“MAI UN LEADER ERA STATO UMILIATO COSÌ IN SOLI SETTE MESI” - IL GENERALE DAVID PETRAEUS BASTONA BIDEN PER LA GESTIONE DISASTROSA DEL RITIRO DALL’AFGHANISTAN - “SLEEPY JOE” È STATO ABBANDONATO ANCHE DA “NEW YORK TIMES” E “WASHINGTON POST”, I QUOTIDIANI LIBERAL PER ECCELLENZA CHE L’AVEVANO APPOGGIATO PER FAR FUORI TRUMP - NEGLI USA CI SI CHIEDE PER QUANTO TEMPO IL 78ENNE POSSA RIMANERE A CAPO DELLA PRIMA POTENZA MONDIALE: MA IN CASO DI RIMOZIONE LAMPO O DIMISSIONI FORZATE, ARRIVEREBBE LA GAFFEUR KAMALA…

-

Condividi questo articolo


Da www.liberoquotidiano.it

 

david petraeus barack obama david petraeus barack obama

"Gli Usa hanno fatto tanti errori all’estero, ma mai un leader era stato così umiliato in soli sette mesi dall’arrivo al potere": a lanciare questo pesante giudizio contro il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è stato il generale David Petraeus, grande stratega, colui che scongiurò la disfatta nell’Iraq sotto Bush junior. Il riferimento è, ovviamente, alla crisi in Afghanistan, dove dopo l'arrivo dei talebani si è manifestata la necessità di evacuare più cittadini possibile.

 

JOE BIDEN E LA PRESA DI KABUL DA PARTE DEI TALEBANI - MEME BY EMAN RUS JOE BIDEN E LA PRESA DI KABUL DA PARTE DEI TALEBANI - MEME BY EMAN RUS

Contro il numero uno della Casa Bianca, in effetti, le critiche negli ultimi giorni sono state numerose. E non sono arrivate solo dai suoi detrattori. A puntare il dito contro di lui sono stati anche i quotidiani dem che lo avevano appoggiato al momento dell'elezione. In primis il Washington Post, dove la giornalista Emma Ashford si è chiesta: "C’è un cervello in chi dà gli ordini ai soldati?".

 

Il Giorno fa notare che il nome di Biden non viene citato espressamente, ma è innegabile che il Commander in Chief sia lui. La stampa dem, inoltre, si chiede se - davanti alle immagini in arrivo da Kabul - la parola degli Usa sia ancora credibile".

david petraeus david petraeus

 

Adesso, inoltre, ci si chiede per quanto tempo ancora Biden, 78 anni, possa rimanere a capo di una potenza come gli Stati Uniti. Per alcuni, infatti, l'ipotesi più probabile al momento sarebbe proprio quella delle dimissioni. E mentre su di lui aleggia lo spettro di una rimozione lampo, il suo gradimento va a picco.

EMMA ASHFORD EMMA ASHFORD afghanistan genitori affidano figli ai militari 3 afghanistan genitori affidano figli ai militari 3 kamala harris joe biden kamala harris joe biden AFGHANISTAN - UNA FOLLA ACCLAMA KHALIL HAQQANI AFGHANISTAN - UNA FOLLA ACCLAMA KHALIL HAQQANI afghanistan evacuazione di cittadini afghani all aeroporto di kabul 6 afghanistan evacuazione di cittadini afghani all aeroporto di kabul 6 afghanistan genitori affidano figli ai militari 2 afghanistan genitori affidano figli ai militari 2 i talebani giustiziano il capo della polizia afgana haji mullah achakzai 1 i talebani giustiziano il capo della polizia afgana haji mullah achakzai 1 osama bin laden osama bin laden TALEBANI IN AFGHANISTAN TALEBANI IN AFGHANISTAN AFGHANISTAN - TALEBANI SULLE AUTO SCONTRO AFGHANISTAN - TALEBANI SULLE AUTO SCONTRO joe biden 3 joe biden 3 afghanistan le foto di steve mccurry 7 afghanistan le foto di steve mccurry 7 il discorso di joe biden dopo la caduta di kabul il discorso di joe biden dopo la caduta di kabul afghanistan evacuazione di cittadini afghani all aeroporto di kabul 4 afghanistan evacuazione di cittadini afghani all aeroporto di kabul 4 paul bremer david petraeus paul bremer david petraeus joe biden 1 joe biden 1 david petraeus con jim gant david petraeus con jim gant ROBERT GATES CON DIETRO PETRAEUS ROBERT GATES CON DIETRO PETRAEUS david petraeus george bush david petraeus george bush

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! - NELLA GIUNGLA DEI SONDAGGI, QUELLO CHE È CERTO È CHE IL CARROCCIO NON TIRA AL NORD COME UNA VOLTA E OGGI SALVINI HA IL SUO BACINO DI CONSENSI NEL CENTROSUD, ABBANDONATO DALLA VECCHIA LEGA DI ZAIA E FEDRIGA - L’ATTIVISMO SFRENATO DEL CAPITONE, CHE TANTO IRRITA SIA LA MELONI CHE IL QUIRINALE, È MOTIVATO DALLA SFIDA CHE VEDE CONTRAPPOSTI ATTILIO FONTANA E LETIZIA MORATTI. L’EROE DEL PAPEETE SA BENISSIMO CHE SE PERDE LA LOMBARDIA, E’ FINITO. IN SOCCORSO DI SALVINI, È SPUNTATO IL MINORINO MAJORINO, APICE DEL TAFAZZISMO DEL PD….

“MARIE THERESE MUKATSINDO AVEVA TRASFORMATO SE STESSA IN UNA SPECIE DI WANNA MARCHI DELL’ACCOGLIENZA” – “LA VERITÀ”: “LA KARIBU NON SAREBBE STATA UNA COOPERATIVA, MA UNA DITTA A CONDUZIONE FAMIGLIARE O AL MASSIMO UN'ASSOCIAZIONE. CHE NEL GIRO DI POCHI ANNI AVREBBE GESTITO PIÙ DI 60 MILIONI DI EURO DI FONDI PER L'ACCOGLIENZA. UN FIUME DI DENARO EROGATO SENZA CHE NESSUNO SI ACCORGESSE DELLA REALE NATURA DELLE DUE COOP. UNA PICCOLA HOLDING CHE HA POTUTO NON PAGARE OLTRE 1 MILIONI DI EURO DI TASSE E PIÙ DI 100.000 EURO DI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI” – LO STIPENDIO DA 4.500 EURO E LETTERE CHE SMENTISCONO LA MOGLIE DI SOUMAHORO

RENZI VUOLE ALLA VIGILANZA RAI LA BOSCHI. E “IL FATTO QUOTIDIANO” LO UCCELLA ‘’PER I RAPPORTI DI AFFARI CON LUCIO PRESTA. OSSIA L'AGENTE DEI VIP ACCREDITATO DI FARE IL BELLO E IL CATTIVO TEMPO IN RAI (E PERSINO I PALINSESTI) E INDAGATO ASSIEME A RENZI PER "RAPPORTI CONTRATTUALI FITTIZI" DIETRO I QUALI SI NASCONDEREBBE UN PRESUNTO FINANZIAMENTO ALLA POLITICA. TRA I CONTRATTI FIRMATI CON RENZI, QUELLO PER LA REALIZZAZIONE DEL DOCUMENTARIO "FIRENZE SECONDO ME" PER IL QUALE RENZI HA INCASSATO CIRCA 450 MILA EURO, ANDATO IN ONDA SU DISCOVERY LE CUI RIPRESE ERANO INIZIATE QUANDO ANCORA IL NETWORK ERA DIRETTO DA MARINELLA SOLDI, ORA PRESIDENTE DELLA RAI…