“RENZI E CALENDA HANNO UNA CERTA ABITUDINE A FREGARE IL PROSSIMO” – ENRICO LETTA SFODERA GLI ARTIGLI CONTRO I DUE “TRADITORI” DEL CENTROSINISTRA: “QUESTA È UNA CAMPAGNA IN CUI GLI ITALIANI AVRANNO UN’OPZIONE, CHE È LA DESTRA UNITA. POI CI SIAMO NOI. LE ALTRE SONO SCELTE CHE AIUTANO LA DESTRA” – “LA BATTUTA SULLA MELONI CHE SI INCIPRIA? È STATA INFELICE, NON HO PROBLEMI A DIRLO”

- -

 

-

Condividi questo articolo


Da www.liberoquotidiano.it

 

enrico letta e gli occhi della tigre by istituto lupe enrico letta e gli occhi della tigre by istituto lupe

Volano stracci all'interno del centrosinistra. Ad aprire le danze, Enrico Letta, reduce dal "tradimento" di Carlo Calenda. Il leader di Azione ha preferito Matte Renzi a lui. "Loro due - commenta al vetriolo il segretario del Partito democratico - hanno un certa abitudine entrambi a fregare il prossimo. Questa è una campagna nella quale gli italiani avranno un’opzione che è la destra unita, poi c’è l’altra che siamo noi".

 

Parlando poi degli avversari, il dem prosegue: "Le altre sono scelte che oggettivamente aiutano la destra. Spero che alcune personalità in quelle liste di esponenti come Gelmini e Carfagna, possa svolgere un ruolo importate. Faccio gli auguri al terzo polo perchè facciano bene nell’interesse del Paese".

 

ENRICO LETTA CARLO CALENDA ENRICO LETTA CARLO CALENDA

Ecco allora che non può mancare lei, Giorgia Meloni: "Quella su di lei è stata una battuta infelice, non ho problemi a dirlo. Parlando di corsa queste cose succedono. Avrei potuto usare maquillage o qualsiasi altro termine che può significare mascherare". Immediata la replica di Calenda: "Asilo Mariuccia Enrico Letta. Questa volta hai fatto tutto da solo. Sapevi cosa sarebbe avvenuto se avessi firmato quel patto ed hai pensato di tenerci legati comunque con le firme. Hai scelto. E una persona che vuole guidare il paese si assume le sue responsabilità".

ENRICO LETTA MATTEO RENZI 1 ENRICO LETTA MATTEO RENZI 1 CARLO CALENDA ENRICO LETTA MEME CARLO CALENDA ENRICO LETTA MEME ENRICO LETTA ENRICO LETTA

 

Condividi questo articolo

politica

IN IRAN AMMAZZANO LE RAGAZZE E POI DANNO LA COLPA PER LE PROTESTE AGLI STATI UNITI - DOPO 15 GIORNI DI SCONTRI PER MAHSA AMINI, 22ENNE PRIMA ARRESTATA E POI UCCISA DALLA POLIZIA PER AVER INDOSSATO MALE IL VELO, È INTERVENUTO L'AYATOLLAH ALI KHAMENEI: "QUESTE RIVOLTE SONO STATE PROGETTATE DALL'AMERICA E DAL FALSO REGIME SIONISTA" - NEL MENTRE GLI SCONTRI NON SI FERMANO, LE DONNE SI LEVANO IL VELO IN SEGNO DI PROTESTA E I MANIFESTANTI CONTINUANO AD ESSERE UCCISI PER LA STRADA - VIDEO