE. DECIDETE’…”